AOC Q2781PQ Recensione: un monitor business elegante e versatile

AOC propone un monitor indirizzato all'utenza business dal design ricercato, capace di offrire un'ottima resa in diversi ambiti di utilizzo.

recensione AOC Q2781PQ Recensione: un monitor business elegante e versatile
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

AOC Q2781PQ è un monitor da 27 pollici basato su tecnologia IPS, rapporto schermo 16:9, risoluzione di 1440p (2560x1440) e tempi di risposta di 4 ms (gray to gray), caratterizzato da un design minimalista decisamente riuscito, che nonostante la diagonale davvero generosa mantiene un ingombro limitato grazie al bordo spesso meno di 6 mm. Anche la base su cui poggia il monitor, sinuosa e filiforme, contribuisce a definire un design originale, moderno e decisamente piacevole. Dato lo spessore decisamente limitato, lo schermo è collegato ad un piccolo alimentatore esterno molto semplice da nascondere dietro la scrivania. La dotazione comprende anche un cavo HDMI ed uno DVI.

Per lavoro ma non solo

Il comparto ingressi è posizionato sul retro dello schermo, caratterizzato da una porta DVI 1.2, 2 porte HDMI 1.4 e la classica VGA a garantire una compatibilità, seppur minima, con i device più vecchi. Presente anche un jack audio, per collegare casse o auricolari. La dotazione risulta più che sufficiente in ambito lavorativo ma anche in un contesto "gaming" grazie ai due ingressi HDMI, seppure non sia la vocazione principale di questo monitor, più orientato al settore business.
Il pannello dello schermo si fa subito apprezzare per l'ottima definizione garantita dai 2560x1440 pixel, un bel salto in avanti in termini di pulizia di testo ed immagini, che noterete subito se arrivate da un classico schermo a 1080p. La tecnologia è la AH-IPS (In-Plane Switching) dotata di un contrasto statico 1000:1 ed un refresh massimo di 60 Hz. La finitura dello schermo è ovviamente opaca, scongiurato quindi l'effetto riflettente degli schermi "glossy".
Gli angoli di visione sono i classici 178° orizzontali e verticali, con un degrado di luminosità e dei colori rispetto alla norma percepibile solo allontanandosi notevolmente dal centro dello schermo durante la visione di film o video, in ambienti poco illuminati, ma praticamente assente nell'uso quotidiano in ambito lavorativo.
Pur essendo destinato a questo ambito, AOC Q2781PQ non disdegna qualche puntatina nel gaming, un'esperienza che risulta molto piacevole grazie all'alta definizione dello schermo, alla generosa diagonale di 27" e alla buona riproduzione dei colori. Discreto il livello del nero: non aspettatevi però un nero profondo come i migliori Full Led o OLED, ma in relazione al tipo di prodotto siamo rimasti soddisfatti anche da questo aspetto. Buona dunque la riproduzione dei colori, comprensiva dell'sRGB, con 16.8 milioni di colori riproducibili nativi e senza l'uso di dithering. Ottima la stabilità dell'immagine grazie ai filtri anti flicker.

La base su cui poggia lo schermo risulta stabile nonostante la forma sinuosa e l'ingombro limitato. Il monitor può essere orientato solo in profondità di circa 2 gradi indietro e 16 gradi in avanti. Non è possibile ruotarlo per l'uso in verticale, un'opzione utile soprattutto per i programmatori che devono affrontare lunghe schermate di codice. Il peso totale è di soli 8 Kg, ed il monitor può essere facilmente trasportato da una postazione all'altra.
Il pannello di controllo, posizionato lungo il bordo inferiore dello schermo sulla sinistra, può risultare di difficile lettura, a causa delle icone non retroilluminate. Questo aspetto rende la navigazione tra le opzioni per la personalizzazione dell'immagine abbastanza frustrante. Il numero di settaggi appare sufficiente in ambito lavorativo, ma qualche controllo o preset in più per l'uso in modalità gaming non avrebbe guastato.

AOC Q2781PQ Venduto al prezzo di 349 euro AOC Q2781PQ è un monitor che ci sentiamo di consigliare soprattutto per l’alta qualità in relazione al prezzo, che lo rende molto appetibile per un uso in ambito lavorativo. La generosa diagonale unita ad un ingombro limitato (grazie ai bordi sottilissimi) ed alla risoluzione nativa in QHD sono i suoi punti di forza e ne fanno un ottimo monitor anche per grafici, programmatori e web designer. L'area di lavoro è così estesa che è possibile utilizzare due applicazioni a schermo contemporaneamente senza troppo sforzo, davvero utile se avete sempre desiderato una configurazione a doppio schermo, pur non avendo spazio sufficiente sulla scrivania. Il Q2781PQ può essere usato anche come monitor da gioco, ottenendo immagini molto definite ed una buona riproduzione dei colori. Ovviamente il livello del nero è solo discreto (probabilmente dovuto ai valori di contrasto non elevatissimi) e non paragonabile a soluzioni pensate specificamente per l’ambito ludico, ed il refresh rate fermo ai classici 60 Hz potrebbe essere un limite per i giocatori più esigenti che vogliono superare quella soglia in termini di frame rate.

8