Anteprima Asus Memopad 10 (ME103K)

Il nuovo tablet 10" Full HD di Asus è pronto ad arrivare nel mercato italiano.

anteprima Asus Memopad 10 (ME103K)
Articolo a cura di

Asus è una società che opera da diverso tempo in abito PC, grazie anche alla qualità dei prodotti proposti all'utenza. Da qualche anno ha cominciato ad inserirsi nel mercato dei tablet, ricevendo non pochi apprezzamenti; i prezzi che accompagnavano questi prodotti non erano bassissimi, ma si mantenevano in linea con quelli proposti da altri brand.
Attualmente anche coloro che non avevano mai utilizzato smartphone e tablet si stanno avvicinando a queste realtà, ma spesso trovano degli ostacoli, come ad esempio il prezzo; non sempre infatti è facile trovare dispositivi di qualità a prezzi bassi. Asus sembra però voler rendere accessibile a tutti questo tipo di prodotto, proponendo al pubblico MeMo Pad 10 ME103K. Si tratta di un tablet dalle caratteristiche tecniche minimali, nulla di troppo spinto, ma dal prezzo interessante.
Attualmente non esiste alcuna informazione ufficiale riguardante il lancio del prodotto, anche se alcune fonti rivelano che durante il mese di novembre il nuovo Asus MeMo Pad 10 sarà reso disponibile alla vendita in Belgio e in Olanda. Il prezzo iniziale dovrebbe essere di 199 euro.

Caratteristiche tecniche

Come abbiamo già accennato precedentemente, Asus MeMo Pad 10 ME103K si colloca in una fascia medio-bassa del mercato, sia per quanto riguarda il prezzo che le specifiche tecniche.
Il terminale è dotato di un display da 10.1 pollici con risoluzione 1280x800 pixel, 1GB di memoria RAM ed 8 GB dedicati all'archiviazione interna dei dati, espandibili grazie alla presenza dello slot microSD; oltre alla memoria fisica, il tablet include anche 5GB di storage online Asus Life Time, che sono sempre utili per archiviare i file ed averli disponibili ovunque ci si trovi.
Il comparto fotografico è del tutto simile a quello presente su altri tablet in commercio, infatti sul retro è posizionata una fotocamera che potrà essere da 2 o da 5 megapixel, a seconda delle preferenze dell'acquirente, mentre frontalmente ne è stata installata una da 0.3 megapixel per le videochiamate.
La connettività è del tutto in linea con quella presente nella maggioranza dei tablet, infatti troviamo sia la connessione Wi-Fi che il GPS, mentre non sono disponibili modelli 3G.
Un aspetto importante ma spesso sottovalutato dagli acquirenti è l'autonomia di un dispositivo, che dovrebbe assicurare tranquillità nell'utilizzo in mobilità del terminale, senza temere di restare a corto di energia; Asus assicura che la batteria del suo nuovo Memo avrà una durata che arriverà fino a 9,5 ore, niente di particolarmente eccezionale. Il dispositivo è dotato di sistema operativo Android 4.4 KitKat, con interfaccia utente personalizzata ZenUI, mentre le dimensioni sono 256 x 174 mm con uno spessore pari a 9.9 mm e 525 grammi di peso. Il terminale sarà disponibile in due colorazioni: bianco e nero.

UN PROCESSORE DATATO NON È POI COSÌ MALE

Il predecessore MeMo Pad 10 è stato criticato da molti a causa del processore Rockchip (anche se successivamente è stata proposta una variante con chip Snapdragon), così Asus ha scelto di proporre un nuovo tablet dalle caratteristiche simili, ma con un SoC diverso; sul tablet infatti troviamo installato un Quad-core Qualcomm Snapdragon S4 Pro APQ8064, composto da un processore quad-core ARM Cortex A9 da 1.5 GHz e da una GPU Adreno 320, che certamente non rappresenta una novità (è stato adottato anche da Nexus 4), ma che regala prestazioni adeguate ancora oggi.
Il mondo della tecnologia è in continua evoluzione, sempre volto al futuro; vengono compiuti costantemente dei passi in avanti, progettando device e componenti sempre più potenti. La velocità di progresso in questo settore ha come conseguenza il fatto che ogni nuovo prodotto in poco tempo venga svalutato da un qualcosa di migliore, di più potente; ciò che oggi è il top, domani potrebbe rappresentare la normalità, e il giorno dopo essere considerato obsoleto. È il bello (o il brutto?) della tecnologia.
Nel caso del nuovo tablet di casa Asus, è stato scelto un processore che viene considerato datato, ma in un tempo non poi così lontano, ha rappresentato una delle migliori soluzioni disponibili. Se guardiamo le cose in questa prospettiva, ci rendiamo conto di quanto siamo influenzati dalla costante ricerca della nuovo, del migliore, e così facendo non riusciamo a notare che anche le cose che consideriamo vecchie e sorpassate possono ancora essere buone, essendo in grado di esprimere le proprie potenzialità ancora oggi.

Asus Memopad 10 (ME103K) Asus mira a conquistare una maggior quota di mercato con questo prodotto. Il prezzo è infatti allettante, soprattutto se pensiamo che spesso il costo dei dispositivi si discosta poi sensibilmente dal prezzo di lancio (da 200 euro si potrebbe abbassare di qualche decina di euro). Si potrebbe osservare che il processore sia datato, e che 1 GB di RAM sia poco alle porte del 2015, ma dobbiamo tenere conto del fatto che si tratta di un 10 pollici al costo di 200 euro; inoltre non dobbiamo dimenticare che 1 GB di RAM può anche bastare, salvo esigenze particolari, a patto di avere un software ben ottimizzato. Si può quindi affermare che chi desidera avere un tablet valido, senza però pretendere troppo da un punto di vista prestazionale, troverà nel nuovo MeMo Pad 10 un buon prodotto, in grado di eseguire in modo soddisfacente la maggior parte dei compiti. Il fatto che il device possieda uno schermo da 10 pollici è certamente un punto a favore di Asus, poiché i display di queste dimensioni spesso sono accompagnati da costi più elevati, inoltre l'intero asset, seppur non sia all'avanguardia, permette di far girare tranquillamente le applicazioni presenti sul Play Store, compresi i giochi, grazie anche alla GPU Adreno 320. Ovviamente non sarà in grado di compiere delle operazioni che richiedono un hardware più spinto e non potrà gestire un multitasking pesante, ma per un utilizzo quotidiano normale può rappresentare un'alternativa ai prodotti più costosi.