Recensione Amazon Kindle Paperwhite (2015)

L'eBook Reader di Amazon si aggiorna con importanti novità, a partire dal nuovo display in alta risoluzione, per una lettura sempre più confortevole, definita e al passo coi tempi.

recensione Amazon Kindle Paperwhite (2015)
Articolo a cura di

Anche nel 2015 Amazon ha provveduto ad aggiornare uno dei suoi prodotti più rappresentativi e di maggior successo, il Kindle Paperwhite. Ci troviamo di fronte alla settima generazione dell'e-reader per antonomasia e il colosso dell'e-commerce di Seattle ritiene, senza mezzi termini, che si tratta di uno dei più importanti update di sempre, tanto da definirlo "All-New" rispetto al precedente modello. Il Kindle Paperwhite 2015 presenta, in generale, tre nuove caratteristiche: display da 300 PPI con tecnologia Carta e-paper e luce integrata, nuovo font "Bookerly" e motore grafico, dedicato al layout dell'interfaccia utente e alla parte tipografica, rivisitato, al fine di garantire un'esperienza di lettura molto più gratificante e rilassante. Il Kindle Paperwhite è disponibile in due versioni, una Wi-Fi (129 euro) e una dotata, in aggiunta, di connessione 3G (189 euro), offerta gratuitamente da Amazon. Entrambe prevedono inserzioni pubblicitarie non invasive, visto che appaiono solo in modalità salvaschermo o in fondo alla schermata iniziale e non disturbano in alcun modo la lettura. Tali "offerte speciali" possono essere eliminate pagando un sovrapprezzo, al momento dell'acquisto, di 10 euro. La versione da noi provata e recensita è quella Wi-Fi+3G con inserzioni pubblicitarie.

Specifiche tecniche

Il Kindle Paperwhite di settima generazione si presenta in una confezione compatta, graficamente minimalista e ben realizzata e con un vano in cartone rigido che protegge il lettore da urti e cadute. All'interno troviamo, oltre al dispositivo, la guida rapida multilingue, la garanzia di due anni offerta da Amazon e il cavo USB/microUSB (senza alimentatore) per la ricarica al computer. Le dimensioni generali, 169 mm x 117 mm x 9.1 mm, invariate rispetto all'edizione 2014, rendono il Kindle Paperwhite più piccolo di un libro tascabile, mentre i 217 grammi di peso (il modello solo WiFi pesa 205 grammi) ne fanno un oggetto non proprio leggerissimo. Tuttavia è abbastanza piccolo e compatto da tenere con una sola mano e senza affaticamento, per ore. L'aspetto non entusiasma. Il guscio è spartano, di plastica nera e gommato (con incisione "Amazon") sul retro, le cornici sono consistenti e interrotte solo dal logo traslucido "Kindle", mentre l'unico tasto fisico, adibito all'accensione e allo spegnimento dello schermo, è posizionato al fianco del connettore micro USB sul bordo inferiore. Nonostante tale semplicità, la costruzione è solida e l'assemblaggio dei singoli componenti impeccabile. Capitolo display. Lo schermo del Paperwhite è, a differenza della versione top di gamma Voyage, leggermente incassato nello chassis, ma mantiene le medesime caratteristiche tecniche, nonché dimensioni (6 pollici) e risoluzione (1448x1072 pixel, pari a 300 PPI, il doppio rispetto alla generazione precedente). Sin dal primo approccio è stato possibile ammirare l'incredibile brillantezza e nitidezza del testo. Il display dell'e-reader Amazon non soffre la luce del sole. Leggere all'aperto, in queste calde giornate estive, non è stato un problema e i riflessi che normalmente minano l'esperienza dei lettori sui comuni tablet, iPad compreso, sono praticamente assenti. Al buio, grazie alla luce integrata di nuova generazione che viene proiettata verso lo schermo e non verso gli occhi del lettore, la vista non si affatica e la lettura rimane comoda e rilassante. Manca il sensore di regolazione automatica dell'illuminazione, presente sul Kindle Voyage, ma l'opzione manuale è comunque presente nel menù principale e la mancanza non giustifica la differenza sostanziale di prezzo tra questi due modelli. Completano le specifiche tecniche un processore da 1 GHz, 512MB di RAM (il doppio rispetto al Paperwhite 2014), connettività Wi-Fi 802.11n a 2.4GHz e memoria interna da 4GB (sono necessari "un migliaio di ebook" per riempirla). Manca il supporto alle schede di memoria esterne, ma il servizio di Cloud Storage gratuito offerto da Amazon permette di immagazzinare un numero praticamente infinito di ebook consultabili sui propri dispositivi, iOS, Android o Windows Phone che siano, grazie alla Kindle app.

