Nokia 6 ufficiale: il ritorno del brand finlandese parte dalla Cina Anteprima

Nokia ha mostrato al CES lo smartphone del suo ritorno in campo, un dispositivo di fascia media che arriverà purtroppo solo in Cina.

anteprima Nokia 6 ufficiale: il ritorno del brand finlandese parte dalla Cina
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Il ritorno di Nokia nel mercato della telefonia era atteso da molti utenti. Al CES di Las Vegas HDM, che detiene i diritti per lo sfruttamento del marchio, ha lanciato Nokia 6, il primo device sviluppato dalla joint venture con FIH Mobile LTD. Anche se negli ultimi mesi sono circolate online schede tecniche ben più spinte, Nokia ha deciso di partire dal basso, presentando uno smartphone dalle specifiche che potremmo definire altalenanti, con alcune componenti molto curate e altre, come il processore, leggermente sottodimensionate. Purtroppo, Nokia 6 arriverà solo in Cina, in esclusiva su JD.com, a un prezzo di circa 232€, una scelta fatta probabilmente per insediarsi fin da subito in uno dei mercati con la maggiore crescita, in termini di volumi, a livello globale.

La nuova Nokia

A livello estetico il Nokia 6 si mostra come uno smartphone molto curato nell'aspetto, privo di qualsiasi continuità con i canoni estetici della vecchia Nokia ma certamente gradevole alla vista. La parte frontale è chiaramente influenzata dallo stile iPhone, mentre i bordi in metallo regalano un look davvero premium. Il retro invece risulta abbastanza anonimo, ma nel complesso il risultato finale è più che discreto. Certo lo stile Nokia, almeno in questa prima variante, è completamente assente: aspettiamoci dunque device dall'aspetto più standard rispetto al passato, anche per i prossimi modelli. Le dimensioni sono di 154 x 75.8 x 7.8 mm, piuttosto canoniche per un device di questo tipo. Dal punto di vista hardware la scheda tecnica descrive uno smartphone dalla doppia anima. Da un lato abbiamo una CPU con qualche mese sulle spalle (la presentazione risale al settembre 2015), dall'altro una serie di componenti che vanno anche oltre lo standard per la fascia di prezzo in cui il Nokia 6 viene proposto. Abbiamo infatti un processore Snapdragon 430, un Octa Core con quattro Core Cortex A53 a 1.2 GHz e quattro a 1.5 Ghz, con una GPU Adreno 505. Il display è da 5.5 pollici con vetro 2.5D, quindi curvo ai lati, con risoluzione Full HD, luminosità di picco di 450 Nit e vetro di protezione Gorilla Glass 3.

La RAM a disposizione è di ben 4 GB, con 64 GB di memoria interna, espandibile fino a 128 GB tramite MicroSD. La fotocamera principale è da 16 megapixel, con flash LED Dual Tone, stabilizzatore PDAF, apertura di f/2.0 e pixel da 1 um, mentre quella secondaria è da 8 Megapixel con apertura f/2.0 e ottica grandangolare. Come tutti i device venduti in Cina anche questo offre la connettività dual SIM, oltre al 4G, Wi-Fi b/g/n e Bluetooth 4.1. Presente anche un sensore per le impronte digitali, jack da 3.5mm, speaker stereo, amplificatore dedicato all'audio e supporto allo standard Dolby Atmos. Ad alimentare il tutto c'è una batteria da 3000 mAh, mentre il sistema operativo scelto è Android 7 Nougat.

Nokia Il Nokia 6 è uno smartphone senza troppi fronzoli, con una scheda tecnica discreta, anche se la CPU ha ormai qualche mese sulle spalle, e un design curato ma abbastanza anonimo, di certo non in linea con lo stile Nokia. Già alla presentazione del Nokia N1, nel novembre del 2014, avevamo espresso i nostri dubbi sulla scelta della nuova proprietà di tagliare i ponti con il passato, scelta confermata anche dal Nokia 6. Non aspettiamoci dunque di ritrovare il feeling e l’originalità vista in passato, almeno in termini di design. Fortunatamente questo è solo il primo di una serie di smartphone che vedremo arrivare nel corso dell’anno, la speranza è quella che la nuova Nokia approfitti dell’enorme know how del brand e riesca a tirare fuori prodotti dotati di un carattere più marcato, altrimenti il rischio è quello di confondersi con la massa.