Anteprima Fairphone 2, lo smartphone etico

Il progetto Fairphone si evolve, integrando ora le tecnologie modulari, che consentono di sostituire e migliorare la componentistica interna, il tutto con un occhio di riguardo verso le difficoltà del terzo mondo.

anteprima Fairphone 2, lo smartphone etico
Articolo a cura di

Il progetto del Fairphone nasce nel marzo 2011 con l'obiettivo principale di sviluppare uno smartphone che non usasse materiali nobili (in particolare, oro, stagno, tantalio e tungsteno) provenienti da zone di guerra e ricavati dallo sfruttamento dei lavoratori, soprattutto bambini. Tutto questo al fine di evitare che i guadagni, derivati dalla vendita di questi metalli, possano essere utilizzati per l'acquisto di armi, impiegate in vari conflitti, soprattutto in Congo.
Altro obiettivo fondamentale del progetto era realizzare una filiera produttiva che non sfruttasse i lavoratori e che rispettasse i loro diritti. Spesso, infatti, dalla cronaca provengono notizie sulle pessime condizioni di lavoro in cui si trovano ad operare gli operai impiegati nell'assemblaggio dei prodotti elettronici, realizzati dai grandi produttori di hardware.
Il progetto ha avuto un buon successo e l'azienda è riuscita a lanciare il suo primo smartphone nel 2013, ottenendo l'attenzione dei media internazionali. Ora, dopo un anno e mezzo di lavoro, è stato presentato il Fairphone 2, un prodotto all'avanguardia che si distingue nettamente da tutti quelli concorrenti.
Scopriamo insieme tutte le sue novità.

Design

Obiettivo dei progettisti del Fairphone era realizzare uno smartphone che durasse nel tempo, con componenti facilmente sostituibili ed in grado di essere cambiati in poco tempo, senza l'assistenza di un supporto tecnico esterno.
Seguendo queste linee guida si è scelto di impiegare un case esterno intercambiabile capace di proteggere i costosi componenti interni. In aggiunta è stata introdotta una guarnizione in gomma che protegge l'esterno del cellulare ed in particolare il display. L'azienda ha condotto vari test di caduta e promette una resistenza dello smartphone molto vicina ai vari dispositivi "rugged" presenti sul mercato.

Le innovative soluzioni tecniche

Il Fairphone utilizza soluzioni hardware e software di fascia alta. L'azienda ha scelto il SoC Qualcomm Snapdragon 801, un processore quad-core fino a 2,5 ghz, con una GPU Adreno 330. Inoltre viene impiegato un display LCD da 5 pollici Full HD con protezione Gorilla Glass 3. Non ci saranno problemi con le applicazioni grazie ai 2 GB di RAM, ai 32 GB di memoria integrata e allo slot per le schede Micro SD. Lo smartphone è dotato di una camera posteriore da 8 MP e supporta il 4G LTE e il Dual SIM. Avrà a bordo Android 5.1 Lollipop e una batteria da 2420 mAh.
La maggior sorpresa contenuta all'interno di questo dispositivo però è senza dubbio il supporto alla tecnologia modulare. Come nel ben più famoso Project Ara di Google, le componenti sono suddivise in vari moduli che possono essere facilmente sostituiti dall'utente, in pochi semplici passaggi. L'accesso alle varie parti richiederà qualche operazione in più rispetto allo smartphone modulare di Google ma l'azienda dichiara tempi comunque brevi, ad esempio basterà meno di un minuto per cambiare il display.
Diamo ora uno sguardo ai vari moduli utilizzati nel Fairphone 2. Innanzitutto ci sarà un'unita principale o "Core unit" che conterrà il SoC, la memoria, la Micro SD, le SIM, il modem, l'antenna e i sensori di movimento. Ci sarà poi il modulo dedicato al display ed uno alla fotocamera posteriore, con flash integrato. Un'unità separata ospiterà la capsula auricolare, la presa per le cuffie, la camera frontale, il microfono secondario per la soppressione del rumore di fondo, il sensore di luminosità, di prossimità ed il LED di notifica. Inoltre, ci sarà un modulo dedicato allo speaker che ospiterà il meccanismo dedicato alla vibrazione, il microfono principale e la porta USB.
l vari moduli potranno essere sostituiti non solo in caso di guasto ma anche per aggiungere in futuro nuove funzionalità, come ad esempio una camera ad infrarossi al posto della fotocamera posteriore.
Lo smartphone è, inoltre, dotato di una porta di espansione in grado di aggiungere nuove funzioni, ad esempio una back cover dotata di sistema di trasmissione NFC.
Il Fairphone 2 arriverà in Europa dopo l'estate ad un prezzo di 525 Euro.

Fairphone 2 Siamo rimasti molto sorpresi dalle numerose novità del Fairphone 2. Grazie alla tecnologia modulare integrata al suo interno non dovremmo più trattare i nostri smartphone con i guanti bianchi e non dovremo svuotare il portafoglio in caso di rottura accidentale, ad esempio del display. Con un cacciavite e in pochi minuti potremo sostituire le componenti danneggiate ed eventualmente inserire moduli con caratteristiche migliori. Tutto questo sapendo che nessuno è stato sfruttato per assemblare il nostro smartphone. Ovviamente tutte queste innovazioni hanno un prezzo, ma viste le importanti novità introdotte e vista l’estrema longevità del prodotto, in conclusione il suo costo finale potrebbe alla lunga rivelarsi conveniente.