Huawei Nova Recensione: ottimo design per un mid range riuscito

Huawei Nova strizza l'occhio agli utenti più attenti al design con linee curate e buoni materiali, senza però rinunciare a prestazioni di tutto rispetto.

recensione Huawei Nova Recensione: ottimo design per un mid range riuscito
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Solo qualche anno fa sarebbe stato impossibile, ma oggi Huawei è conosciuta più per i suoi top di gamma che per i mid range. Il P9 e il Mate 9 nel 2016 hanno portato l'asticella della qualità ancora più in alto, sancendo la definitiva consacrazione del brand nei piani alti del mercato, mentre nella fascia medio-bassa il P9 Lite ha fatto registrare numeri molto importanti, dopo il successo del P8 Lite. In questo quadro molto positivo manca però la fascia media, quella che va dai 300 ai 400 euro, dove si piazza invece il Nova, uno smartphone che punta più sull'aspetto che sull'hardware, una scelta che potrebbe risultare azzardata ma che, come vedremo, è stata applicata nella pratica in modo impeccabile.

Design di fascia alta

Toccare con mano Huawei Nova porta a una sola conclusione: questo smartphone non appartiene alla fascia di mercato in cui si piazza. Con circa 300€ è possibile portare a casa un device realizzato in modo certosino, come i modelli più prestanti della casa cinese, e a un prezzo più congruo rispetto a quello proposto all'uscita del device. Il Nova infatti costa ufficialmente 399€, troppi per un dispositivo di questo tipo, ma con l'abbassamento dei prezzi una delle principali pecche riscontrate all'uscita viene ridimensionata, restituendo un prodotto molto più a fuoco a livello di posizionamento di mercato. Tornando al discorso sull'estetica del Nova, tutto lo smartphone è in metallo di ottima qualità, con il sample inviatoci da Huawei che si presenta davvero bene in grigio scuro. Il vetro frontale è leggermente curvo ai lati, fondendosi alla perfezione con la scocca posteriore, e sulla sua superficie non mancano la cam frontale e un Led di stato. Le cornici laterali sono molto sottili, mentre quella inferiore e superiore hanno uno spessore nella media. I bordi laterali sono in metallo satinato: sulla destra troviamo il tasto di accensione, in cui si nota una sottilissima finitura rossa, e il bilanciere del volume, su quello sinistro invece trova spazio lo slot per una singola SIM e per una scheda di memoria. Il bordo superiore ospita il jack da 3.5 mm e un microfono, mentre in quello inferiore si può osservare il connettore USB Type C e una griglia che nasconde l'altoparlante di sistema. Sul retro troviamo invece il lettore di impronte digitali, ricavato in un'insenatura nel metallo molto precisa, la cam posteriore e il flash LED, inseriti in un'inserto in policarbonato nella parte superiore. Oltre al vetro curvo ai lati, anche la scocca posteriore presenta questa caratteristica, che non è solo estetica ma permette di impugnare meglio il device, che altrimenti sarebbe stato più scivoloso, a causa dei materiali impiegati nella realizzazione della scocca. Le dimensioni sono piuttosto contenute, grazie alla scelta di Huawei di puntare su una diagonale da 5" per lo schermo. Si tratta di un formato sempre meno usato, un bel vantaggio per il Nova, che potrebbe così affermarsi come una valida alternativa per tutti coloro che desiderano uno smartphone dal prezzo relativamente contenuto e con dimensioni ridotte, senza rinunciare alla qualità. A proposito di dimensioni, il Nova misura 141.2x69.1x7.1 mm, con un peso di 146 g.

Caratteristiche tecniche

L'estetica è quella di uno smartphone premium dunque, mentre la piattaforma hardware è decisamente più in linea con la fascia di prezzo. Troviamo infatti un processore Octa Core Snapdragon 625, con GPU Adreno 506, 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna, espandibile con una Micro SD fino a 128 GB. Elemento su cui Huawei non ha certo risparmiato è lo schermo, con l'adozione di un'ottima unità da 5" con risoluzione 1920x1080, 441 PPI, contrasto da 1500:1 e luminosità di picco di 450 Nits. La fotocamera principale è da 12 Megapixel con flash led ma senza stabilizzatore ottico, mentre quella principale è da 8 megapixel. La connettività comprende LTE, GPS, A-GPS, Wi-Fi b/g/n e Bluetooth 4.1. All'appello manca una cosa: il Wi-Fi ac. In assenza di un punto di accesso a internet dotato di questo standard o in presenza di una normale connessione ADSL il problema non si pone, ma chi sfrutta la fibra per connettersi a internet e possiede un router compatibile con il dual band (come lo sono ormai quasi tutti i dispositivi nuovi, anche quelli forniti dagli ISP), allora potrebbe trovare qualche limite. La batteria è da 3020 mAh e come vedremo alimenta il Nova in modo impeccabile, con prestazioni anche leggermente superiori alla media.

