Anteprima Benq PT2200

Tablet o schermo per computer? Da Benq arriva un ibrido dalla doppia vita.

anteprima Benq PT2200
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Il marchio BenQ è molto noto e apprezzato in ambito PC. Nel corso del tempo, l’azienda di Taiwan è riuscita a diversificare molto le tipologie di prodotti offerti al pubblico, dando ai propri clienti soluzioni in più categorie merceologiche.
L'azienda propone un'ampia gamma di dispositivi: fotocamere digitali, eBook reader, videoproiettori, masterizzatori, periferiche come mouse e tastiere, ed è conosciuta soprattutto per la fabbricazione di monitor e di notebook. In realtà, BenQ produce anche smartphone e recentemente ha svelato un interessante e particolare device basato sul sistema operativo Android. Si tratta del PT 2200, un terminale che sembra essere stato creato con l'intento di rimpiazzare il PC, fornendo anche applicazioni da usare nella sfera domestica e nel campo commerciale. Il nuovo arrivato non deve essere confuso con un tablet, visto che maneggevolezza e portabilità non sono certo le sue caratteristiche principali, data la stazza del dispositivo. Esso è invece qualcosa di più insolito e meno banale: si tratta di un monitor interattivo, un oggetto nato per essere usato su una postazione fissa.
PT 2200 dovrebbe arrivare sul mercato nelle prossime settimane ma il suo prezzo di lancio è ancora sconosciuto, anche se si vocifera che non dovrebbe superare i 150€.

Caratteristiche tecniche

L'utente non deve aspettarsi delle performance di altissimo livello, infatti il dispositivo possiede delle specifiche tecniche del tutto in linea con le classiche configurazioni hardware dei tablet di fascia medio-bassa basati su Android. Troviamo un processore quad-core ARM A9 con una frequenza di clock massima di 1,6 GHz, 1 Gb di memoria RAM e 8GB riservati all'archiviazione interna dei dati, espandibili grazie alla presenza di uno slot dedicato alla SD card.
Ciò che contraddistingue questo device sono le dimensioni del display IPS: esso è infatti molto ampio, con ben 21,5 pollici di diagonale e una risoluzione di 1920x1080 pixel, con angoli di visione pari a 178/178 gradi.
Il sistema operativo Android 4.2 Jelly Bean su cui è basato il BenQ PT2200 permette al monitor di avere accesso alle centinaia di migliaia di applicazioni presenti nel market Google Play, consentendo un ampio spettro di utilizzo.
Sul fronte connettività, il dispositivo possiede una porta USB 2.0, una dedicata alle Micro USB, un ingresso HDMI, il modulo Wi-Fi, una porta LAN ed è fornito di due altoparlanti da 4 watt complessivi. Il GPS non è presente poiché, come possiamo ben intuire, sarebbe pressoché inutile su un device di queste dimensioni.
Il terminale può essere utilizzato come un normale tablet, sfruttando quindi il touch screen, ma può essere anche connesso ad un PC desktop tramite HDMI, usandolo quindi come display per computer; ma non è finita qui, perché è possibile gestire il dispositivo in modalità remota, scaricando delle applicazioni apposite.

TABLET O MONITOR?

Le particolari caratteristiche del BenQ PT2200 hanno confuso molte persone, scatenando ingiustamente reazioni di avversione nei confronti di questo dispositivo. Nelle ultime settimane una fetta consistente del popolo del web si è scagliata contro di esso, criticandone lo scarso comparto hardware e soprattutto le dimensioni. Tutto questo potrebbe essere comprensibile, dal momento che un tablet da 21.5 pollici non è molto comodo da utilizzare in mobilità. Nelle critiche mosse tuttavia c'è un errore di fondo: si parla appunto di tablet e non di monitor interattivo. Le due cose sono completamente diverse e hanno differenti scopi ed utilizzi. Ci pensa però BenQ a far chiarezza, infatti sul sito ufficiale è possibile trovare una sezione dedicata a questo nuovo device, dove si può leggere che esso è stato pensato principalmente per essere usato nei negozi, collegato ad una postazione fissa, fornendo un utile aiuto nella gestione di semplici programmi di cassa e altro.
Lo schermo touch permette un'interazione immediata e veloce, mentre le applicazioni Android rendono il tutto più intuitivo ed accessibile rispetto ad alcuni programmi Windows, che richiedono una certa conoscenza base del sistema operativo. BenQ fornisce anche dei consigli ai negozianti, illustrando i diversi usi che si possono fare di questo oggetto: ad esempio, il PT 2200 può essere messo a disposizione dei clienti, in modo che essi possano "sfogliare" il catalogo dei prodotto disponibili e avere maggiori informazioni sull'attività, oppure può essere collocato nelle vetrine e nell'entrata del locale, equipaggiato con accattivanti contenuti promozionali per attirare nuova clientela. Il dispositivo potrebbe essere utile anche per intrattenere le persone che attendono di essere servite, facendo pesare molto meno il tempo di attesa e migliorando quindi la percezione che il cliente avrà del servizio offerto.
Tutti i contenuti del monitor potranno essere aggiornati in modo immediato, grazie allo spazio di memoria Cloud fornito da BenQ: questo permette di avere accesso ai dati ovunque ci si trovi e di modificarli ogni volta che lo si ritiene necessario.

Benq PT2200 BenQ PT 2200 è un prodotto di fascia medio-bassa che può diventare un ottimo supporto per i commercianti, ma la sua utilità non si limita a questo. Ad una prima analisi potrebbe sembrare un oggetto abbastanza di nicchia, visto che si rivolge principalmente a chi possiede un'attività commerciale; in realtà, esso potrebbe benissimo essere un buon centro di intrattenimento domestico, utilizzabile per gestire i vari dispositivi presenti in casa o per le applicazioni legate alla domotica. In conclusione, il PT 2200 è un prodotto interessante anche se di primo acchito un po' "destabilizzante", dal momento che non siamo abituati a vedere spesso device di questo genere; tuttavia, nonostante la sua particolarità, dovrebbe rivelarsi piuttosto duttile ed utilizzabile in diversi ambiti del quotidiano. Nella valutazione complessiva del terminale vi è da includere il prezzo, che al momento non è ancora stato comunicato, ma se esso non supererà i 150€ potrebbe essere un buon acquisto per chi cerca un monitor interattivo per l'uso domestico o per la propria attività commerciale. Staremo a vedere se BenQ riscontrerà un buon successo con il PT2200 o se questo esperimento si rivelerà un buco nell'acqua.