Anteprima Intel Core i7-7700K: Kaby Lake a piena potenza

Il Core i7-7700K sarà il prossimo flagship Intel di fascia mainstream con architettura Kaby Lake ed arriverà nei primi mesi del 2017.

anteprima Intel Core i7-7700K: Kaby Lake a piena potenza
Articolo a cura di
Daniele Vergara Daniele Vergara viene alla vita con un chip Intel 486 impiantato nel cervello, a mo' di coprocessore. E' più che entusiasta di tutto ciò che riguarda la tecnologia intera e i videogames, con un occhio di riguardo verso l'hardware PC e l'overclocking. D'inverno ama snowboardare, macinando km e km di piste, mentre d'estate si dedica alla MTB. Lo trovate su Facebook, Twitter e Google+.

Kaby Lake sarà la prossima architettura consumer di Intel, che prenderà il posto di Skylake entro il primo quarto del 2017. Come al solito, il colosso dei microprocessori proporrà due modelli di punta per la famiglia i5 ed i7, dotati di suffisso "K" e quindi di moltiplicatore sbloccato. Essi arriveranno così alla settima generazione, con il più veloce che sarà nominato Core i7-7700K e sostituirà l'attuale i7-6700K. Non ci aspettiamo alcuno stravolgimento, in quanto Kaby Lake rappresenta solo un piccolo affinamento di Skylake, ma le nuove CPU dovrebbero comunque spremere il processo produttivo a 14 nanometri ancora più a fondo. Ricordiamo che i 10 nanometri dovrebbero arrivare all'iterazione ancora successiva, e cioè con Cannonlake. Gli intoppi e le difficoltà riscontrate con la modalità di produzione dei chip a 10 nanometri, soprattutto legate al processo fotolitografico, continuano a permanere, per cui il loro arrivo è ancora avvolto da un alone di fitta nebbia. I processori Kaby Lake stessi erano inizialmente previsti per fine 2016, ma pare sia confermato il leggero slittamento al Q1 2017.

Core i7-7700K, prossimo flagship di Intel

Intel Kaby Lake sarà alla base dei processori Core di settima generazione, e porterà miglioramenti soprattutto sugli elementi chiave.
I 14 nanometri vennero introdotti con Broadwell, architettura su cui Intel ha spinto poco, e che non si è mai distanziata così tanto dalla più vecchia Haswell. Con Skylake, di contro, la società ha compiuto un grande passo avanti, disegnando in sostanza tutto da zero e con caratteristiche ottimizzate per il nuovo processo produttivo. Gli incrementi di performance si sono avuti sia per quanto riguarda il processore vero e proprio, sia nella grafica integrata. Skylake faceva parte dello snodo "Architecture" della nuova roadmap Intel, quindi con Kaby Lake saremo nella fase "Optimization". Ciò vuol dire che Intel prenderà il design già esistente e cercherà di fare il possibile per estrarre più prestazioni e più efficienza. Dovremmo trovarci di fronte un refresh di Skylake, anche se non escluderemmo piccole sorprese.
Il prossimo flagship Intel si chiamerà Core i7-7700K e avrà a bordo quattro core con Hyperthreading, che alzeranno il numero dei core logici ad otto. E' una scelta che la società americana compie in sostanza su tutti i modelli di punta, e che condividiamo perché incrementa notevolmente le prestazioni generali. Il clock base dovrebbe essere stato fissato a 3,60 GHz, con la possibilità di salire sino a 4,20 GHz grazie all'Intel Turbo Boost. Ricordiamo che la più veloce CPU Skylake è cloccata a 4,00 GHz e a 4,20 GHz, rispettivamente per frequenza base e frequenza turbo. Vi invitiamo però a non prendere queste informazioni come definitive, poiché i clock potrebbe essere leggermente aumentati prima del lancio effettivo del prodotto. Le altre specifiche parlano di una cache L3 condivisa da 8 MB, 256 KB di cache L2 per ogni core ed un controller di memoria interno a frequenza di 4,00 GHz.
La grafica integrata dovrebbe essere stata un po' rivista e, grazie a Kaby Lake, le unità di calcolo - che Intel chiama Compute Units - dovrebbero essere pari a 24. Per quanto riguarda il loro clock dovremmo invece essere a 1.150 MHz, che è anche la stessa frequenza di cui è dotata la grafica GT2 del Core i7-6700K con architettura Skylake. Rispetto a quest'ultimo le nostre attese puntano tra l'altro su una leggermente migliore efficienza energetica e possibilmente ad una piccola riduzione del TDP, grazie al più sapiente impiego del processo produttivo a 14 nanometri.

Intel Come da prassi, con l’i7-7700K sarà introdotta una nuova piattaforma e un rinnovato chipset, che dovrebbe appartenere alla famiglia 200. Si profilano quindi piattaforme come l’Intel H270 e l’Intel Z270, nel caso il colosso americano proseguisse con la nomenclatura utilizzata fino a questo punto. L’Intel Core i7-7700K è atteso per il primo quarto del 2017, seppur la società possa introdurre a fine 2016 già dei modelli con architettura Kaby Lake. Stiamo parlando di processori quali il Core M7-7Y75, un chip appartenente alla Y-series e dedicato ai prodotti ultra sottili, come Ultrabook notebook Apple.