Anteprima HTC One +

Un breve riassunto dei rumour relativi al nuovo terminale high-end della taiwanese HTC.

anteprima HTC One +
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

One è stato un'ancora di salvezza per HTC, ma da solo non è sufficiente: l'azienda taiwanese versa in grossa crisi e tra dirigenti accusati di aver divulgato segreti industriali (come il vice presidente della divisione Product Design, Thomas Chien), guerre in tribunale con Nokia per i brevetti della linea One e vendite sotto le aspettative, il futuro della società appare oggi molto complicato. Il top di gamma, dicevamo, è stato indubbiamente un aiuto rinnovando l'immagine alla compagnia (come non accadeva dai tempi di Desire) e premiato da molte testate come “smartphone dell'anno”. Il popolare device ha introdotto significativi miglioramenti rispetto la precedente generazione, come la tecnologia UltraPixel e l'interfaccia Sense 5.0. Non è tutto oro ciò che luccica però: la tecnologia della fotocamera è stata la principale causa di ritardi di produzione lo scorso aprile, complicando la già burrascosa situazione societaria e ritardando l'arrivo dei profitti derivanti dal nuovo prodotto.
Il precedente One venne annunciato a febbraio 2013 e a distanza di un anno, HTC si prepara a commercializzare la nuova generazione dello smartphone, il cui nome definitivo potrebbe essere HTC One+. Londra potrebbe essere, ancora una volta, il teatro della presentazione.

UltraPixel is the way

La compagnia di Taiwan non ha intenzioni di modificare in toto la proposta del precedente terminale high-end, ma piuttosto di assecondare le più recenti evoluzioni in ambito tecnologico: tornerà certamente BlinkFeed, la tecnologia UltraPixel, il design sottile e il feeling elegante dell'alluminio, tutte cose che hanno caratterizzato il precedente modello e la sua recente incarnazione Mini. Non potendo “dissestare” le fondamenta hardware della gamma, le operazioni concentreranno su un aggiornamento hardware generico. La diagonale dello schermo dovrebbe salire da 4,7 a 5 pollici mantenendo la sempreverde risoluzione 1920 x 1080 (Full HD);

"La compagnia di Taiwan non ha intenzioni di modificare in toto la proposta del precedente terminale high-end, ma piuttosto di assecondare le più recenti evoluzioni in ambito tecnologico."

dallo Snapdragon 600 quad-core si passerà allo Snapdragon 800, la cui probabile frequenza sarà di 2,3 Ghz. Stabili i 2 GB di RAM e almeno 16 GB di memoria interna mentre rimangono da valutare la batteria e le caratteristiche accessorie, come NFC (molto probabile) e la fotocamera frontale. La fotocamera si baserà ancora una volta sulla tecnologia UltraPixel di HTC che permette al sensore di sfruttare maggiormente la luce disponibile e creare fotografie più luminose anche nelle zone buie o al chiuso. Si tratta però di un'arma a doppio taglio: l'accordo di produzione stipulato in esclusiva con ST Microelectronics, che fornisce il sensore CMOS ST VD6869 non permetterà all'azienda di aumentare la risoluzione che, salvo sorprese, resterà ferma a 4 megapixel. Un peccato, poiché tale risoluzione impedisce alla tecnologia di esprimersi al meglio e le immagini scattate risultano poco dettagliate. Allo stesso modo, HTC si ritrova a essere impossibilitata a un brusco cambio o a fermare l'accordo: mancano gli investimenti. Uno dei principali difetti di One, quindi, è destinato a rimanere bloccato almeno per questa generazione.
Un'ulteriore modifica sarà la presenza di un tasto Home fisico dietro il quale potrebbe celarsi un lettore di impronte digitali. Seguendo le orme di Apple, HTC ha inserito una simile soluzione nel suo phablet, One Max, anche se il posizionamento dello stesso al di sotto della fotocamera posteriore, risulta scomodo nonché esteticamente poco accattivante. La società sembra quindi intenzionata a rivalutare il front design del suo dispositivo così da approcciare soluzioni più comode e funzionali.

Sense 6.0 e Android KitKat

A livello software HTC intende puntare ad un'interfaccia Sense rivista e corretta, giungendo così alla sesta versione del software. Sono pochissime le informazioni trapelate in merito, ma sappiamo che si baserà su Android 4.4 KitKat e che per la Home verrà mantenuta la navigazione a scorrimento verticale resa celebre sul robottino verde da Flipboard, per avere sempre sott'occhio le informazioni di maggior interesse, notizie, foto e social network.

"HTC punta ad un'interfaccia Sense rivista e corretta."

Per quanto riguarda la commercializzazione, succose informazioni sono giunte alle orecchie della stampa grazie ad una recente disputa in tribunale con Nokia nel Regno Unito: il giudice Richard Arnold avrebbe infatti parlato di un terminale "prossimo alla commercializzazione" e gli stessi avvocati della società finlandese avrebbero dichiarato che HTC intende rivelare un nuovo smartphone "nel primo trimestre 2014 e possibilmente già a febbraio 2014.” Nessuna smentita da HTC. Così facendo l'azienda orientale ripercorre la stessa strategia dell'anno passato, con un top di gamma a febbraio-marzo e riedizioni come Mini e Max nei mesi successivi, coprendo così con nuove release sia per il periodo estivo che per quello autunnale. Qualche incertezza relativamente alle tempistiche dell'annuncio. Nel 2013 HTC ha preferito tenere una presentazione dedicata, a Londra dopo il Mobile World Congress di Barcellona e quest'anno i piani potrebbero essere i medesimi.

HTC One Plus One+ sarà di vitale importanza per HTC. Una manovra di marketing sbagliata potrebbe infatti condannare definitivamente l'azienda: gli analisti prevedono trimestri in perdita per i prossimi due anni, e rilasciare sul mercato uno smartphone privo di appeal o senza il giusto supporto software rischierebbe di spazzare via il marchio taiwanese dal settore mobile. Le basi ci sono tutte, come UltraPixel, tecnologia giovane ma interessante, il design, compatto ed elegante e infine BlinkFeed, che ha portato una ventata d'aria fresca alla classica home Android e quindi alla già rodata interfaccia Sense. È importante per HTC non adagiarsi sugli allori di One o si rischia di fare la fine di Samsung con Galaxy S4, un dispositivo troppo simile al precedente il cui risultato commerciale si è rivelato inferiore alle aspettative societarie.