Anteprima Oppo N3

Il 29 ottobre Oppo presenterà il suo nuovo top di gamma. Scopriamo quanto emerso finora.

anteprima Oppo N3
Articolo a cura di

Il mese di ottobre si sta rivelando estremamente interessante per quel che riguarda gli annunci di nuovi dispositivi tecnologici. Apple ha presentato la line-up di prossima generazione di iPad e iMac, Google ha mostrato al mondo il Nexus 6, il Nexus 9 e Android L, mentre una compagnia che poco ha a che vedere con questi due colossi (soprattutto per quel che riguarda blasone e dati di vendita), Oppo, prevede di introdurre per il giorno 29, a Singapore, il suo nuovo fiore all’occhiello, l’N3, che andrà a sostituire l’N1 uscito lo scorso anno. I cinesi stanno cercando di ritagliarsi uno spazio quanto meno accettabile sulle pagine web e sui social network di tutto il mondo con annunci teaser in cui vengono rivelate alcune caratteristiche del prossimo smartphone di casa, incluso parte del form-factor. Tuttavia permangono ancora molti dettagli oscuri e vista la vicinanza dell’evento (a meno che Oppo stessa non pubblichi altri aggiornamenti ufficiali) le restanti parti del puzzle saranno svelate solo a fine mese. Cerchiamo comunque di farci un’idea di questo top di gamma analizzando ciò che è ufficialmente noto e ciò che ci viene proposto dalle numerose voci di corridoio di tutto il mondo.

Oppo N3: ciò che è stato svelato

Delle poche informazioni diffuse ufficialmente da Oppo sul suo N3 la maggior parte riguarda la fotocamera girevole posta sulla cornice superiore del telefono, che rappresenta da sempre l’elemento distintivo della serie N. E’ stato il CEO della società asiatica, Chenming Yong, noto anche come Tony Chen, a pubblicare i primi dettagli tecnici del sensore insieme ad alcune foto particolari dell’intero comparto sul social network cinese Weibo e tramite il profilo pubblico di Twitter dell’azienda. L’Oppo N3 sarà dotato di un sensore da ben 16 megapixel con ampiezza pari a 1/2.3 pollici. A corredo di tale specifiche Chen ha effettuato un paragone tra il suo prodotto e alcuni nomi noti della concorrenza, il Samsung Galaxy S5, il Galaxy Note 4, l’HTC One M8 e l’iPhone 6 di Apple. Tutti questi top di gamma sono caratterizzati da un sensore di dimensione inferiore: 1/2.6 pollici per l’S5 e il Note 4 e 1/3 pollici per M8 ed iPhone 6. La differenza tecnica, e quindi anche qualitativa e prestazionale, sarà ancora più evidente paragonando il nuovo sensore a quello della precedente generazione, l’Oppo N1, il quale misura “solo” 1/3.06 pollici. Non solo novità sul fronte tecnico però. La nuova fotocamera girevole targata Oppo, rivestendo un ruolo fondamentale per l’immagine che il telefono N3 darà di sé al pubblico, è stata rivista anche in termini di design e materiali esterni. E’ sempre la stessa compagnia cinese ad averne ufficializzato le fattezze tramite un’immagine esplicativa in cui, stranamente, è stato ripreso il pattern e i materiali tipici della linea Galaxy recente di Samsung (S5 e Note 3).