Interfaccia ed esperienza di lettura

Se avete familiarità con un qualunque Kindle Paperwhite degli scorsi anni, non avrete difficoltà di interazione con il modello 2015. Acceso il dispositivo, vengono visualizzate delle icone nella parte superiore dello schermo: Home, Indietro, Luminosità, Carrello (da cui è possibile accedere allo store Amazon), Ricerca e Impostazioni. Il resto della schermata è composta dalle cover di ebook acquistati e presenti in memoria sul Kindle o sul Cloud. Selezionando un libro qualsiasi e cliccando nella zona superiore, oltre alla serie di icone appena descritte, viene visualizzata una barra degli strumenti, necessari per personalizzare il testo (cambio dimensioni o aspetto del font, modifica interlinea e margini), navigare tra i contenuti e le note, condividere le proprie impressioni e letture via social (Facebook o Twitter) e impostare i segnalibri. In basso invece, appaiono informazioni circa il tempo necessario per terminare il libro, in base alla velocità di lettura fino a quel momento. Un tap nella parte destra o sinistra consente, infine, di sfogliare le pagine.
Amazon ha introdotto quest'anno un nuovo font, noto come "Bookerly". Si tratta di un carattere esclusivo, creato da zero per la lettura sugli schermi digitali: "Caldo e contemporaneo, Bookerly si ispira ai tratti artistici dei migliori caratteri dei moderni libri stampati, ma è creato a mano per garantire la massima leggibilità del testo in qualsiasi dimensione". Dopo aver letto qualche pagina con Bookerly, possiamo definirlo un buon font, facile da leggere, gradevole alla vista e non fuori luogo. Tuttavia le opzioni del testo comprendono altri sette font tra cui scegliere, in qualunque momento. Altri strumenti per la lettura, non selezionabili da un menù stabilito ma attivabili tramite un tap prolungato sulle singole parole o porzioni di testo, sono l'evidenziatore, lo strumento di ricerca delle definizioni, il traduttore di parole straniere, l'opzione di condivisione sui social, l'aggiungi nota e il rimando a Wikipedia. Per quel che riguarda il layout generale delle pagine, Amazon ha apportato alcune migliorie in quest'edizione, non di poco rilievo. In primis gli ingegneri di Jeff Bezos hanno risolto il problema dell'impaginazione del testo quando il lettore seleziona un font di grandi dimensioni. Il nuovo motore grafico dispone il testo in maniera armonica, andando a giustificare lo spazio tra le parole senza creare dei veri e propri vuoti tra esse. Anche i problemi di spaziatura tra le lettere sono stati fixati. L'elemento base non è più rappresentato dalla lettera singola, bensì dalla coppia. La distanza tra le coppie di lettere è stata regolata in modo tale che l'intero insieme appaia meglio adattato. Anche il layout della pagina ha ottenuto qualche accorgimento. Sono stati aggiunti i capolettera, mentre il testo e le immagini si conformano più fedelmente alle rispettive parti dell'edizione cartacea. Tutto questo rende la lettura sul Kindle Paperwhite (2015) più veloce, più facile e più piacevole che mai. Tuttavia chi possiede un vecchio Kindle non deve disperare, visto che il nuovo motore grafico del testo e il carattere Bookerly saranno integrati via update software anche sui modelli meno recenti.

L'autonomia rappresenta uno dei punti di forza storici dei Kindle Paperwhite. Secondo Amazon una singola carica assicura diverse settimane di utilizzo e non possiamo far altro che confermare. Abbiamo utilizzato il lettore per una settimana, almeno per un paio d'ore al giorno, con luminosità settata su un livello medio-alto, prevalentemente in Wi-Fi. La carica presente al momento dell'unboxing era al 75% e, ad oggi, ha raggiunto il 45%. Davvero impeccabile.
Un ultimo approfondimento lo dedichiamo allo Store virtuale di Amazon. L'ecosistema messo su da Jeff Bezos e il suo team non ha rivali sul mercato e rappresenta un valore aggiunto rispetto alla concorrenza. Il Kindle Store è pieno di contenuti, con circa 3 milioni di libri disponibili (più di 100mila in italiano e più di 10mila in esclusiva per i dispositivi Kindle). Navigare in questo oceano di cultura dal Kindle Paperwhite e selezionare quanto desiderato non è semplice, né intuitivo, come su PC. Lo schermo in bianco e nero e la relativa lentezza nel processo di input/output via touchscreen nell'interazione con i menù e le categorie dello Store non favoriscono l'utente all'acquisto diretto tramite Kindle. Fortunatamente Amazon, come detto in precedenza, permette di comprare contenuti su smartphone, tablet o PC e inviarli direttamente sul proprio Kindle Paperwhite. I prezzi sono molto competitivi e spesso il colosso di Seattle propone offerte lampo o promozioni che durano anche diverse settimane. Come se non bastasse, Amazon mette a disposizione il servizio Kindle Unlimited, una sorta di Netflix dell'ebook che consente di scegliere tra oltre 800mila titoli pagando solo 9.99 euro al mese. In aggiunta al formato nativo Kindle, AZW (o AZW3), il Paperwhite supporta file in TXT, PDF, MOBI, PRC, HTML, DOC, DOCX, JPEG, GIF, PNG e BMP. Manca la compatibilità con il formato libero EPUB, molto diffuso online.

Amazon Kindle Paperwhite (2015) Il Kindle Paperwhite 2015 è indubbiamente un ottimo e-reader, un punto di riferimento dell'intero settore e la miglior scelta analizzando il rapporto qualità-prezzo. La domanda da porsi non riguarda tanto la bontà del dispositivo in sé. Chi non ne possiede uno e desidera un'esperienza appagante per la lettura degli ebook può fidarsi ciecamente di Amazon e del suo nuovo prodotto. L'interrogativo dell'acquisto riguarda invece chi possiede già un Kindle Paperwhite. Le novità introdotte dal colosso dell'e-commerce sono abbastanza significative da giustificare un altro acquisto? Il nuovo motore grafico dedicato al testo e alla sua impaginazione e l'esclusivo font Bookerly rappresentano aggiunte importanti al Paperwhite, non c'è dubbio. Fortunatamente, per gli utenti di vecchia data, un update software porterà entrambe le novità sul Kindle Voyage, sul Kindle classico, e sulle precedenti generazioni di Paperwhite. Rimane, a questo punto, il monitor ultra-definito da 300 PPI. I lettori incalliti ne trarranno enorme giovamento, grazie a testo ed immagini più chiare che mai, ma probabilmente non è ancora abbastanza per spendere i 129 euro necessari per la versione base.

8