Anteprima BlackBerry Priv: ufficiale il primo BB con Android

Dopo anni di BlackBerry OS RIM passa al robottino verde, per cercare di ripartire dopo un lungo periodo negativo. Riuscirà BlackBerry Priv a risollevare le sorti dell'azienda canadese?

anteprima BlackBerry Priv: ufficiale il primo BB con Android
Articolo a cura di
Davide Leoni Davide Leoni I videogiochi entrano nella sua vita alla fine degli anni ’80, ai tempi del primo incontro con Super Mario Bros, e ancora oggi ne fanno stabilmente parte, dopo più di 20 anni. Pregi e difetti: riesce a terminare Super Mario Bros 3 in meno di otto minuti ma non ha mai finito Final Fight con un credito... ci sta ancora provando. Lo potete seguire su Facebook e su Google Plus

E' un momento storico per l'azienda canadese BlackBerry: dopo mesi di rumor, indiscrezioni e speculazioni, la società ha confermato di essere al lavoro su uno smartphone con sistema operativo Android. Priv è il nome di questo modello (conosciuto anche come BlackBerry Venice) che farà il suo debutto entro la fine dell'anno, quasi certamente lo vedremo giusto in tempo per il periodo natalizio. Il nuovo smartphone avrà il durissimo compito di cercare di migliorare la situazione in casa RIM, missione non certo facile visto il lungo periodo negativo che la coinvolge. Ecco tutto quello che sappiamo su questo dispositivo.

Caratteristiche e dettagli

Iniziamo dal nome: Priv, contrazione di privilege, privacy e indirettamente di productivity, tre concetti da sempre alla base della filosofia BlackBerry. L'azienda ha più volte accusato gli altri produttori di aver trasformato gli smartphone in dispositivi perfetti per l'intrattenimento, a discapito degli utilizzi professionali. Con Priv invece il gruppo canadese vuole fornire un device adatto per giocare, ascoltare musica e navigare sul web, senza rinunciare però alle funzionalità business, da sempre vero cuore di BlackBerry. Al momento l'azienda non ha mostrato il dispositivo, limitandosi a confermare la sua esistenza pubblicando tre render ufficiali, così da mettere definitivamente a tacere le voci di corridoio. In molti hanno storto il naso, chiedendosi come sia possibile che un brand da sempre attento alla sicurezza possa affidarsi ad Android, notoriamente un sistema operativo con qualche "buco" di troppo su questo fronte. Il CEO di BlackBerry ha specificato che Priv sarà sì basato sull'OS di Google, ma sarà anche personalizzato nell'aspetto e nelle funzionalità; possiamo quindi aspettarci una piattaforma sicura e al tempo stesso performante. Confermata la presenza di BlackBerry Hub, che potrebbe rivoluzionare il modo di utilizzare un telefono basato su Android. Anche il celebre BBM sarà preinstallato nel sistema operativo, è vero che si tratta ormai di un client multipiattaforma e già disponibile da qualche tempo su terminali non dotati di BlackBerry OS, ma i sostenitori di questo client di messaggistica saranno ben contenti della sua presenza, poiché l'integrazione con il sistema operativo sarà totale, garantendo un'esperienza concretamente più comoda rispetto a quanto sia possibile ottenere scaricando l'app da Google Play. Purtroppo non ci sono altri dettagli riguardo alle personalizzazioni che verranno sviluppate da BlackBerry, ma ci attendiamo un sistema fluido e veramente reattivo.
Per quanto riguarda le specifiche tecniche, anche in questo caso poche certezze ma decisamente interessanti: schermo QHD (1440x2560 pixel) da 5.4 pollici (o 5.5, non è ancora del tutto chiaro), processore Snapdragon 808, 3 GB di RAM e fotocamera posteriore da 18 Megapixel, mentre la camera anteriore avrà un sensore da 5 Megapixel. Priv presenta una tastiera QWERTY completa a scomparsa, soluzione adottata da tantissimi telefoni in passato e oggi sostanzialmente in disuso, o quasi. Le immagini rese pubbliche mostrano un profilo molto sottile, il design è particolarmente elegante e incredibilmente "cool", senza rinunciare però a quel tocco estetico business che i clienti BlackBerry ricercano da sempre. Da segnalare che lo schermo sembra leggermente curvo ai lati ma non sappiamo se le zone laterali occuperanno effettivamente una "striscia" di display oppure no.
Sono bastate queste poche semplici informazioni per far tornare entusiasmo intorno al marchio BlackBerry, un produttore che ha indubbiamente segnato la storia della "prima era" della telefonia mobile, per poi naufragare grazie a scelte commerciali poco felici. Un gigante incapace di adattarsi ai cambiamenti della società, che oggi però sembra aver capito i propri errori ed è pronta a rimediare.

BlackBerry Priv Priv potrebbe rappresentare la vera rinascita di RIM, azienda pioniera nelle soluzioni business per la telefonia mobile ma che non è riuscita a comprendere il reale andamento del mercato nel corso degli ultimi anni. Con questo terminare il gruppo canadese vuole rimettersi in carreggiata, la scelta di adottare Android a discapito di BlackBerry OS potrebbe rivelarsi vincente, a patto che lo smartphone sia dotato di specifiche tecniche di tutto rispetto e di una buona user experience generale. Presto scopriremo anche questi dettagli, in attesa di informazioni precise riguardo prezzo e data di lancio.