Anteprima LG G Stylo

LG lancia in Corea del Sud un phablet mid-range dotato di pennino, sulla falsariga del precedente G3 Stylus. Il Note 4 è però ancora lontano, viste le specifiche tecniche non certo entusiasmanti.

anteprima LG G Stylo
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

LG G Stylo è un nuovo smartphone mid-range erede del G3 Stylus, device lanciato dall’azienda coreana lo scorso anno. Come si può dedurre dal nome, il nuovo dispositivo è caratterizzato dalla presenza di un pennino, che permette di utilizzare il terminale come un vero blocco appunti. LG, con questo smartphone, vuole fornire ai futuri acquirenti un prodotto dall’ampio schermo, mantenendolo in una fascia di prezzo abbastanza accessibile. Questa scelta però ha costretto l’azienda a dover fare qualche rinuncia dal punto di vista dell’hardware. Malgrado infatti si notino specifiche migliori rispetto al G3 Stylus dell’anno scorso, queste non eccellono se paragonate ai top gamma usciti quest’anno. LG G Stylo punta a distinguersi dalla concorrenza soprattutto per la presenza del pennino integrato, un plus degno di nota che è difficile da trovare in altri smartphone sul mercato.

Caratteristiche tecniche

Le caratteristiche tecniche del nuovo smartphone LG hanno sicuramente poco di innovativo. Lo schermo è un LCD IPS da ben 5,7 pollici di diagonale, ad una risoluzione HD di 1280x720 pixel e una densità di 258 PPI. All’interno troviamo un processore a 64bit quad-core Qualcomm Snapdragon 410 con clock a 1,2 GHz, una GPU Adreno 306 e 1,5 GB di memoria RAM. Lo storage interno è di soli 8GB, fortunatamente LG ha mantenuto la presenza dello slot microSD, che permette di espandere la memoria fino a 2 TB aggiuntivi (nessun altro produttore offre attualmente una simile capacità di espansione). La fotocamera posteriore ha un sensore da 8 Megapixel con autofocus laser e flash LED, quella frontale è invece da 5 Megapixel. La connettività è garantita dal supporto alle reti LTE e dalla presenza dei moduli WiFi 802.11a/b/g/n e Bluetooth 4.1. Sono presenti inoltre GPS, NFC e micro USB 2.0. La batteria removibile ha una capacità di 3.000 mAh.
La risoluzione dello schermo, unita ad una batteria decisamente capiente, dovrebbe garantire al dispositivo un’ottima autonomia. Il SoC Snapdragon non è certo il top della categoria, ma è comunque basato sulla nuova architettura a 64bit: grazie alla definizione dello schermo non elevata, dovrebbe consentire prestazioni più che buone. Rimane qualche dubbio determinato dalla poca RAM disponibile, che potrebbe causare qualche problema durante l’utilizzo pesante di certi applicativi. Tutte le considerazioni sull’hardware vanno comunque rimandate alle prime prove sul campo. Un software ben ottimizzato da LG potrebbe infatti far cambiare opinione sulle scelte fatte a livello di caratteristiche tecniche.

DESIGN e SOFTWARE

Il G Stylo ha sicuramente dimensioni importanti, parliamo infatti di 154.3 x 79.2 x 9.6 mm per un peso di 163g. Il design è leggermente diverso da quello del suo predecessore, ma è in linea con quello di tutti gli ultimi smartphone LG: la parte frontale non presenta tasti fisici, con il logo LG sotto lo schermo. I bordi laterali del dispositivo sono discretamente sottili, tanto che il display occupa circa il 73 percento del corpo del device.
Il particolare più evidente di questo LG G Stylo è sicuramente il pennino. Lo stilo può essere inserito nell’apposito alloggiamento quando non è utilizzato. Lo smartphone LG non presenta però, al contrario di soluzioni della concorrenza, un digitalizzatore attivo Wacom o N-Trig. Infatti lo stilo è un semplice pennino capacitivo, con un’estremità gommata: è quindi da verificare la sensibilità e la precisione dello stesso, data la mancanza di livelli di pressione e di una punta sottile. Il sistema operativo installato è Android 5.0 Lollipop, non quindi l’ultimissimo aggiornamento esistente. È comunque molto probabile che LG si sia concentrata sull’integrazione di qualche funzionalità software che favorisca e renda interessante l’utilizzo del pennino.

LG G Stylo LG G Stylo è già disponile in Corea del Sud a 400.000 Won (circa 346 euro) e dal 5 maggio sarà in vendita in altri mercati selezionati, ad un prezzo ancora non definito dall’azienda. Ancora non è chiaro se lo smartphone in occidente sarà commercializzato con un altro nome, magari come LG G4 Stylus, apparso più volte in vari rumors online. Il tutto potrebbe essere plausibile, sebbene le caratteristiche tecniche non coincidano totalmente: per il G4 Stylus si parla infatti di uno schermo da 5,8 pollici a risoluzione più alta e di un processore Snapdragon 610. Comunque venga chiamato LG G Stylo rimane un prodotto interessante solo se sarà venduto ad un prezzo simile a quello coreano. Gli utenti infatti potrebbero essere attratti dall’idea di trovare un ampio display ed uno stilo incorporato in un prodotto dal costo contenuto. Nel caso in cui invece lo smartphone fosse posizionato ad un prezzo più elevato, si andrebbe a scontrare con un’agguerrita concorrenza, e probabilmente ne uscirebbe sconfitto. Se infatti le specifiche possono attirare una fetta di possibili acquirenti, allo stesso modo possono anche allontanare gli utenti più informati: la bassa risoluzione, il processore, il basso quantitativo di memoria RAM e soprattutto la mancanza di un digitalizzatore attivo, non passerebbero di certo inosservati ad un pubblico esperto.