Anteprima Sphericam 2, la videocamera a 360° per la realtà virtuale

Con l'arrivo dei visori virtuali, sono sempre di più le periferiche che permettono di realizzare video in questo formato, alcune dalle forme davvero strane, come questa Sphericam 2.

anteprima Sphericam 2, la videocamera a 360° per la realtà virtuale
Articolo a cura di

I visori per la realtà virtuale sono uno dei prodotti più chiacchierati del momento, sul mercato sono presenti già alcuni modelli e molti altri arriveranno nei prossimi mesi. Con questi dispositivi potremo giocare a nuovi videogiochi, in grado di coinvolgerci completamente, ma potremo anche guardare video a 360° girati da noi stessi, grazie alle sempre più diffuse videocamere capaci di riprendere in ogni direzione.
L'interesse ed il numero di questi filmati cresce giorno dopo giorno e da qualche mese anche YouTube ha introdotto il supporto a questo formato all'interno del suo player. Oltre a filmati amatoriali si stanno diffondendo sempre di più anche lavori di grande qualità, basti pensare al video di Warcraft "Skies of Azeroth" realizzato per il Comic-Con, da Legendary Pictures.
Oggi vi presentiamo uno dei prodotti più interessanti del momento, la Sphericam 2, capace di realizzare riprese professionali sia per visori per la realtà virtuale come Oculus Rift e Google Cardboard, sia per i tradizionali smartphone e tablet.

Sviluppo

La Sphericam 2 è la seconda generazione di una videocamera lanciata sulla piattaforma di raccolta fondi Kickstarter nel 2012. Rispetto al modello originale è stata completamente riprogettata sia esternamente che internamente. La prima versione era molto più grande, con una parte superiore sferica collegata ad un ingombrante base di appoggio dotata di display LCD da 4,3 ". Aveva solo 4 sensori con ottiche fisheye a bassa risoluzione, da 640x512 pixel. Il risultato finale erano video a 1280x1024 memorizzati sulla scheda SD presente al suo interno.
In soli 3 anni sono stati fatti enormi passi in avanti e le specifiche della prima Sphericam fanno un po' sorridere se confrontate al nuovo modello, capace di registrare video in 4K con risoluzione massima di 4096x2048.

Caratteristiche tecniche e design

Vediamo più in dettaglio questo prodotto partendo dalla sua forma poliedrica. Con un diametro di solo 68 mm (più o meno come una pallina da tennis) è decisamente più piccola del primo modello e sta tranquillamente nel palmo di una mano. La Sphericam 2 è ora dotata di sei diversi sensori capaci di riprendere simultaneamente il mondo che ci circonda.
La struttura principale disponibile nei colori verde o nero, è realizzata in allumino anodizzato ed è resistente agli urti, con un peso inferiore ai 400 gr. Esternamente è presente una porta micro USB, un pulsante di accensione/spegnimento ed uno relativo all'attivazione del Wi-Fi. La camera è dotata di una batteria interna ai polimeri di litio da 2800 mAH, di 4 microfoni, di un sensore GPS e di un sistema di stabilizzazione delle immagini.
Con il sensore integrato, di tipo Global Shutter, ogni pixel viene catturato nello stesso momento durante la ripresa sferica. La camera è in grado di realizzare riprese fino a 60 fps con un tempo di registrazione massimo di 90 minuti. L'utente può scegliere tra 2 diversi formati video, fino a 2,4 Gbps in formato Cinema DNG lossless, per una qualità professionale, o in alternativa un formato compresso in H.264 (con file .mp4 a 600 Mbps).
In queste modalità vengono registrati 6 diversi video su veloci micro SD, ospitate all'interno della videocamera.
E' prevista, inoltre, anche una terza opzione, molto interessante, che consente una ripresa in 4K in real-time a 30 fps, con compressione H.264, questa volta all'interno di un unico video. Questa camera a 360° è, inoltre, anche capace di scattare foto con risoluzione massima 4100x2150 pixel, con il supporto anche per l'HDR.
Sphericam 2 supporta la connessione Wi-Fi per inviare i contenuti sia su smartphone e tablet sia su PC. E' stata, inoltre, sviluppata un'apposita app che consente di iniziare e fermare le registrazioni, tenere sotto controllo le riprese, trasferire e condividere i vari contenuti realizzati.

Accessori

Potremo scegliere con estrema libertà come utilizzare la Sphericam 2, grazie alla presenza di 8 punti di attacco in grado di accogliere vari tipi di accessori. Potremo utilizzare un selfie stick/monopiede, realizzato in fibra di carbonio, molto leggero e maneggevole, con un estensione massima di 1,5 m. Questo potrà essere agganciato a sua volta ad una sorta di zaino che permetterà, ad esempio, di effettuare riprese panoramiche durante un'escursione. Sphericam 2 potrà anche essere collegata ad un comodo treppiede da tavolo o ad un particolare braccio snodabile. Chiamato Magic Arm/Clamp, permette di montare e orientare la Sphericam 2 in quasi tutte le posizioni desiderate, ad esempio, sul tetto di un auto o, addirittura, sul dorso di un cane. Inoltre, per proteggere la camera dagli urti accidentali, è possibile installare 8 piccoli supporti removibili, invisibili agli obiettivi. Concludiamo segnalando che ogni fase di costruzione e assemblaggio di questa camera verrà realizzato con la massima cura in Europa e non in Cina.
La campagna su Kickstarter della Sphericam 2 sta avendo, per ora, molto successo, con più di 200.000 dollari di fondi raccolti. E' già possibile pre-ordinarla al prezzo, non proprio economico, di 1399 dollari, con consegne previste per il prossimo dicembre. Per chi non ha problemi di budget sono previste versioni più accessoriate e, addirittura, un modello in titanio da 4999 dollari ed uno placcato in oro al prezzo di 9999 dollari.

Sphericam 2 Sphericam 2 è sicuramente un ottimo prodotto, con soluzioni tecniche all’avanguardia, adatta anche ad un’utenza professionale e ad ogni situazione. L’idea di poter riprendere in 4K a 360° le nostre vacanze e poi di farle rivedere agli amici su un Oculus Rift è veramente affascinante. Purtroppo, per esaudire questo desiderio sarà necessario attendere ancora qualche mese e spendere una considerevole somma di denaro.