Anteprima BlackBerry Venice, il primo smartphone Android di RIM

Facciamo il punto sul primo, possibile, terminale Android sviluppato da BlackBerry, un dispositivo che unisce la praticità dell'interfaccia touch alla velocità di scrittura concessa da una tastiera QWERTY.

anteprima BlackBerry Venice, il primo smartphone Android di RIM
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Il destino di BlackBerry è nelle mani di Google. Non stiamo parlando dell'acquisizione dell'azienda candese da parte di Big G, ma di Android, che presto farà capolino anche sui dispositivi della mora. Da tempo circolano video, alcuni di dubbia veridicità, che mostrano dispositivi RIM su cui è installato Android, tra cui il BB Passport. Nonostante questo, per l'approdo nel mondo del robottino verde BlackBerry ha pensato a un device tutto nuovo, anche se non è da escludere che proprio il Passport possa ricevere in futuro un aggiornamento ad Android. Ma il vero asso nella manica RIM si chiama Venice, un terminale che potrebbe davvero risollevare le sorti dell'azienda, che arranca oramai da diversi anni, con quote di mercato irrisorie e profitti sempre più bassi, che non rendono il merito dovuto a un'azienda che ha contribuito in modo indelebile allo sviluppo dello smartphone come lo conosciamo oggi.
Allo scopo di andare incontro alle esigenze dell'OS di Google, più a suo agio con gli schermi touch piuttosto che con le tastiere, BlackBerry ha creato un design davvero unico, che ricorda in parte quello del vecchio Torch 9800, per un terminale che, se confermato, potrebbe rappresentare una delle migliori alternative nel segmento business per Android.

Perfetto per i businessman

Tutte le informazioni che circolano in rete sono state diffuse da Evan Blass, il noto @evleaks. I dettagli forniti non sono pochi, lasciando intendere come queste siano ben più che semplici voci. Prima di parlare del terminale, è bene precisare che BlackBerry sembra aver fatto le cose per bene sotto il profilo software. Alla base dell'OS ci sarà ovviamente Android, ma RIM ha deciso di trasportare l'esperienza d'uso di BB OS anche in questo nuovo contesto. Troviamo dunque una suite completa per la produttività e per rimanere in contatto con i propri amici/colleghi, da BlackBerry HUB alle applicazioni dedicate al calendario, alla gestione dei contatti, fino alla tastiera touch personalizzata. Abbiamo poi app dedicate alla comunicazione, come BB Messenger , già presente nello store Android, oltre a diverse ottimizzazioni relative alla sicurezza. Insomma, RIM non si è limitata a portare Android su un proprio smartphone, ma ha deciso di personalizzare con i propri software l'OS, dando un senso di continuità con il passato, aprendo però all'enorme quantità di app presenti nel Play Store.
Ma passiamo al telefono, che mostra linee decisamente interessanti, se non altro diverse dalla massa. Il design riprende quello dei comuni smartphone touch, se non fosse per la curvatura che caratterizza i due lati dello schermo. Ancora non è chiaro se si tratta di una semplice aggiunta estetica o se avrà caratteristiche "attive", in stile S6 Edge per intenderci. Di certo il design è funzionale a nascondere il vero tesoro racchiuso all'interno del telefono, ovvero una tastiera QWERTY in pieno stile BlackBerry. Come anticipato, tale sistema era già stato utilizzato da RIM per il suo Torch 9800, un terminale che ha avuto un discreto successo in passato. Il tutto dona un'eleganza e una sobrietà non da poco al dispositivo, che non tradisce quindi l'animo business che da sempre contraddistingue la casa canadese. Il sistema a scorrimento consente di ottenere il massimo sotto il profilo multimediale, grazie al touch screen, come anche da quello produttivo, grazie alla comoda tastiera.

Il tutto dovrebbe essere condito da caratteristiche tecniche di tutto rispetto, a partire dalla CPU, un Hexa Core Snapdragon 808, lo stesso montato su LG G4. Il display sembra essere di una dimensione atipica, 5.4", con una risoluzione QHD. Grande cura è stata riposta anche nella fotocamera principale, che dovrebbe comprendere un sensore da 18 Megapixel con ottica a 6 lenti. A bordo troviamo anche una cam secondaria da 5 Megapixel e ben 3 GB di RAM, che vanno a formare un ottimo comparto hardware. Ovviamente, si tratta ancora di rumors, ma se dovessero essere confermati ci troveremo di fronte a un dispositivo equilibrato e dotato di peculiarità uniche.

BlackBerry Venice Secondo Evan Blass, BlackBerry Venice arriverà nei negozi americani a Novembre, con disponibilità prevista per tutti gli operatori statunitensi. Va detto che ancora non ci sono conferme da RIM, ma resta il fatto che i rumors e i materiali finiti online sembrano piuttosto convincenti. In effetti, se questo dispositivo vedrà davvero la luce con a bordo Android, siamo di fronte a un potenziale crack, visto che, almeno per quanto riguarda il segmento Business, sono davvero pochi i telefoni sviluppati espressamente per questo ambito, e ancora meno quelli che vantano caratteristiche di questo tipo. La tastiera a scomparsa potrebbe rivelarsi un vero valore aggiunto, che potrebbe portare a BB un bella boccata d’ossigeno. Le potenzialità quindi ci sono, resta da vedere però il prezzo, visto che negli ultimi anni, anche a fronte di vendite bassissime, BlackBerry non ha mai voluto scendere a patti, presentando sempre terminali dal costo decisamente elevato. Per fare breccia nel variegato mondo Android però servirà uno sforzo anche da questo punto di vista, altrimenti il Venice rischia grosso, anche a dispetto delle sue ottime potenzialità.