Guida all'acquisto della miglior scheda video, Ottobre 2017

Confrontiamo insieme le proposte che il mercato offre per le GPU, cercando di ottimizzare prestazioni e prezzi.

guida Guida all'acquisto della miglior scheda video, Ottobre 2017
Articolo a cura di

Ritornano le nostre guide mensili e in questo mese cercheremo di sintetizzare il meglio del panorama GPU e CPU. In questa prima parte affrontiamo il discorso schede video mentre nei prossimi giorni sarà pubblicato un articolo con i consigli per l'acquisto della CPU.
Tornando alle schede video, il mercato ormai da qualche anno è in mano a NVIDIA, soprattutto nel settore videoludico. AMD avanza e si sta imponendo sulle GPGPU iniziando a rosicchiare quote di mercato, per quanto riguarda i risultati sui videogiochi però l'ago della bilancia pende ancora verso la casa di Santa Clara. Cerchiamo di vedere quali soluzioni propongono in questo momento per fascia di prezzo e magari risolvere qualche piccolo dubbio per l'acquisto della vostra nuova scheda video.

Fino a 100€

Nella fascia più bassa le migliori proposte sono la GT 1030 per quanto riguarda NVIDIA e la RX 550 per AMD. Entrambe le soluzioni sono da considerare solo nel caso di sistemi estremamente economici in cui la semplice grafica integrata non può soddisfare le richieste. La 1030 monta una memoria DDR5 da 2GB e 384 core, con un TDP di 30W. La soluzione EVGA per la 1030 si trova intorno agli 85 euro ed al momento è quella che offre l'overclock più consistente. Di base le schede partono intorno ai 1220 MHz mentre questa versione ha una frequenza di clock di base di 1290MHz. Come porte troviamo una HDMI e una DVI-D, più che sufficienti per l'utilizzo riservato a questa fascia di prezzo. La RX 550 monta la stessa quantità di RAM DDR5, ha 512 stream processor e una frequenza di base di 1100MHz, leggermente inferiore alla controparte NVIDIA. La versione di XFX porta la frequenza a 1206MHz per un prezzo intorno ai 90 euro.
Le schede sono quasi identiche e tra offerte e nuovi soluzioni proprietarie è probabile che continuino a prevalere una volta l'una e una volta l'altra. In questo momento, per quanto riguarda le prestazioni in game, la 1030 ha un discreto vantaggio. Scordatevi i 60 fps ovviamente, ma nella maggior parte dei giochi la 1030 ha una media di 3-4 fps in più della RX550. Non è una situazione universale, in alcuni benchmark la 550 ha prestazioni maggiori, la differenza tra le due rimane comunque minima.

Fino a 200€

In questa fascia abbiamo due regine, la RX560 di AMD e la GTX 1050Ti per NVIDIA. La scheda di AMD si trova intorno ai 140-150 euro e difficilmente supera i 200 euro, la 1050Ti da 4GB invece in media si trova ad un prezzo superiore di circa 30-40 euro escluse offerte. Esiste qualche versione della 1050 da 2GB per scendere di prezzo ma in quel caso il consiglio è di dirigersi verso la RX560, ormai 4GB iniziano a diventare necessari e non più consigliati.
Se volete rimanere sotto i 200€ è meglio non spendere più di 170€ per queste schede. Infatti ci si può avvicinare notevolmente alle 1060 più economiche (da 3GB) e per dieci euro bisogna considerare con attenzione la scelta.
Allo stato attuale comunque la 1050Ti è avanti in prestazioni e soprattutto NVIDIA, tramite i partner, ha disseminato di molte soluzioni la fascia di prezzo fino ai 200 euro, soglia sopra la quale iniziamo a trovare le prime 1060. Le Radeon invece si arenano sulla 560 e per arrivare ai primi prezzi della 570 dobbiamo superare i 250 euro.

Ci sentiamo di consigliare la RX560 di Asus a causa di un buon rapporto qualità/prezzo, infatti versioni overclock vere e proprie non ci sono e quasi tutte le soluzioni proprietarie mantengono la frequenza originale di 1275MHz di base e 1300MHz in boost, il tutto a 150€. Per la 1050Ti invece consigliamo la versione di EVGA che porta le frequenze originali (1290MHz/1392MHz) a 1354MHz di base e 1468MHz di boost, ad un prezzo di circa 156€.

