Recensione HP Slate 8 Pro

HP si mette in gioco con un potente tablet da 8 pollici, powered by NVIDIA Tegra 4.

INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Il 27 gennaio 2010 Steve Jobs presentò il primo iPad, un dispositivo che il guru di Apple definì “magico e rivoluzionario”. Fin da subito, erano in molti a credere che i tablet si sarebbero rivelati un flop, definendoli troppo limitati per poter competere con PC e notebook. Secondo Jobs però, una terza via all’informatica era possibile: a quattro anni di distanza, anche i più critici non possono che dare ragione al compianto co-fondatore di Apple. Tralasciando qualsiasi opinione personale, è il mercato a dare le indicazione necessarie per trarre le dovute conclusioni; mentre le vendite di PC calano di anno in anno, quelle dei tablet non sembrano conoscere crisi. Certamente, gli utenti più smaliziati non riusciranno mai a vedere questi dispositivi come veri strumenti di lavoro, bisogna ammettere però che il contributo dei tablet alla diffusione dell’utilizzo di internet nelle fasce meno informatizzate è stato molto importante. Un lavoro imponente è stato svolto anche dalle case produttrici, che hanno capito l’interesse del pubblico, proponendo sul mercato dispositivi di ogni fascia di prezzo, capaci quindi di catturare le esigenze dei vari segmenti di mercato. HP, storica azienda del mercato dell’informatica, sembra aver compreso alla perfezione queste esigenze, lanciando una serie di tablet adatti a tutte le tasche. Tra questi, una delle proposte più interessanti è sicuramente il modello Slate 8 Pro, un dispositivo con display da 8 pollici con tanti pregi, ma anche qualche difetto.

Semplicità prima di tutto

Per farsi un’idea delle qualità generali di questo HP Slate 8 Pro è bene partire dal packaging e dal design del prodotto. Il contenuto della confezione non prevede particolari accessori in dotazione: oltre ai soliti manuali di avvio rapido e della garanzia, gli accessori forniti comprendono esclusivamente il caricabatteria e il cavo micro-USB. Per quanto riguarda il design, bisogna ammettere che le scelte fatte da HP in questo ambito lasciano qualche dubbio. La qualità costruttiva generale è molto buona e la scocca unibody bianca in policarbonato appare solida, ma allo stesso tempo morbida al tatto. Ciò che lascia leggermente perplessi è la cornice del display, che appare particolarmente grande: la parte superiore e quella inferiore misurano infatti 2.6cm ognuna, occupando una fetta importante della parte anteriore del tablet.

"Il cuore pulsante di questo HP Slate 8 Pro è la CPU NVIDIA Tegra 4 a bordo."

Forse, una progettazione più attenta avrebbe consentito una maggiore ottimizzazione degli spazi e delle dimensioni, migliorando inoltre l’aspetto estetico generale del prodotto. Per comprendere meglio questo aspetto, è possibile fare un confronto con un diretto concorrente dell’Hp Slate 8 Pro, ovvero LG G Pad 8.3: a fronte di uno schermo di maggiori dimensioni, il tablet LG misura 216.8x126.5x8.3 per un peso di 338g mentre quello HP tocca i 220x141,5x9,9 per 451g.
Passando a una descrizione più generale, nella parte posteriore è possibile osservare lo slot per le Micro-Sd e i tasti volume, posizionati in modo da essere facilmente accessibili con il tablet in mano, oltre alla fotocamera da 8mpix con flash LED e autofocus; quella anteriore comprende, oltre al display, una camera da 2mpix. Nel bordo inferiore sono presenti un’uscita mini-HDMI, un connettore micro-USB, il jack per le cuffie e due altoparlanti stereo certificati Beatsaudio. La qualità del suono appare buona, anche se non troppo potente. Ovviamente, trattandosi di speaker di ridotte dimensioni, non si può pretendere un volume troppo elevato; bisogna però tenere presente che la posizione scelta per la due casse non consente una resa acustica ottimale se il tablet è impugnato orizzontalmente, in quanto le mani si posizionano esattamente sull’uscita degli altoparlanti, limitandone così il volume.

