Anteprima Blackberry Rio

Blackberry Rio potrebbe essere il nuovo smartphone in arrivo che andrà ad insinuarsi nella fascia media, grazie al SoC Snapdragon S4 Plus e alla presenza di 2 GB di RAM.

INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

RIM ha da poco presentato i risultati finanziari del terzo trimestre 2014. La situazione rimane critica, ma all’orizzonte potrebbero a breve presentarsi cieli più sereni. Solo un anno fa, Blackberry era riuscita a veder sfumare 4.4 miliardi di dollari in tre mesi, mentre nell’ultimo trimestre l’azienda canadese ha perso “solo” 148 milioni di dollari, un dato sì negativo ma che potrebbe indicare un trend positivo nel medio periodo. A segnare le perdite maggiori è ancora la parte dell’azienda che si occupa di sviluppo hardware, penalizzata dal crollo delle vendite degli ultimi anni, anche se negli ultimi tre mesi sono circa 2 i milioni di smartphone venduti. In controtendenza invece la parte relativa ai servizi, in costante crescita grazie anche alle partnership con Samsung e altri operatori del settore comunicazioni, che ha visto anche l’acquisizione di nuove aziende, come Secusmart e Movirtu. Forse, John Chen è riuscito in un’impresa titanica, quella di mantenere a galla RIM, anche se dal riassetto societario è venuta fuori un’azienda che, almeno nel prossimo futuro, non potrà di certo impensierire i concorrenti nel settore smartphone. A tal proposito, il ritrovato ottimismo ha portato alla creazione nuovi modelli, dal Passport al Classic, mentre altri sono stati avvistati all’orizzonte, come il Rio, una soluzione tutta touch screen che si pone come una nuova alternativa nella fascia media del mercato.

Blackberry Z20?

Di Blackberry Rio si parla già da diversi mesi. In un primo momento però il device era stato identificato come un dispositivo di fascia alta, erede dello Z30. In fondo però, le prestazioni dello Z30, grazie anche all’OS Blackberry, molto ben ottimizzato, non sembrano richiedere un miglioramento dell’hardware impellente. Un’azienda nella situazione in cui si trova ora RIM non può certo permettersi un gran numero di modelli sul mercato, per cui ha preferito virare sul segmento medio.
Tornando al Rio, le specifiche venute fuori nelle ultime settimane dovrebbero essere abbastanza fedeli a quelle del modello definitivo, visto che la presentazione è prevista per il mese di marzo. Il device dovrebbe essere basato su SoC Snapdragon S4 Plus Dual Core da 1.5 Ghz, lo stesso utilizzato nel modello Z10, dotato di una GPU Adreno 225. Come per tutti i nuovi terminali della mora, anche Rio è dotato di 2 Gb di RAM, con 16 Gb di memoria interna espandibili tramite Micro SD. Come anticipato, il dispositivo non integrerà una tastiera fisica, puntando invece su un pannello da 5” con risoluzione 1280x720 pixel, integrato in una scocca unibody spessa 9.5 mm. La parte fotografica è del tutto simile a quella del Classic, visto che utilizza un sensore da 8 Mpix nella parte posteriore e uno da 2 Mpix in quella anteriore. Completa, del resto si sta parlando di Blackberry, la parte relativa alla connettività, che integra il Wi-Fi b/g/n, l’LTE, il Bluetooth 4.0 e lo streaming Miracast. A chiudere il quadro delle specifiche attualmente conosciute troviamo una batteria da 2800 mAh. Il prezzo non è ancora stato comunicato, anche se trattandosi di un device di medio livello dovrebbe attestarsi sui 300 $.

Rio Vs Blackberry Z30

L’attuale top di gamma della linea dotata di touch screen è lo Z30, uscito poco più di un anno fa. Osservando le sue caratteristiche tecniche, si scopre che le differenze rispetto al Rio non sono poi così marcate. Z30 presenta sempre un SoC Snapdragon S4, ma in versione Pro, identificabile dalla sigla MSM8960T. Si tratta di un Dual Core da 1.7 Ghz, che può contare su una più performante GPU Adreno 320. Invariati i quantitativi di RAM e memoria interna; anche lo schermo sembra presentare le medesime specifiche, anche se bisogna capire che tipo di pannello sarà utilizzato. La differenza a questo punto la faranno i materiali, visto che lo Z30 è un terminale sviluppato come un top di gamma.
Le prime immagini leak emerse riguardanti Rio mostrano un dispositivo dalle linee semplici, quasi austere, apprezzate da chi desidera passare inosservato. La parte frontale mostra bordi laterali nella media, mentre quelli superiori e inferiori sono leggermente troppo accentuati. Il risultato è abbastanza simile a quanto visto con il Blackberry Z3, un terminale che non ha certo portato molto entusiasmo nel pubblico, nonostante il prezzo di vendita piuttosto basso.

Blackberry Rio Blackberry Rio potrebbe portare nuovi profitti nella casse di RIM, complice anche un prezzo di lancio che dovrebbe essere inferiore rispetto alla media dell’azienda. Bisogna anche dire che nel settore degli smartphone touch Blackberry non gode di molto appeal, a differenza delle soluzioni dotate di tastiera, che sembrano in grado di suscitare l’interesse degli appassionati più fedeli. Anche se le specifiche tecniche non sembrano poter competere con altri dispositivi, l’ottimizzazione di cui gode l’OS Blackberry non richiede molta forza bruta, inoltre i due Gb di RAM consentiranno prestazioni nel multitasking decisamente interessanti. Con ogni probabilità, il telefono sarà svelato a marzo durante il Mobile World Congress di Barcellona, per cui non resta che attendere la manifestazione spagnola per avere notizie più sicure sull’ultimo arrivato di casa RIM.