Anteprima Sony Xperia M5 e C5 Ultra

I due nuovi smartphone di Sony sono stati lanciati un po' in sordina, come del resto lo Z3+, pur presentando caratteristiche tecniche di tutto rispetto, soprattutto nel comparto fotografico.

anteprima Sony Xperia M5 e C5 Ultra
Articolo a cura di

Con un lancio avvenuto senza troppi clamori mediatici, Sony ha ampliato la propria line-up mobile con l'aggiunta di due nuovi terminali di fascia media, che si contraddistinguono soprattutto per gli ottimi comparti fotografici. Si tratta degli smartphone Xperia C5 Ultra e Xperia M5, prodotti arrivati in sordina ma dotati di specifiche tecniche interessanti, al netto di qualche difetto comunque presente. I device sono stati annunciati il 3 agosto e dovrebbero arrivare sul mercato dalla metà del mese, ad un prezzo che non è ancora stato ufficializzato dalla compagnia nipponica.

Xperia C5 Ultra

Xperia C5 Ultra è il successore migliorato dell'Xperia C4, smartphone arrivato sul mercato soltanto pochi mesi fa. Il device è stato modificato da Sony sotto molti aspetti, a cominciare dallo schermo, contraddistinto questa volta da un pannello di dimensioni maggiori. La gestione degli spazi si fa decisamente più intelligente, con il nuovo Xperia C5 Ultra che presenta bordi davvero sottili, un netto miglioramento rispetto agli ultimi device realizzati da Sony. La scocca mantiene in tutto e per tutto le caratteristiche dei terminali della compagnia giapponese: posteriore e frontale in vetro, struttura e bordi in metallo, per uno spessore di soli 7,9 millimetri. Nonostante le cornici ridotte al minimo, il device presenta comunque dimensioni importanti, 150.3 x 77.4 millimetri, ma inferiori ad altri prodotti con il medesimo schermo realizzati dalla concorrenza. Il display è costituito da un pannello IPS da 6 pollici di diagonale, a risoluzione FullHD, 1080 x 1920 pixel, con una densità di 401 ppi. All'interno dell'Xperia C5 Ultra troviamo il chipset MediaTek MT6752, lo stesso del precedente C4, formato da una CPU octa-core da 1,7 GHz e da una GPU Mali-T760 MP2. Presenti anche 2GB di memoria RAM e 16GB di storage, espandibile tramite MicroSD. La batteria, da 2930mAh, dovrebbe garantire secondo l'azienda fino a 2 giorni di utilizzo. L'aspetto forte del device è rappresentato sicuramente dalle due nuove fotocamere, entrambe dotate dello stesso sensore CMOS Exmor RS da 13 megapixel, con autofocus, HDR e flash LED. La cam frontale presenta una lente grandangolare da 22mm, che permette di inquadrare un campo visivo di ben 88 gradi. I filmati possono essere catturati ad una risoluzione massima di 1080p, nonostante il sensore delle fotocamere permetta, in teoria, una maggiore definizione: questo è dovuto a limiti tecnici del SoC MediaTek, che non è in grado di gestire il 4K. Non è di certo una grossa mancanza, ma è comunque un dato da sottolineare.