Il rivestimento infatti è in eco pelle, mentre il resto del componente che sorregge il sensore e gli permette di funzionare come fotocamera posteriore e anteriore è di metallo lucido. Oppo ha voluto dare ancora più enfasi all’originalità della sua fotocamera lanciando sul web un video che mostra il tutto in azione. L’update fotografico presente sull’N3 rispetto al precedente modello comprenderà, con molta probabilità, una “rotazione intelligente” basata su un motore incorporato, a differenza della modalità manuale che abbiamo visto sull’N1. Una delle feature automatizzate comprende lo scatto degli ormai onnipresenti selfie: quando sceglieremo via software di scattarci una foto verso noi stessi assisteremo ad un auto-rotazione della fotocamera, mentre nella modalità di ripresa regolare il sistema non modificherà l’orientamento del sensore.
Altre certezze relative a Oppo N3 riguardano il lettore di impronte digitali, collocato sulla cover posteriore del dispositivo, e il materiale con cui sarà realizzata la scocca, anche se è più corretto parlare di materiali. A fine settembre un’immagine teaser diffusa dagli asiatici ha confermato che le versioni dell’Oppo N3 disponibili sul mercato saranno due: una in lega di litio e alluminio e l’altra in acciaio inossidabile. Il primo modello sarà dedicato agli amanti della portabilità grazie all’estrema leggerezza data dalla lega di litio (il metallo più leggero del mondo) e alluminio. Il secondo invece, sacrificherà la leggerezza per una maggiore resistenza e durabilità, grazie all’utilizzo di acciaio inox rigido. Non è noto se le due tipologie di smartphone siano differenti anche dal punto di vista estetico o se siano coinvolti altri materiali nelle rispettive costruzioni. Le colorazioni previste sono ben tre: bianco, rosa e azzurro.

Insieme all’N3 Oppo presenterà, sicuramente, un accessorio passato già al vaglio dell’FCC (Federal Communication Commission), l’Autorità delle telecomunicazioni USA, l’Oppo O-Music, successore di quell’O-Click di cui pochi si ricordano e che fu mostrato insieme all’N1. L’Oppo O-Music, al pari dell’O-Click, avrà il compito di permettere il facile ritrovamento dell’N3 in caso di smarrimento avendo la possibilità di farlo suonare con un semplice click. Inoltre, come suggerito dal nome, questo portachiavi Bluetooth consente di controllare la riproduzione musicale e il volume sullo smartphone accoppiato ma, grazie ad un jack audio per le cuffie, renderà possibile ascoltare musica senza avere a portata di mano il cellulare stesso. Infine l’O-Music presenta la funzionalità di scatto della fotocamera da remoto. Dalle immagini pubblicate dall’NFC sembra essere molto simile all’iPod Nano di Apple, con relativa clip per aggancio rapido a zaini o indumenti e pulsanti per i comandi rapidi.

Specifiche tecniche non ufficiali

Sin qui abbiamo visto quali sono gli aspetti dell’Oppo N3 che saranno sicuramente mostrati all’evento di Singapore del 29 ottobre prossimo. Tuttavia, come detto poco sopra, mancano all’appello numerosi dettagli, soprattutto riguardanti le specifiche tecniche, di questo nuovo smartphone di fascia alta. E’ probabile che la compagnia di Tony Chen continui nella sua operazione di marketing svelando qualcosa nei giorni che rimangono prima della presentazione ufficiale, ma al momento abbiamo in mano solo indiscrezioni provenienti da fonti più o meno affidabili. Rimanendo in linea con l’attuale tendenza dei principali produttori del settore mobile nel presentare smartphone di dimensioni sempre più grandi (dai 5 pollici in su), Oppo sembrerebbe intenzionata a dotare l’N3 di un display da 5.9 pollici con risoluzione Full HD, ovvero 1920 x 1080 pixel, la stessa del modello precedente. Così come il recentissimo Nexus 6 di Google, anche l’Oppo N3 verrebbe alimentato da un processore Qualcomm Snapdragon 805 coadiuvato da 3GB di RAM. Finisce qui la breve lista di ipotesi fatta da siti e portali specialistici. Tuttavia un leak, trapelato qualche settimana fa e non troppo preso in considerazione, potrebbe rivelarsi veritiero: Oppo starebbe lavorando ad un nuovo sistema per la conduzione del calore in modo da preservare la longevità dei componenti interni ed evitare il tipico surriscaldamento della cover posteriore che si nota in altri terminali e che verrebbe ulteriormente a galla a causa dalle caratteristiche dei materiali utilizzati. Il nuovo sistema di raffreddamento sarebbe basato su un materiale speciale che avvolgerebbe i componenti principali, in modo da isolarli dal resto dell’hardware. Una soluzione che, se realmente dovesse essere implementata, potrebbe risolvere un problema comune e fastidioso degli smartphone attuali, sempre più messi a dura prova da giochi e app ed esosi in termini di risorse.