Anteprima Meizu MX4 Ubuntu Edition

Dopo il BQ Aquaris Ubuntu Edition, è arrivato il momento di Meizu MX4 Ubuntu Edition, il secondo smartphone basato sul sistema operativo Ubuntu, poco diffuso ma dalle buone potenzialità.

anteprima Meizu MX4 Ubuntu Edition
Articolo a cura di

Gli smartphone Ubuntu si stanno finalmente affacciando sul mercato. È servito molto tempo prima che si riuscisse ad ideare un dispositivo basato su questo sistema operativo, ma ora sembra che il nuovo OS sia pronto per il debutto in grande stile. Dopo il BQ Aquaris Ubuntu Edition, è arrivato il momento di Meizu MX4 Ubuntu Edition.
La differenza con il BQ Aquaris sta soprattutto nella fascia di utenza alla quale Meizu si rivolge: infatti, se BQ Aquaris è dedicato principalmente agli sviluppatori e a coloro che hanno una buona familiarità con Ubuntu, lo smartphone proposto da Meizu mira invece a sdoganare questo sistema operativo anche agli utenti meno esperti, molti dei quali non sono nemmeno a conoscenza della sua esistenza. Attualmente non è ancora stata comunicata la data di lancio, mentre il prezzo dovrebbe aggirarsi intorno alle 255 sterline.
Ricordiamo che esiste anche una versione Android di questo smartphone, che può già essere acquistata.

Caratteristiche tecniche

Come si può immaginare, il device possiede le stesse caratteristiche tecniche del modello dedicato ad Android, perciò abbiamo un display LCD da 5.36 pollici con una risoluzione di 1920x1152 pixel (418p), un processore octa-core Mediatek 6595, 2 GB di memoria RAM e spazio dedicato allo storage interno a scelta tra 16GB, 32GB e 64GB, senza possibilità di espansione con scheda MicroSD. Il comparto fotografico rivela la presenza di una fotocamera principale Sony da 20.7 megapixel con doppio flash LED in due tonalità, in grado di registrare video in 4K, e una fotocamera frontale da 2 megapixel. Sul versante software, l'applicazione dedicata alla fotocamera è piuttosto semplice da utilizzare e senza troppi fronzoli.
La connettività comprende il supporto Dual SIM, connessione 4G e WiFi 802.11ac; ad alimentare il tutto è una batteria da 3100 mAh.
L’OS installato, nome in codice Canonical, include feature davvero interessanti, come ad esempio gli “Scope”, che permettono di consultare tutte le informazioni che ci servono da un unico hub, senza dover aprire moltissime app per ottenere ciò che si sta cercando.

DESIGN

Il design di questo smartphone è davvero bello, e sicuramente ricorda quello di iPhone 6, complici anche gli angoli ricurvi, gli spigoli arrotondati e il distintivo pulsante tondo. Chi ha avuto modo di provare il terminale riferisce che tale pulsante, se premuto, non effettua alcuna operazione, rivelandosi perciò inutile. Esso funziona perfettamente nella versione Android, e probabilmente deve ancora essere ottimizzato per Ubuntu, perciò è auspicabile che nei prossimi mesi tutto venga risolto prima del lancio.
Il corpo del device è costituito da una lega in alluminio, che conferisce un'aria elegante al prodotto, mentre il retro ha una finitura opaca che oltre ad essere molto piacevole al tatto, dovrebbe essere in grado di ridurre le antiestetiche impronte digitali lasciate sul dispositivo.
Nella parte superiore del terminale troviamo il jack per le cuffie e il pulsante di accensione, mentre il volume del device può essere regolato grazie ai pulsanti posizionati nella parte sinistra, infine in basso è installata la porta microUSB.

Meizu MX4 Gli smartphone Ubuntu hanno un grande potenziale, ma purtroppo siamo ancora ad uno stadio iniziale del loro sviluppo e gli utenti (soprattutto coloro che non hanno familiarità con questo sistema operativo) potrebbero rimanere delusi dalle attuali limitazioni di Canonical. Meizu MX4 Ubuntu Edition è uno smartphone interessante sotto il profilo hardware, che può dare davvero molte soddisfazioni a chi lo utilizza; purtroppo però, anche buone caratteristiche di questo tipo passano in secondo piano, quando si ha un software non ancora stabile e ben ottimizzato. Speriamo che nei prossimi mesi il sistema operativo venga migliorato, in modo da garantire all'utente un'esperienza gradevole, altrimenti potrebbero esserci diversi problemi per la sua diffusione.