Xperia M5

Xperia M5 è il "super mid-range" secondo la compagnia nipponica, un device su cui Sony sembra aver puntato davvero molto. Anche per questo smartphone sono stati utilizzati materiali pregiati, come da tradizione per l'azienda: vetro per la scocca e finiture in metallo. Di contro, Xperia M5 presenta cornici molto spesse attorno al display e un pannello IPS da 5 pollici a risoluzione 1080p, con una densità di pixel di 441 ppi. Nonostante le scelte di design di Sony, lo smartphone risulta comunque compatto, 145 x 72 x 7.6 millimetri. All'interno del device troviamo il chipset Mediatek Helio X10, un octa-core da 2,2GHz con GPU PowerVR G6200, 3GB di memoria RAM, 16GB di storage, espandibile tramite slot MicroSD, e una batteria da 2600mAh. La fotocamera frontale è la stessa presente sull'Xperia C5 Ultra, con autofocus ma, questa volta, senza il flash LED. Nel sensore posteriore troviamo la vera innovazione di questo nuovo smartphone: Sony ha presentato l'Xperia M5 come il device in grado di catturare immagini in una frazione di secondo, e sembra davvero aver rispettato la promessa. Tutto ciò è reso possibile dal nuovo modulo CMOS Exmor RS IMX230 da 21,5 megapixel, realizzato dalla stessa compagnia nipponica, che è stato utilizzato anche su altri dispositivi già arrivati sul mercato, come Huawei Honor 7 ed i nuovi Moto X Style e Moto X Play. La principale novità del sensore risiede nella presenza di un autofocus ibrido. Al classico rilevamento a ricerca di contrasto, Sony unisce il PDAF, Phase Detection Autofocus, che a differenza della tecnologia laser non si basa su hardware aggiuntivo. Il PDAF, utilizzato anche sulle fotocamere e le reflex, funziona grazie all'inserimento di 192 punti di messa a fuoco posti direttamente sul sensore. Questi vengono colpiti dalla luce che raggiunge la camera e permettono di calcolare l'esatta distanza a cui è posto un oggetto, posizionando le lenti di conseguenza. L'utilizzo di questo sistema consente una messa a fuoco decisamente rapida, si parla di soli 0,2 secondi, in ogni condizione di luce o con soggetti in movimento. Per quanto riguarda le restanti specifiche, la camera possiede un'apertura focale f/2.2, zoom digitale 5x con una bassa riduzione della qualità, ISO fino a 3200, stabilizzazione digitale dell'immagine ed un singolo flash LED. Grazie al processore più potente, Xperia M5 riesce a registrare anche filmati a risoluzione 4K fino a 30fps, e slow motion, a 120fps, abbassando la definizione a 720p. Al solito il comparto software della fotocamera Sony sarà di altissimo livello, con impostazioni manuali, HDR, controllo dell'ISO e face detection. Si ignora ancora se le foto potranno essere salvate in formato RAW, un'accortezza che sarebbe molto gradita dagli utenti più esperti. Dalla serie Z, Xperia M5 eredita anche la certificazione IP65 ed IP68, che portano la resistenza alla polvere e all'immersione temporanea in acqua, un plus decisamente gradito. I nuovi smartphone di Sony sono dotati della connettività Bluetooth 4.1, Wi-Fi, DLNA e NFC. I device arriveranno sul mercato con Android Lollipop 5.0 e la classica UI personalizzata della compagnia nipponica.

Sony Xperia M5 Xperia C5 Ultra ha buone caratteristiche tecniche, ma lo schermo, di grandi dimensioni, potrebbe ridurne notevolmente il successo. Nella stessa fascia di prezzo, circa 380 euro, troviamo altri prodotti di qualità, con dimensioni più compatte, che potrebbero essere preferiti al modello di Sony. Xperia C5 Ultra ha però dalla sua un’ottima fotocamera frontale, che potrebbe fare la differenza in fase d'acquisto. Xperia M5, invece, rappresenta la vera sorpresa di Sony: un device completo, che eccelle per quel che riguarda la fotocamera, ma non mostra realmente il fianco in nessun settore, con specifiche tecniche di buon livello per un mid-range. Unica nota dolente le dimensioni: con una maggiore cura dei dettagli Sony avrebbe potuto creare un device ancora più compatto, riducendo i bordi intorno al display. Andrà valutata a fondo anche l’autonomia: la batteria da 2600mAh potrebbe essere infatti un po’ sottodimensionata. La fotocamera posteriore, una delle migliori attualmente in campo mobile, è decisamente il suo punto di forza. Ma basterà a far le fortune di questo terminale?