HTC U Ultra ufficiale: prezzi e specifiche del nuovo top di gamma

HTC ha presentato un nuovo smartphone top di gamma, un device da 5.7” dotato di un hardware di alto livello, disponibile da febbraio.

anteprima HTC U Ultra ufficiale: prezzi e specifiche del nuovo top di gamma
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

HTC è un brand che ha fatto la storia in ambito Android. I suoi smartphone sono stati per lungo tempo considerati i migliori disponibili, ma oggi non è più così. Scelte di marketing sbagliate e una politica dei prezzi alle volte discutibile hanno affossato le vendite, con dati che vanno ben oltre il semplice calo fisiologico del mercato. Basti pensare che nel 2016 le vendite hanno subito un calo del 36%, una percentuale enorme, che pone seri dubbi sul futuro dell'azienda in questo settore. Nonostante questo HTC non ha alcuna intenzione di arrendersi, tanto che oggi ha presentato il suo nuovo top di gamma, HTC U Ultra, un phablet dalla caratteristiche spinte, che arriverà a febbraio.

Non manca davvero nulla

Il nuovo HTC U Ultra si presenta con un design piuttosto uniforme e una scocca senza particolari segni distintivi. Essa è realizzata con uno speciale vetro, più resistente di quello impiegato normalmente negli smartphone, che crea una superficie riflettente. Le dimensioni sono generose ma nemmeno troppo per un device da 5.7", 162.41 x 79.79 x 3.6-7.99 mm, mentre il peso si fa sentire, con 170 g. In generale il design è piuttosto riuscito, anche se la sporgenza della cam posteriore potrebbe non piacere a tutti. All'interno troviamo invece un hardware che presenta il meglio attualmente disponibile. Il display è un Super LCD da 5.7" QHD e copertura con vetro Gorilla Glass, ma il modello da 128 GB ne sfrutta una in vetro zaffiro. Particolarità del dispositivo è la presenza di un secondo schermo collocato sotto alla capsula auricolare, da 2.05" e risoluzione 160x1040, che offre shortcut alle app più utilizzate e visualizza le notifiche. Il processore scelto è un Qualcomm Snapdragon 821, mentre la RAM è da 4 GB, con 64 o 128 GB di memoria, espandibili fino a 2 TB con Micro SD. Potenzialmente molto buona la cam principale, con un sensore da 12 Megapixel UltraPixel 2, dotato di autofocus laser e PDAF, nonché dello stabilizzatore ottico, con apertura f/1.8; la cam frontale invece sfoggia un sensore da 16 Megapixel. Curato a puntino il comparto audio, con altoparlanti stereo BoomSound, registrazione audio avanzata con quattro microfoni e certificazione Hi-Res Audio.

Le cuffie fornite in dotazione includono anche la capacità di soppressione del rumore, una feature che non si vede spesso di serie su uno smartphone. Pieno supporto è dato a tutti gli standard di connessione, tra cui LTE, Wi-Fi ac, Bluetooth 4.2 ed NFC, mentre nella parte bassa della scocca troviamo anche una USB 3.1 Type C. La batteria non offre un amperaggio particolarmente elevato viste le dimensioni, fermandosi a 3000 mAh. A bordo troviamo Android 7.0 Nougat personalizzato con l'interfaccia Sense, da sempre molto apprezzata dagli utenti.

HTC U Ultra Il nuovo top di gamma di HTC arriverà a febbraio a un prezzo ufficiale di 749€, alto ma in linea con i migliori smartphone della concorrenza. Concorrenza che a febbraio mostrerà i muscoli, con LG G6 e gli altri device presentati al Mobile World Congress. In questo senso, la scelta di lanciare ora un dispositivo con SoC Snapdragon 821 lascia un pochino perplessi, visto che il nuovo Snapdragon 835 è in dirittura d’arrivo e sarà certamente montato da molti concorrenti nel giro di relativamente poco tempo. Speriamo comunque che questo device possa portare un po’ di tranquillità economica in casa HTC, limitando in parte le perdite, che se dovessero continuare sul trend visto nel 2016, potrebbero portare alla fine di questa storica azienda nel campo degli smartphone.