Caratteristiche tecniche e software

Il cuore pulsante di questo HP Slate 8 Pro è la CPU NVIDIA Tegra 4 a bordo. Questo processore è dotato di quattro core ARM Cortex-A15 funzionanti a 1.9 Ghz , più un ulteriore core identico ma operante a una frequenza di clock inferiore. Tale soluzione permette di avere tutta la potenza necessaria durante l’uso intensivo del dispositivo, deputando il quinto core ai processi meno avari di risorse, come quelli che avvengono con il tablet in stand-by. Vista l’indiscussa esperienza acquisita da NVIDIA nel settore delle GPU, anche la parte grafica è stata interamente sviluppata dalla casa di Santa Clara, che ha dotato Tegra 4 di una GPU con 72-core, che possono essere utilizzati anche per attività diverse dal gaming. Un altro aspetto estremamente importante nei tablet di ultima generazione è il display: in questo caso, la soluzione adottata da HP è leggermente diversa dallo standard, proponendo uno schermo LED 4:3 con risoluzione 1600x1200, vetro Gorilla Glass e una densità di pixel pari a 250 PPI. Sul fronte della memoria, Hp Slate 8 è dotato di 1 GB di RAM e di 16 GB per l’archiviazione, espandibili fino a 32 GB tramite Micro-Sd. La connettività 3G è assente, mentre sono presenti Wi-Fi a/b/g/n, GPS e bluetooth; per quanto riguarda i sensori invece, sono disponibili accelerometro, giroscopio, sensore di luce ambientale e bussola.
Sul versante software, lo Slate 8 Pro è equipaggiato con la versione 4.2.2 di Android. HP ha optato per una personalizzazione del sistema davvero poco invasiva, tanto da far sembrare questo tablet un device Nexus, almeno nell’aspetto. Il launcher è infatti quello stock di Android, con tutti i pregi e i difetti del caso; se da un lato l’interfaccia appare snella e molto pulita, dall’altro il livello di personalizzazione del dispositivo rimane molto basso. Ad esempio, non è possibile creare cartelle o nascondere applicazioni all’interno del drawer: vista la presenza di molti launcher alternativi nel market non si può parlare di un vero e proprio difetto, gli utenti meno esperti però potrebbero trovare qualche difficoltà nell’organizzare le proprie applicazioni. Per chi ama Android stock tuttavia la scelta di HP non potrà che rivelarsi assolutamente azzeccata.

Benchmark

La questione dei benchmark su piattaforma Android è piuttosto complessa. Gli scandali dei mesi scorsi sui risultati contraffatti di vari terminali hanno sicuramente lasciato l’amaro in bocca, ciò tuttavia non significa che le molte applicazioni disponibili per misurare le prestazioni siano totalmente inaffidabili. Per analizzare le performance di questo Hp Slate 8 Pro abbiamo quindi deciso di optare per un duplice approccio, inserendo sia i risultati di alcuni dei benchmark più utilizzati in ambito mobile, sia un test di utilizzo soggettivo del tablet. Questa sezione della recensione è dedicata appunto ai benchmark, che permettono di avere dei riscontri oggettivi sulle capacità del tablet in vari campi di utilizzo. I valori indicati di seguito rappresentano la media dei punteggi ottenuti dal dispositivo, ripetendo ogni test per tre volte.
Come è lecito aspettarsi, la CPU Tegra 4 ha consentito allo Slate 8 Pro di toccare quota 32783 punti su AnTuTu, collocando lo Slate 8 Pro nella parte alta della classifica, appena sotto il Sony Xperia Z Ultra. Il punteggio potrebbe sorprendere, tuttavia il pannello utilizzato dal tablet HP ha una risoluzione minore rispetto a quella utilizzata da molti dei suoi concorrenti, che adottano display Full HD, consentendo un impatto minore sulle prestazioni. Passando ad un ambito maggiormente indirizzato al gaming, la prova con 3D Mark ha rivelato un punteggio di 13602 punti nel benchmark Ice Storm Unlimited, un valore davvero ragguardevole se paragonato a quello di altri tablet nel segmento degli otto pollici, come ad esempio Lg G Pad 8.3, che si ferma a 8869. Sembra dunque che le capacità di elaborazione tridimensionali offerte dal SoC Nvidia, unite alla minor risoluzione del display, consentano allo Slate 8 Pro di comportarsi in maniera davvero notevole con i videogames più spinti.
Un tablet di questo tipo però non può essere visto solo come piattaforma da gioco, ecco perché il prossimo test prenderà in considerazione le prestazioni in ambito HTML 5 utilizzando il benchmark Vellamo. Il punteggio raggiunto dallo Slate 8 Pro è di 2626 punti, superiore anche a quello del Nexus 7 2013, fermo a quota 1564. I risultati dei test sintetici sembrano dunque promuovere a pieni voti il tablet HP, ma come si comporta nell’utilizzo quotidiano?

