Anteprima OnePlus 3: foto e probabili caratteristiche tecniche

A pochi giorni dalla presentazione ufficiale, che avverrà il 14 giugno, OnePlus 3 non sembra più avere segreti, mostrando specifiche tecniche di alto livello e una scocca completamente in metallo e vetro.

anteprima OnePlus 3: foto e probabili caratteristiche tecniche
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Manca ormai poco alla presentazione ufficiale di OnePlus 3, il flaghsip killer che ha riscosso un ampio successo di pubblico nelle sue precedenti incarnazioni. Il 14 giugno il nuovo terminale sarà presentato ufficialmente, anche se ormai sono pochi i dettagli che non si conoscono, salvo clamorose sorprese. Specifiche tecniche a parte, la vera novità è senza ombra di dubbio l'assenza del sistema a inviti, che aveva caratterizzato le precedenti varianti. OnePlus aveva scelto questo particolare metodo per cautelarsi nei confronti di una produzione eccessiva, che avrebbe potuto portare molti problemi in caso di un insuccesso nelle vendite. Ora però il brand gode di fama mondiale, almeno tra gli appassionati, ed è giunto il momento di aprire le vendite a tutto coloro che desiderano il dispositivo, senza limiti. Rimane tuttavia una piccola prelazione per coloro che seguiranno l'evento di presentazione con il visore Loop VR, che potranno accedere al negozio virtuale di OnePlus per comprare prima degli altri il device. OnePlus 3 è anche il primo smartphone della casa cinese ad arrivare in alcuni negozi fisici selezionati sparsi per il mondo, nessuno dei quali in Italia purtroppo, per cui bisognerà comunque rivolgersi a internet per acquistarlo.

Design

Quando si presenta un nuovo smartphone capita spesso che le specifiche del terminale finiscano online. Vuoi per i benchmark effettuati sulle principali app a tema, vuoi per fughe di notizie dai siti produttivi, ormai è davvero molto difficile mantenere il riserbo sui nuovi device, soprattutto se molto attesi. Questo non riguarda solo l'hardware ma anche il design dei prodotti, catturato da immagini leak anche molto dettagliate. Nel caso di OnePlus 3, le fattezze dello smartphone sono state impresse in alcune foto diffuse online, che seppur di qualità non eccelsa permettono di vedere in anteprima il terminale. Il risultato finale ricorda molto le scelte stilistiche di HTC, almeno nella parte posteriore. Troviamo infatti una scocca interamente realizzata in metallo, con i bordi leggermente curvi ai lati, per facilitare la presa. La backcover è tagliata in alcuni punti da delle strisce di plastica per favorire la ricezione delle onde radio. A colpire lo sguardo è tuttavia il grande sensore fotografico, dotato di un flash Led e di un altro elemento appena sopra di esso, solo abbozzato nelle immagini diffuse fino ad oggi, anche se probabilmente si tratta solo di un microfono. Decisamente più standard la parte frontale, che non sembra presentare caratteristiche di rilievo, confermando anche il grande tasto Home nella parte bassa della scocca. Nessun riscontro, almeno per ora, sulla presenza del lettore di impronte digitali, anche se la sua presenza appare probabile, proprio sotto al tasto Home. Le dimensioni invece sono abbastanza generose e dovrebbero essere di 152.6 x 74.6 x 7.3 mm, per un peso di 160g.

Hardware

OnePlus sfrutta una formula ampiamente collaudata, che difficilmente porta al fallimento: offrire specifiche tecniche simili a quelle dei top di gamma ma a un prezzo più contenuto. Anche per questa terza iterazione del terminale le cose non sembrano essere cambiate, grazie all'adozione del SoC Snapdragon 820, un processore che ha saputo riportare in alto Qualcomm dopo il passo falso fatto con la variante 810. Il Quad Core dell'azienda americana funziona alla grande, grazie all'avanzamento del processo produttivo, a 14 nm, e all'adozione dei nuovi Core Kryo, quattro in tutto, contro gli otto del precedente modello. Troviamo poi una GPU Adreno 530, soluzione potente e che ha dato prova di funzionare molto bene in ambito mobile, compatibile anche con le API Vulkan. La memoria interna, almeno nella variante base, sarà di 32 GB, espandibile con Micro SD, mentre per la RAM sono attese due versioni, una da 4 e l'altra con 6 gigabyte, sempre di tipo LPDDR4. Sicura la dimensione del display, da 5.5 pollici, meno invece la tecnologia celata al suo interno: il pannello potrebbe infatti essere di tipo Super AMOLED, una caratteristica che, se confermata, farà certamente piacere ai futuri acquirenti. Ampie conferme arrivano invece per il comparto fotografico. Pete Lau, CEO di OnePlus, ha diffuso negli scorsi giorni alcune immagini scattate con il terminale, che hanno confermato la dimensione del sensore principale, da 16 Megapixel, mentre quello secondario sarà con ogni probabilità da 8 Megapixel. Sicura la presenza della connessione USB Type C per la ricarica, mentre la batteria dovrebbe essere un modello da 3500 mAh. Per quanto riguarda il sistema operativo, a bordo troveremo OxygenOS 3.0, personalizzazione del produttore basata su Android Marshmallow.

OnePlus 3 A pochi giorni dalla presentazione ufficiale di OnePlus 3 le specifiche del terminale e il suo aspetto sembrano oramai certe, anche se ci aspettiamo ancora qualche piccola sorpresa. Il telefono segue la strada tracciata dai suoi predecessori, con una comparto hardware di spessore unito a un design curato anche se non eccezionale, nonostante i materiali impiegati sembrano essere di buon livello. Come sempre, OnePlus non vuole realizzare il miglior smartphone sul mercato, ma un device che possa offrire un’esperienza d’uso paragonabile ai top di gamma senza però chiedere cifre folli per il proprio dispositivo. A giudicare dalla scheda tecnica anche questa volta l’obbiettivo sembra centrato, anche se è meglio attendere il prezzo ufficiale prima di trarre le dovute conclusioni. Appuntamento al 14 giugno per scoprire gli ultimi dettagli sul dispositivo, che chiariranno ogni dubbio.