IFA 2014

Anteprima Huawei Ascend Mate 7

Huawei lancia il Mate 7, un phablet di alta gamma a un prezzo interessante.

anteprima Huawei Ascend Mate 7
Articolo a cura di

Nel giugno del 2010 Dell rilasciò Streak, il primo phablet ad essersi affacciato sulla scena mondiale. Era un esemplare con un display da 5 pollici, una grandezza che oggi è quasi uno standard, soprattutto per gli attuali modelli top di gamma.
Dopo aver lanciato Ascend P7 ed aver presentato in Oriente una nuova versione di Honor 3C, Huawei ha portato all’IFA di Berlino due nuovi modelli, tra cui l’Ascend Mate 7, ultimo arrivato della linea di prodotti inaugurata nel 2013.
L’azienda cinese ha curato molto gli aspetti relativi al design di questo nuovo top di gamma, che nelle prime immagini leak sembrava troppo simile all’Htc One Max. I designer Huawei tuttavia sono stati bravi a nascondere la linea di questo Mate 7, che si è rivelato invece una piacevole sorpresa, vista l’alta qualità costruttiva e l’hardware all’avanguardia. A differenza di quanto avvenuto con il primo modello inoltre, il nuovo arrivato trova ora un’utenza più abituata a terminali di dimensioni generose, vista la tendenza del momento, che rimane comunque più conservatrice rispetto a quanto proposto con questo Mate 7.

Semplicemente gigantesco

Huawei Ascend Mate è stato presentato al CES di Las Vegas del 2013 ed è arrivato sui mercati internazionali nel marzo dello stesso anno. In Italia, il dispositivo è stato proposto al prezzo di 429€ al lancio, ma non ha riscosso il successo di pubblico sperato, almeno nel vecchio continente. Un grosso limite alla sua diffusione sono state le dimensioni, dato che l’ampio display da 6.1 pollici non era certo per tutte le tasche. Nonostante la portabilità sotto la media, il terminale si difendeva bene dal punto di vista hardware, dato che integrava una CPU quad core, 2 Gb di RAM e un’ottima batteria da 4050 mAh, che consentiva due giorni di utilizzo pieni. Il buon riscontro ottenuto negli Stati Uniti ha permesso a Huawei di portare avanti il nome Mate, che solo pochi mesi fa ha visto comparire nei listini americani il suo successore, il Mate 2, un dispositivo dal prezzo aggressivo, solo 299$, dotato di un hardware non eccezionale ma funzionale al suo utilizzo. Mate 2 non ha rivoluzionato quanto visto con il precedente modello, anzi, ecco perché l’azienda cinese ha preferito non chiamare il nuovo arrivato Mate 3 ma Mate 7, per sottolineare il salto qualitativo dai vecchi modelli.

Il Mate 7 punta ancora una volta ad accontentare gli amanti dei display generosi, grazie al suo pannello con diagonale da 6.1”. A differenza dei precedenti modelli però, Huawei ha deciso di fare un salto di qualità per quanto riguarda la qualità dello schermo utilizzato, che ha finalmente raggiunto la risoluzione di 1920x1080 pixel. Grazie alla tecnologia JDI Nega-NEO il display è in grado di offrire un impressionante contrasto di 1500:1.
Altra novità di rilievo è rappresentata dal SoC utilizzato per muovere il sistema operativo, ovvero il Kirin 925, realizzato con processo produttivo a 28 nm. La CPU è composta da quattro core Cortex A15 da 1.8 Ghz, uniti a quattro core Cortex A7 da 1.3 Ghz, funzionanti con la tecnologia big.LITTLE. Questo consente di utilizzare la forza bruta dell’octa core solo quando necessario, diminuendo così i consumi energetici. Nel dispositivo è inoltre presente un co-processore a basso impatto energetico per il controllo dei sensori.
Passando alla memoria, Mate 7 sarà disponibile in due versioni: una con 2 Gb di RAM e 16 Gb per i dati, l’altra con 3 Gb di RAM e 32 Gb di ROM. La parte fotografica è caratterizzata da una camera posteriore da 13 Mpix prodotta da Sony, che include lo stabilizzatore ottico dell’immagine, e da una anteriore da 5 Mpix.
La batteria è un modello da ben 4100 mAh, che dovrebbe consentire due giorni di utilizzo nonostante l’hardware spinto del terminale. Sul fronte connettività sono presenti tutti gli standard più diffusi, LTE compreso, mentre la dotazione dei sensori integra anche quello per le impronte digitali, ben visibile sulla scocca posteriore. Huawei non ha badato a spese per questa funzionalità, tanto che è in grado di funzionare con un solo tocco e anche con le dita bagnate.

Design

Mate 7 è composto al 95% da materiali metallici, con una struttura interna realizzata interamente in alluminio. Anche per questo, il peso non è dei più contenuti, toccando quota 185 g, ma bisogna sempre ricordare che ci si trova di fronte a un terminale da 6.1". Lo spessore del dispositivo è invece ridotto, di soli 7.9 mm. Il colpo d'occhio è sicuramente d'effetto, grazie anche al display, che occupa una percentuale molto alta della parte anteriore del Mate 7. I designer Huawei hanno capito da tempo che il successo internazionale passa anche da una maggiore personalizzazione delle linee dei propri device. A differenza di molti brand cinesi, che si ispirano alle linee dei prodotti occidentali, Huawei preferisce puntare su un proprio design, a tutto vantaggio delle vendite.

Software

Come molti terminali presentati all'IFA, Mate 7 sarà venduto con a bordo Android 4.4.4. Per quanto riguarda l’aggiornamento dei propri device, l'azienda cinese non è mai stata molto celere nel rilasciarli, proponendo le nuove versioni di Android con troppo ritardo rispetto alla concorrenza. La presenza di CPU proprietarie inoltre ha limitato la presenza di ROM alternative per alcuni modelli, come nel caso del primo Mate, che purtroppo è ancora fermo alla build 4.2.2 di Android e quasi sicuramente non sarà aggiornato a KitKat. Purtroppo, una politica di questo tipo non garantisce grandi vantaggi sul lungo termine, portando molti utenti a diffidare del marchio cinese sotto questo punto di vista. Tornando al Mate 7, il nuovo arrivato potrà godere delle nuove feature inserite nella versione 3.0 dell’interfaccia proprietaria EMUI. Essa integra gesture avanzate per il controllo del terminale: ad esempio, è possibile avviare la fotocamera con un semplice swipe. Sono presenti inoltre numerosi temi e animazioni, che vanno a comporre un parco software curato nei minimi dettagli, a conferma del livello qualitativo raggiunto da Huawei.

Huawei Ascend Mate 7 Il prezzo di lancio per il Mate 7 è di 499€ per la versione con 2 Gb di RAM e 16 di ROM e di 599€ per la variante con 3 Gb di RAM e 32 di ROM. Si tratta di cifre leggermente superiori alla media del brand cinese, giustificate però dalla presenza di un hardware all'avanguardia e dalla scocca metallica, che aumentano il valore generale del dispositivo. Dispositivo che sembra essere davvero ben realizzato e dotato di un'autonomia ai vertici della categoria, almeno potenzialmente. In definitiva, per coloro che amano i device di dimensioni generose questo Mate 7 sembra essere una valida alternativa ai top di gamma più conosciuti, con la speranza che Huawei inizi a supportare i propri terminali in maniera più intensa sul versante software, con aggiornamenti rapidi e ben realizzati per il proprio parco prodotti.