Anteprima Lumia 1520 e 1320

Ad Abu Dhabi il produttore finlandese lancia due phablet interessanti: uno per il prezzo l'altro per la sezione fotografica.

anteprima Lumia 1520 e 1320
Articolo a cura di

Da tempo la stampa specializzata faceva delle congetture su un phablet di Nokia che sarebbe stato anche il primo Windows Phone di queste dimensioni. A sorpresa, alla conferenza di Abu Dhabi il produttore finlandese presenta ben due dispositivi da 6 pollici. Il big della telefonia ha deciso così di competere ad armi pari con i concorrenti, Samsung su tutti. Questi Lumia, simili tra loro sono anche molto diversi, poiché si rivolgono a due segmenti distinti. Il 1520 potrà rivaleggiare con alcune fotocamere compatte e, perché no, delle bridge. Il 1320, invece, vuole conquistare l'utente medio e far attecchire la nuova concezione minimalista tipica del sistema operativo Microsoft anche nei mercati emergenti (sud est asiatico, Cina e India).

Nokia Lumia 1520

La formula che ha reso famosi questi terminali non cambia per il 1520, subisce soltanto delle modifiche. Caratteristica distintiva dei top di gamma Nokia è l'unibody in policarbonato che restituisce solidità alla presa. Schermo grande 6 pollici, ottiche ZEISS, fotocamera della linea PureView, un sistema operativo molto fluido ed un pizzico di personalizzazione tipica della gamma Lumia sono i tratti distintivi del dispositivo. Migrando i concetti direttamente dall'N9 all'interno del segmento phablet, quello che si ottiene è un prodotto dal design accattivante, in quattro colorazioni: rosso, bianco, nero e giallo. I primi due sono lucidi, gli altri opachi. Le tinte, della scocca e dello schermo (tecnologia ClearBlack) catturano l'attenzione rendendo giustizia al telefono. L'etichetta sembra essere la carta distintiva di questo smartphone. Le dimensioni non indifferenti (lunghezza 162,8 mm, larghezza 85,4 mm, spessore 8,7 mm) sembrano addolcirsi grazie ai bordi e agli angoli arrotondati. Nonostante si riesca ad utilizzare con difficoltà il terminale con una mano, risulta equilibrato (209 grammi). Il bilanciere del volume, il pulsante d'accensione e della fotocamera sono facilmente raggiungibili sulla parte destra.
Lo schermo è un IPS LCD da 1080p dotato di alta sensibilità e in grado di reagire all'uso con i guanti. La risoluzione elevata (1920x1080) e la densità di pixel (368 ppi) garantiscono contorni dei caratteri o dei personaggi dei videogame ben distinguibili. Il pannello, prodotto da Samsung, dovrebbe garantire una buona luminosità anche in esterni e colori vividi a distanza di anni. 
La forma, in questo caso, non è lo specchietto per le allodole poiché vi è molta sostanza all'interno della scocca. Il processore Snapdragon 800 (MSM8974) è in grado di raggiungere frequenze di 2,2 Ghz ed i 2 GB di RAM daranno man forte alla CPU nei momenti di maggiore stress. Se tutto questo non bastasse c'è anche una GPU Adreno 330 utile con molti videogame moderni, benché non ci siano giochi veramente pesanti su WP. Questa potenza permette di far girare in modo fluido il sistema operativo e compiere operazioni di base rapidamente (navigare sul web, ascoltare musica, vedere foto o filmati). Ad alimentare gli sforzi del chip Qualcomm c'è una batteria da 3400 mAh che può essere ricaricata senza l'utilizzo di cavi (wireless conforme ai criteri Qi). Lo spazio d'archiviazione interno è di 32 GB, ma è presente lo slot microSD che supporta schede fino a 64 GB! Sono presenti anche il Bluetooth 4.0 e l'NFC, molto utile per lo scambio di dati ad alta velocità senza fili. 

Potrà non avere la risoluzione dell'1020 (41 MP), ma 20,7 megapixel, un sensore grande 1/2,5 pollici con apertura focale f/2,4 e lunghezza di 26 mm non sono certo dati negativi. Secondo le prime valutazioni tecniche i pixel raggiungono la dimensione di 1,1 micron mentre lo zoom è di 2x. Completano la dotazione fotografica il doppio Flash LED e la stabilizzazione ottica dell'immagine, utile sia ai principianti che ai più esperti. Tra le opzioni si annovera la possibilità di scattare foto in formato RAW (DNG) che conservano intatte le informazioni del sensore, per un miglior processo di modifica da PC. Sul fronte software Nokia ha pensato di realizzare un'app di gestione della camera che sia semplice per gli utenti alle prime armi ed allo stesso tempo riesca a soddisfare i più esigenti. Smart Camera e Pro Camera vengono unificati; ora si possono controllare ed impostare manualmente i parametri, lo scatto continuo, lo zoom e il reframe tipico della gamma PureView. Molto interessante la funzione Refocus (realizzata da Scalado) grazie alla quale si può cambiare la messa a fuoco in una foto dopo che è stata scattata. Vengono realizzate diverse istantanee, ognuna con una lunghezza focale ed un algoritmo gestisce le modifiche da parte dell'utente. Molto simile a quanto si ottiene con le Lytro cam ma decisamente più economico. La camera anteriore è da 1,2 megapixel e sono presenti anche quattro microfoni per registrazioni sorround. 
Sul 1520 si può trovare Windows Phone 8 GDR3, sistema operativo simile a quello di altri terminali. Sfruttando l'aggiornamento, Nokia introduce la nuova app della fotocamera e Storyteller che inserisce in una mappa geografica le immagini scattate in uno stesso luogo. L'ampio schermo e l'alta risoluzione (1080p) permettono si inserire una terza colonna (di dimensione media) per i Live Tile, così da diminuire drasticamente i cambi di schermata. Questi aggiornamenti che il produttore finlandese renderà disponibili per i suoi terminali sono contenuti nel pacchetto Black.
Non ci sono ancora conferme ufficiali per quanto riguarda prezzi o date di lancio, comunque è probabile che il 1520 sarà venduto a 749 dollari nel quarto trimestre del 2013.