Prova su strada

Come detto in precedenza, trarre delle considerazioni basandosi esclusivamente sui benchmark non consente di analizzare al meglio il dispositivo. Ecco perché la prova sul campo rimane l’unico vero modo per comprendere le peculiarità di questo Slate 8 Pro. La prima cosa a colpire positivamente appena acceso il tablet è lo schermo, luminoso e molto definito, nonostante la risoluzione inferiore rispetto alle principali alternative. I pixel sono praticamente invisibili, anche avvicinandosi allo schermo, aiutando l’occhio a non affaticarsi durante lunghe sessioni di navigazione e, perché no, di lettura. La reattività del sistema è buona ma non impeccabile, complice anche la memoria RAM limitata: la presenza di lag stupisce non tanto perché in altri tablet siano assenti, quanto per la leggerezza dell’interfaccia, che dovrebbe consentire allo Slate 8 Pro di essere totalmente privo di queste problematiche.
Una volta aperto Chrome e selezionata la modalità desktop, le pagine internet appaiono chiare e leggibili anche senza ingrandirle, consentendo una navigazione piacevole, anche nelle pagine più pesanti. Zoom e pinch to zoom sono fluidi e rendono l’esplorazione del web molto gradevole, grazie anche ai caratteri estremamente definiti, merito soprattutto dell’ottimo schermo.

"La prima cosa a colpire positivamente appena acceso il tablet è lo schermo, luminoso e molto definito."

Terminata la navigazione, il banco di prova successivo è stato Real Racing 3, il gioco di corse targato EA. Vista la pesantezza della grafica , non stupisce il fatto che si sia visto qualche leggero impuntamento: bisogna dire però che il titolo era perfettamente giocabile, dimostrandosi un’esperienza davvero positiva, nonché una vera gioia per gli occhi. Anche gli altri giochi provati, sia tridimensionali che bidimensionali, hanno restituito dei buoni riscontri, che confermano le ottime prestazioni dello Slate 8 in ambito gaming.
Una sorpresa positiva è arrivata dalla fotocamera da 8Mpix, che pur non raggiungendo le vette qualitative degli smartphone più moderni, riesce comunque a scattare delle buone foto. Passando alla riproduzione video, si può tranquillamente affermare che lo Slate 8 Pro non sia stato progettato per rendere al meglio in questo comparto, visto il display 4:3. Sia chiaro, i video si vedono molto bene e durante il test la CPU Tegra 4 è riuscita senza problemi a riprodurre in modo impeccabile contenuti con risoluzione 2k senza nessuno scatto. Il problema sono le bande nere che occupano gran parte del display, relegando il video a una piccola porzione di schermo. Grazie alla presenza dell’uscita HDMI però, il tablet può tranquillamente essere utilizzato come media player portatile, garantendo anche il passaggio di flussi video 3D da utilizzare sui televisori compatibili.
Nella media l’autonomia, che si attesta sui due giorni e mezzo con utilizzo non troppo intensivo, anche se le partite a Real Racing 3 hanno contribuito a far abbassare il livello di carica del dispositivo.

HP Slate 8 Hp Slate 8 Pro si è rivelato un buon dispositivo, adatto principalmente al gioco, alla visione di contenuti testuali e alla navigazione web. Il tablet può contare su uno schermo con un aspect ratio davvero interessante e su un SoC Tegra 4 all’altezza delle aspettative. D’altro canto, l’utilizzo di un pannello 4:3 non consente di vedere al meglio i contenuti video e la presenza di un solo gigabyte di RAM limita in parte le potenzialità di un hardware altrimenti di tutto rispetto. Il costo della proposta HP è di 349€, un prezzo che inserisce lo Slate 8 Pro in una fascia di mercato sicuramente ricca di alternative, con produttori che non restano di certo a guardare. Ad ogni modo, chi è in cerca di un tablet solido e dotato di spiccate qualità nella navigazione web e nel gaming non potrà che prendere in considerazione l’acquisto di questo Slate 8 Pro. Se invece siete alla ricerca di un dispositivo per vedere le vostre serie tv o i vostri film preferiti in mobilità, allora la proposta HP potrebbe non essere quella più adatta a questi scopi.