Fino a 300€

Fino a 300 euro la situazione è leggermente più complicata, infatti in questa fascia si posizionano molte 1060 da 3GB e soprattutto alcune da 6GB.
Sicuramente tra una GTX 1060 e una RX570 meglio orientarsi sulla prima, ovviamente per quanto riguarda l'aspetto gaming. Per il GPGPU o il mining la RX570 è ancora la scelta migliore e si presta con molta più efficienza energetica ad uno lavoro più eterogeneo. Entrambe si trovano tra i 250 e i 300 euro.
Al momento si trovano però anche soluzioni con delle RX580 da 4GB, ma visto il prezzo comparabile con le GTX 1060 da 6GB consigliamo comunque la controparte NVIDIA. Quindi per NVIDIA meglio puntare sulla versione EVGA della 1060, con 6GB di memoria GDDR5 senza overclock. Le frequenze rimangono infatti quelle di fabbrica con 1506MHz di base clock e 1708MHz di boost. Il tutto si può trovare intorno ai 270 euro, al momento della scrittura dell'articolo. Per il lato AMD la RX570 è la scheda migliore per un utilizzo più ampio e consigliamo la Sapphire Nitro da 4GB per 250 euro circa. Esiste anche una versione da 8GB ma il prezzo arriva a 350 euro. Per questo motivo il consiglio è di restare sotto i 270 euro, poiché intorno ai 330 euro iniziano ad uscire nuove alternative, e avvicinarsi troppo alla soglia dei 300 euro può rivelarsi controproduttivo.

Fino a 400€

Infatti nella fascia fino a 400 euro abbiamo da una parte ancora la GTX1060 da 6GB come unica scelta obbligata da parte di NVIDIA, mentre dal lato AMD troviamo le RX580 da 8GB. Qui le prestazioni iniziano ad avvicinarsi e a confondersi.
La Sapphire Nitro + RX580 da 8GB è infatti un'ottima scheda: 2304 stream processors, 1411MHz di boost clock e un sistema di raffreddamento di tutto rispetto. Come si comporta rispetto ad una GTX1060? In realtà abbastanza bene. In effetti in molti benchmark le soluzioni tendono a superarsi di pochi fps a seconda del titolo.

Nella maggior parte dei casi la GTX 1060 ne esce vincitrice ma gli 8GB potrebbero essere un utile investimento per avere una scheda più longeva nel proprio PC.
Per quanto riguarda il lato NVIDIA possiamo contare comunque molto sul prezzo, infatti possiamo trovare soluzioni anche sotto i 300 euro, per giustificare la differenza di costo dobbiamo considerare gli overclock che nel caso dell'Asus Strix portano la frequenza di boost dai 1708MHz di base ai 1873MHz per un prezzo di 371€ circa.

Fascia Top Gamma

Per la fascia top gamma la situazione è incredibilmente complicata. Non possiamo consigliarvi una specifica configurazione dei partner in quanto dovremmo aver accesso a tutte le schede e confrontare le frequenze effettive e il sistema di raffreddamento. Neanche il prezzo si può fissare a priori viste le variazioni anche di 100€ tra le varie personalizzazioni.
Detto questo bisognerebbe scrivere un articolo (e ne abbiamo fatti) per ogni scheda, ma questo non è argomento di questa guida.

In questo caso ci limitiamo a considerazioni generiche e a confronto tra i quattro modelli delle due case: la GTX 1080/Ti e la GTX 1070 per NVIDIA e le nuove Vega 56/64 per AMD. Sui benchmark la VEGA è in leggero vantaggio rispetto alla 1070, entrambe montano 8GB di memoria e i prezzi rimangono simili (tra i 500 e i 650 euro). Qui la maggior parte dei benchmark sono a favore della soluzione AMD con una potenza netta superiore del 10-12%. I consumi però sono molto più alti e in bolletta potreste risentirne. Sembra che le configurazioni che portano i risultati migliori siano quelli con una configurazione Ryzen + Vega che mostra i vantaggi nel produrre sia processori che GPU.
Stessa situazione nel confronto GTX 1080 e Vega 64, ma nella maggior parte dei calcoli GPGPU come rendering e simulazioni la scheda NVIDIA è ancora in vantaggio. In questo caso le schede NVIDIA rimangono rimangno le per il gaming. Sono sul mercato da molto più tempo e questo può essere visto come lato negativo, ma sono schede ben rodate e le configurazioni personalizzate abbracciano fasce di prezzo più ampie permettendovi di risparmiare qualcosina. Se volete acquistare ora quindi meglio andare sul sicuro, aspettate comunque ancora un po' visto che il mining su GPU andrà scemando in futuro e i prezzi potranno tornare a scendere.