Nokia 1320

Con il Lumia 1320, Nokia vorrebbe sfondare nei mercati emergenti. Il telefono da 6 pollici (nome in codice Batman) sarà venduto ad un prezzo che si aggira intorno ai 339 dollari. Il phablet resta fedele alle caratteristiche della gamma: varietà di colorazioni e bordi arrotondati. Sarà commercializzato in quattro differenti tinte: arancione, giallo, nero, bianco. La cover posteriore rimovibile permetterà di personalizzare ulteriormente lo stile. Sul lato destro si trovano il bilanciere del volume, il pulsante d'alimentazione e quello della fotocamera. I connettori micro USB e il jack audio sono posizionati nella parte alta del telefono. Le differenze dal Lumia 1520 sono poche, è leggermente più grande (alto 164,2 mm, lungo 85,9 mm, spesso 9,8 mm) e pesante (220 grammi).
Nonostante la risoluzione non sia ai massimi livelli (1280x720), la resa cromatica è garantita dalla tecnologia ClearBlack del pannello. Lo schermo IPS LCD da sei pollici valorizza la palette cromatica tipica di Windows Phone. Il display è rivestito da Gorilla Glass 3 e mantiene alti livelli di sensibilità al tocco, di guanti o unghie.
La dotazione hardware non è da top di gamma, eppure il dual core Snapdragon 400 con frequenza di 1,7 Ghz e 1 GB di RAM dovrebbero garantire una buona fluidità nelle operazioni basilari (navigazione web, giochi, app di sistema). Lo spazio dedicato all'archiviazione dei dati è di soli 8 GB, viene in soccorso lo slot micro SD che supporta schede fino a 64 GB. Completano il tutto una fotocamera posteriore da 5 megapixel (non PureView) con flash led, la connettività 4G ed HSPA+. L'autonomia dovrebbe essere buona vista la presenza della stessa batteria del 1520, da 3400 mAh. Non è disponibile la ricarica wireless Qi e nemmeno l'NFC, utilizzato spesso per i pagamenti. Dal punto di vista software il 1320 usufruisce dei miglioramenti apportati da Nokia all'aggiornamento GDR3 di Windows Phone. Tali modifiche sono inserite in un pacchetto che va sotto l'etichetta "Lumia Black", disponibile per gli altri smartphone della serie a partire dal 2014. Le dimensioni dello schermo permettono di aggiungere una terza colonna di Live Tile (di medie dimensioni) che farà diminuire i tempi per avviare le app, poiché ogni schermata ne conterrà molte di più.
Il produttore finlandese ha specificato che questo è un phablet di fascia media (339 dollari) ma inizierà ad essere commercializzato a partire dal 2014. Si comincerà da Cina, India e mercati emergenti del sud est asiatico. Soltanto in seguito giungerà in Europa probabilmente ad un prezzo che si aggira sui 339 euro.


Nokia Lumia 1320 Più volte negli ultimi anni Nokia è stata considerata a rischio fallimento. Dalla conferenza di Abu Dhabi esce un'azienda capace di stupire restando fedele alle proprie idee. I dispositivi presentati sono stati sei, infatti oltre ai Lumia1320 e 1520, c'erano il tablet 2520 e tre terminali della serie Asha (500, 502, 503). La line-up in continua espansione e rinnovamento permette di capire come si evolve la strategia del produttore finlandese, nonostante l'imminente ingresso nella galassia Microsoft faccia supporre non pochi stravolgimenti all'orizzonte. Molto risalto si è dato ai paesi emergenti che potrebbero costituire un bacino d'utenza non indifferente per i prodotti più economici in cui Nokia riesce ancora a dire la sua. Il Lumia 1520 resta invece un device di nicchia proprio a causa del pezzo. Da non sottovalutare la valenza della parte fotografica in grado di surclassare molte compatte e l'hardware decisamente potente. Il Lumia 1320 è invece un terminale di fascia media, almeno per quel che riguarda hardware e prezzo, ma un phablet da sei pollici venduto a 339 euro potrebbe far felici molte persone e attrarre un buon numero di utenti. Unico neo, come sempre, il sistema operativo;Windows Phone che nonostante i progressi, non offre ai propri utenti un ecosistema di app in grado di competere con i concorrenti Android e iOS.