Netflix: come scaricare Film e Serie Tv e quanto spazio occupano

Netflix ha reso disponibile la modalità offline che permette di scaricare film e serie TV. Scopriamo come funziona e quanto spazio occupano i video.

guida Netflix: come scaricare Film e Serie Tv e quanto spazio occupano
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Netflix sta migliorando la propria piattaforma di streaming di anno in anno, con l'aggiunta di formati video sempre più evoluti, come il 4K e l'HDR, e di nuove funzionalità. L'ultima, in ordine temporale, ad essere stata implementata permette di scaricare i propri film e le serie TV preferite direttamente su smartphone/tablet iOS ed Android, per poi goderseli in tutta tranquillità offline. Un'opzione gradita e attesa dagli utenti, che potranno così vedere i contenuti ovunque, anche in assenza di una connessione ad Internet. Vediamo quindi come fare per sfruttare la nuova opzione ma soprattutto quanto occupano i file scaricati, un dato fondamentale per capire quanti contenuti è possibile conservare sul proprio device.

L'opzione che serviva

Il download dei contenuti era un'opzione molto attesa dal pubblico, e il motivo è abbastanza chiaro. Netflix ha spinto molto per l'utilizzo del servizio in mobilità, sempre più frequente anche in Italia, merito anche dell'ottima app per iOS e Android. I piani tariffari però non permettono una visione continuativa del servizio, visti i pochi GB mensili a disposizione degli utenti per il download. Non va dimenticato inoltre che lo streaming di Netflix è sì utilizzabile anche quando si viaggia all'estero, ma questo presenta solo i contenuti disponibili nel catalogo del paese in cui ci si trova, impedendo così di vedere film e serie TV in lingua italiana. In entrambi i casi, scaricare in tutta comodità i video da casa è un bel vantaggio ed è anche molto semplice. Abbiamo provato il servizio su iPhone 7 e iOS e su Huawei Mate 9 e Android, il funzionamento della nuova opzione è il medesimo e molto semplice. La prima cosa da fare per poterla sfruttare è aggiornare l'applicazione all'ultima versione disponibile, rilasciata ieri. Una volta fatto, aprite Netflix e andate nella sidebar laterale, dove troverete un nuovo menù, chiamato "I miei download", e una nuova categoria di contenuti, "Disponibili per il download". Tappando su quest'ultima opzione l'interfaccia mostra tutti i film, le serie TV e i documentari disponibili per la visione offline. Non tutto il catalogo è scaricabile, purtroppo anche Netflix deve fare i conti con le regole stringenti imposte da major cinematografiche e distributori, ma già ora il numero di contenuti è piuttosto cospicuo. Se la vostra scelta è ricaduta su un film, basta semplicemente entrare nella preview della pellicola e tappare sul tasto "Scarica", indicato con la classica freccina del download. Nel caso in cui avete scelto una serie, una volta entrati nella preview basta scendere nella lista degli episodi e scaricarli uno ad uno. Terminato il download, tutti contenuti scelti saranno disponibili nel menù "I miei download" e pronti per la visione offline.

Come cambiare la qualità video e quanto occupano i file

Molti dispositivi non possiedono abbastanza memoria interna per contenere film e serie TV in grande quantità. Ecco perché Netflix ha messo a disposizione una semplice opzione per decidere la qualità video dei contenuti scaricati, a scelta tra le impostazioni "Standard" e "Superiore". Per impostare quale delle due sfruttare bisogna aprire il pannello laterale dell'applicazione, scorrere verso il basso e tappare su "Impostazioni App". L'opzione "Qualità Video" è ben visibile e permette di scegliere tra le due opzioni indicate poco sopra. Ma quanto spazio occupano questi video? Abbiamo fatto qualche prova scaricando gli stessi filmati sia su Android che su iOS, prima in qualità "Superiore" e poi con quella "Standard", riscontrando qualche discrepanza nelle dimensioni dei file. Alla massima qualità, la prima puntata di Stranger Things occupa 310 MB su iPhone, mentre su Mate 9 pesa solo 260 MB. Stessa cosa per Kick Ass, con 1005,8 MB su iOS e 910 MB su Android. Come ulteriore verifica abbiamo anche provato il download di The Wolf of Wall Street, e anche in questo caso iPhone 7 ha scaricato più dati, 1.32 GB contro 1.2 GB. Non sappiamo il motivo della discrepanza, a occhio nudo non si notano differenze nella qualità video, anche perché fare un paragone tra l'esperienza visiva sullo schermo da 5.9" del Mate 9 e quello da 4.7" di iPhone 7 è praticamente impossibile. Interessante anche osservare il risparmio con la qualità "Standard", che abbassa in modo rilevante il consumo di memoria. Su iPhone Stranger Things passa a 197.1 MB contro i 260 MB scaricati in alta qualità, The Wolf of Wall Street scende a 876.1 MB mentre Kick Ass perde più della metà del suo peso, con 486.1 MB utilizzati. Su Mate 9 invece Stranger Things scende a 237 MB, non molto rispetto ai 260 MB della qualità "Superiore", molto meglio invece The Wolf of Wall Street, 836 MB, e Kick Ass, 448 MB, con quest'ultimo che abbassa di molto la memoria richiesta. L'incidenza sulla visione dipende dalla qualità originale dei contenuti, dalla dimensione e dalla risoluzione del display utilizzato. Nel caso di Kick Ass, la compressione più spinta si nota su Mate 9, meno su iPhone 7, il cui schermo da 4.7" mette meno in evidenza gli artefatti. Con entrambe le modalità tuttavia la visione è molto buona, permettendo così a tutti i dispositivi, anche a quelli con poca memoria, di sfruttare offline il servizio.