Anteprima Sony Xperia Z5 Premium 4K

L’IFA 2015 di Sony è all'insegna dell'Xperia Z5 Premium, il primo smartphone con display 4K ad arrivare sul mercato, dotato di un design ricercato e di caratteristiche di alto livello.

anteprima Sony Xperia Z5 Premium 4K
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

I nuovi smartphone Xperia Z5 hanno attirato l'attenzione del pubblico e degli addetti ai lavori. Vuoi per il design ricercato, vuoi per le caratteristiche tecniche di primo piano, l'IFA 2015 sarà ricordato come la possibile edizione della riscossa per l'azienda giapponese. Soprattutto la variante Z5 Premium è stata quella presa d'assalto dal pubblico, merito del suo display 4K, il primo al mondo ad essere installato su uno smartphone. Anche se sembra difficile che questa caratteristica possa essere sfruttata a dovere su un pannello tanto piccolo, i vantaggi potrebbero ripercuotersi sulle vendite, visto che, spesso, chi ha il prodotto più innovativo ha la meglio. Ma questo terminale non ha solo un ottimo display, visto che presenta caratteristiche al top anche in tutti gli altri ambiti, dalle fotocamere alla scocca. Sony sembra aver confezionato il prodotto giusto, ma ancora una volta saranno le vendite a dire se l'Xperia Z5 Premium sarà un successo o meno.

Design

Le linee riprendono molte delle caratteristiche viste nel design Omnibalance, utilizzato nella serie Xperia Z fino a questo momento. Il tasto di accensione rotondo è stato rimosso, e nell'insieme le parti che compongono la scocca sembrano meglio amalgamate. Le cornici laterali del display sono sottilissime e lo smartphone misura 154.4 x 76.0 x 7.8 mm, per un peso di 180 gr, non certo leggero. Osservando la scocca, troviamo sul bordo destro il bilanciere del volume, il tasto dedicato alla fotocamera e il pulsante di accensione, sotto al quale alloggia un sensore per il rilevamento delle impronte digitali. L'integrazione di questa caratteristica sotto al tasto di accensione è sicuramente gradita, visto che permette di avviare lo smartphone con la pressione di un solo pulsante. Il bordo sinistro invece ospita l'alloggiamento per la Nano SIM e lo Slot Micro SD, con cui espandere la memoria fino a 200 GB. La scocca, di tipo unibody, è realizzata in vetro nella parte posteriore e anteriore, mentre il telaio vero e proprio, che si vede dai bordi, è in metallo. Materiali di altissimo livello, che si rispecchiano soprattutto nella variante cromata lucida, vistosa ma comunque elegante, anche se molto soggetta alle ditate.

Caratteristiche tecniche

Il nuovo top di gamma della gamma Xperia include quanto di meglio possa offrire il mercato, a partire dal SoC Qualcomm Snapdragon 810 a 64 bit con GPU Adreno 430. I problemi di surriscaldamento di questo processore sono noti, ma Sony ha cercato una via alternativa per porvi rimedio, anche perché il pannello 4K richiede più risorse computazionali per essere gestito, aumentando le temperature medie di utilizzo. Come dimostrato dai primi teardown del dispositivo, all'interno troviamo un dissipatore dual heat-pipe, sul quale è installata della pasta termica, la stessa utilizzata nei PC. Ovviamente non siamo in grado dirvi se questa soluzione porterà benefici tangibili durante l'utilizzo, resta il fatto che non si tratta della configurazione standard per questo processore. A bordo troviamo poi 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna. L'azienda giapponese è riuscita a mantenere lo slot Micro SD senza rinunciare alle certificazioni IP 65 e 68, dotando quindi il terminale della resistenza all'acqua e alla polvere, davvero niente male.
Ottimo, almeno sulla carta, il comparto fotografico, in cui troviamo delle grandi novità rispetto al passato. La camera principale utilizza un sensore 1/2.3 Exmor RSTM di Sony da 23 Megapixel, capace di mettere a fuoco un soggetto, secondo i dati forniti dal colosso giapponese, in soli 0,037 secondi. Grazie anche alla parte software, questo premette di sfruttare lo zoom 5x, senza dimenticare il supporto alla modalità HDR e alla registrazione di video in 4K. A proposito dei video, la tecnologia SteadyShot, presente anche sulla camera anteriore, regala registrazioni di qualità e meno mosse che in passato. Tornando per un attimo al sensore principale, dopo le prime immagini scattate all'IFA di Berlino è venuto fuori che il sensore installato non è da 23 Megapixel, ma da 25, riuscendo così a gestire meglio gli scatti in 16:9, con una risoluzione di 5.984x3.366 pixel. Di scatti fatti con lo Z5 se ne sono visti parecchi in questi giorni sul web, mostrando immagini di ottima qualità, anche se il rumore di fondo rimane, soprattutto con lo zoom. Ovviamente, per esprimere un parere migliore bisognerebbe mettere le mani sui file originali, ma per ora il risultato finale è eccellente ma non stacca i diretti concorrenti.

La batteria è un modello da 3430 mAh, contro i 2700 mAh dello Z5 Compact e i 2900 dello Z5 standard. Basterà questo per supportare a dovere lo schermo 4K? Difficile a dirsi, ma grazie allo Stamina Mode Sony afferma che sono due i giorni di utilizzo possibili con questo modello. La tecnologia Quick Charge 2.0 di Qualcomm tuttavia permette di ricaricare rapidamente il telefono, fornendo poco più di 5 ore di utilizzo con 10 minuti di ricarica.
Ma la caratteristica che spicca di più in questo Z5 Premium è sicuramente il pannello da 5.5" 4K, con risoluzione di 3840x2160 pixel, per una densità di 806 PPI. A prescindere dal fatto che si veda o meno la differenza, a livello tecnologico si tratta di un grosso passo avanti, che si vedrà anche nell'utilizzo in ambito VR, visto che non sono pochi i visori a sfruttare gli schermi degli smartphone per funzionare. Il display sfrutta la tecnologia TRILUMINOS per migliorare la resa cromatica, senza dimenticare il software X-Reality, in grado di ridurre il rumore delle immagini, ottimizzandone i colori, la nitidezza e il contrasto.
La parte software è caratterizzata da Android nella versione 5.1.1, personalizzato con la classica interfaccia Sony, anche se novità sono attese nei prossimi mesi sotto questo aspetto. Questo concentrato di tecnologia ha ovviamente un prezzo, pari a 799€, una cifra alta, ma comunque in linea con molti dei top di gamma concorrenti.

Sony Xperia Z5 Premium L’arrivo dello standard 4K sugli smartphone ha sorpreso molti, anche se i dubbi sull’utilizzo di questa tecnologia su uno schermo tanto piccolo rimangono. All’atto pratico, l’unico campo in cui è possibile sfruttare davvero tale definizione è in accoppiata con un visore virtuale, che beneficerebbe molto dell’alto numero di PPI. Purtroppo, questi dispositivi sono ancora lontani dall’essere di massa, per cui il pannello 4K creato da Sony dovrà attendere per essere utilizzato nel migliore dei modi. Nel frattempo, l’Xperia Z5 Premium arriverà sul mercato con un design assolutamente convincente, specifiche ottime e un comparto fotografico di alto livello. Con gli aggiornamenti software il tutto dovrebbe migliorare ulteriormente, portando novità importanti con l’arrivo di Android 6.0. La speranza di Sony è che il clamore mediatico suscitato con l’annuncio dei nuovi terminali abbia un riscontro anche nelle vendite, che porterebbero una boccata d’ossigeno alle casse della divisione mobile, decretandone il definitivo rilancio.