Software ed esperienza d'uso

Il Nova è basato su Android 6.0, personalizzato con l'interfaccia EMUI 4.1. App e funzionalità sono le stesse che abbiamo visto nella recensione del P9, vi rimandiamo quindi al precedente articolo per un approfondimento su questo tema. Grande differenza rispetto al fratello maggiore è il software della fotocamera, molto più semplice su Nova, vista anche la configurazione hardware del dispositivo, che sfrutta un sistema di cattura delle immagini meno prestante. Huawei ha già annunciato l'aggiornamento ad Android 7 ed EMUI 5, di cui è già disponibile una versione beta aperta al pubblico, per cui non ci vorrà molto prima che la casa cinese rilascia l'update ufficiale.
Passando all'esperienza d'uso, Huawei Nova mantiene in pieno le promesse, con qualche limite ovviamente, imposto dalla fascia di prezzo. Chi cerca prestazioni al top potrebbe non trovare nel Nova quello che cerca, ma per una larghissima fetta di utenti questo smartphone è in grado di soddisfare pienamente le aspettative. Partiamo dall'utilizzo generale, quindi navigazione web, chiamate e velocità di utilizzo. A differenza di altri device Huawei, il Nova non utilizza un SoC proprietario Kirin ma si affida a un processore Qualcomm. Eravamo curiosi di vedere le prestazioni della EMUI 4.1 in questo contesto, dopo Honor 5X, e possiamo dire di essere rimasti pienamente soddisfatti. Il sistema è reattivo e veloce nella navigazione con Chrome e in generale nell'OS, senza lag o impuntamenti visibili. A rendere davvero gradevole l'utilizzo ci pensa anche lo schermo, molto definito e con colori bilanciati già di fabbrica. Il Full HD su un 5" rende molto bene ed è impossibile vedere i pixel, anche avvicinandosi molto allo schermo. Gli angoli di visuale forniti dal pannello IPS sono ampi, anche se abbiamo notato una leggera variazione nella resa cromatica se ci si allontana dall'angolo di visione perfetto. Un piccolo intoppo che durante l'uso normale non si nota comunque.

Ottima la ricezione e la qualità delle chiamate, unica pecca la già citata assenza del Wi-Fi ac, che limita la velocità di trasferimento dati senza fili. Lo speaker di sistema fa il suo dovere, senza però raggiungere particolari vette qualitative. Come spesso accade in questa fascia di prezzo, la cam fornisce prestazioni buone ma non esaltanti in scarse condizioni di luminosità. I risultati comunque rimangono discreti. Meno bene i video, che arrivano al 4K a 30 fps ma che senza stabilizzazione ottica non riescono a convincere appieno. Prestazioni eccellenti invece nel gaming Android: i titoli disponibili sullo store di Google del resto si adattano molto bene anche alle configurazioni meno spinte, difficile oggi trovare uno smartphone di questa fascia che non riesca a far girare bene la stragrande maggioranza dei giochi. Buona l'autonomia: la giornata di funzionamento canonica è pienamente garantita, ma con qualche accortezza si può andare anche un pochino oltre.

Huawei Nova Huawei Nova riesce bene a svolgere il compito per cui è stato creato: offrire un’estetica premium in una fascia di prezzo più bassa rispetto ai top di gamma, senza però rinunciare alla fluidità di utilizzo. Il prezzo proposto all’uscita, di 399€, ha frenato l’entusiasmo, ma oggi il Nova si trova a circa 300€ online, una cifra decisamente più congrua al valore del terminale. Certo, allo stesso prezzo si possono prendere dispositivi più dotati dal punto di vista hardware, ma non tutti possono contare su un ottimo display da 5”, che porta con se dimensioni contenute, e su un design elegante e sobrio. In definitiva, il Nova è consigliato a chi sta cercando uno smartphone con schermo più piccolo della media e con un design curato, in grado comunque di offrire solide prestazioni nell’utilizzo quotidiano.

7.8