Recensione JBL GO

Il marchio americano propone un altoparlante Bluetooth dal look giovanile, con un costo contenuto e dal buon rapporto qualità/prezzo, ideale per sentire le proprie tracce preferite dallo smartphone.

recensione JBL GO
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Il mondo della musica è ormai dominato da anni dagli Mp3 e dallo streaming. I vecchi sistemi Hi-Fi sono ormai un ricordo e la maggior parte dei consumatori preferisce prodotti più compatti, facilmente trasportabili ed in grado di interfacciarsi direttamente con smartphone e tablet. In commercio ci sono moltissimi modelli di speaker di ogni forma e dimensione e adatti a tutte le tasche. In particolare sono sempre di più i diffusori completamente wireless, alimentati a batteria, che sfruttano il collegamento Bluetooth. Diffusori dalle dimensioni ridotte, che trovano posto in qualsiasi angolo della casa, dal salone alla camera da letto, ma che possono anche essere facilmente portati ovunque in uno zaino o in una borsa.
Con l'altoparlante GO, JBL propone, in questo segmento di mercato, un'interessante soluzione. Analizziamola in dettaglio.

Design e caratteristiche tecniche

La casa americana, fondata da James Bullough Lansing, ha realizzato un prodotto dalle dimensioni veramente contenute, con una larghezza di soli 82,7 mm, un'altezza di 68,3 mm ed una profondità di 30,8 mm, per un peso complessivo di 130 gr. All'interno della confezione troviamo, oltre allo speaker, solo un cavo USB-MicroUSB, ma nessun alimentatore, necessario per ricaricare la batteria interna non rimovibile, ai polimeri di litio, da 3,7 V e 600 mAh. Si apprezza immediatamente la buona qualità costruttiva di questo altoparlante grazie alla plastica gommata che lo ricopre quasi interamente e alla griglia dello speaker con stampato il logo dell'azienda, presente anche sul lato posteriore. Sotto la griglia troviamo un Led che indica lo stato dell'interfaccia Bluetooth, che ci avverte quando la batteria si sta per esaurire. Si possono comandare tutte le funzionalità di questo altoparlante tramite 5 pulsanti situati nella parte superiore. I primi due gestiscono l'accensione della cassa e l'accoppiamento con nuove periferiche Bluetooth, seguono poi i pulsanti per il volume e quello per avviare e terminare una chiamata, che può essere usato anche per mettere in pausa la musica riprodotta.
All'interno del JBL GO è, infatti, presente anche un microfono per poter utilizzare questa cassa come vivavoce. Sul lato destro abbiamo l'ingresso per una sorgente esterna tramite un jack da 3,5 mm, la porta Micro USB ed il foro del microfono.
Analizziamo ora le caratteristiche tecniche di questo speaker. JBL GO supporta il Bluetooth 4.1 ed i profili A2DP (Advanced Audio Distribution Profile) V1.2, AVRCP (Audio/Video Remote Control Profile) V1.4, l'HFP (Hands free Profile) e HSP (Handset Profile) rispettivamente nella versione 1.6. e 1.2.
Questo diffusore ha una potenza nominale di 3 W con un trasduttore da 40 mm, la risposta in frequenza va dai 180 Hz ai 20 kHz, con un rapporto segnale-rumore di 80 dB.
Il JBL GO può essere acquistato in 8 diversi colori ed è disponibile sul mercato ad un prezzo di 29,90 Euro.

Qualità audio e collegamento Bluetooth

Una volta estratto il JBL GO dalla sua piccola confezione trasparente saranno necessari solo pochi istanti per poter ascoltare i propri brani preferiti. Infatti una volta premuto l'apposito pulsante sul dispositivo basterà accoppiarlo ad uno smartphone o ad un tablet via Bluetooth, senza inserire un codice di autenticazione. La procedura di pairing è, quindi, estremamente semplice e adatta anche a chi non ha molta dimestichezza con prodotti di questo tipo.
Questo speaker è in grado di memorizzare diversi dispositivi. Potremo, quindi, collegarlo non solo al nostro cellulare ma anche ad altri device, come PC e tablet, senza dover ripetere ogni volta la procedura di configurazione. Noi siamo riusciti ad associarlo a 6 dispositivi diversi e il JBL GO li ha sempre riconosciuti immediatamente ed avviato la riproduzione musicale dopo un paio di secondi. E' ovviamente compatibile anche con prodotti che hanno qualche anno sulle spalle, nel nostro caso abbiamo effettuato il pairing con un vecchio Motorola Atrix con a bordo Android 2.3 ed il Bluetooth in versione 2.1 .
Il collegamento wireless tra cassa e sorgente si è sempre mostrato stabile e non abbiamo mai avuto disconnessioni impreviste. Il raggio d'azione è molto buono, potremo quindi posizionare la cassa anche in un'altra stanza della casa.
Abbiamo testato questo speaker con diversi generi musicali, dal rock al pop, fino ad arrivare al jazz e alla musica classica, sia con brani compressi sia con audio in alta definizione.
Il primo aspetto che ci ha favorevolmente impressionato è stato l'ampio fronte sonoro generato. Infatti, nonostante le ridottissime dimensioni, il GO riesce tranquillamente a riempire una stanza anche di medie dimensioni. Molto buona è anche la potenza erogata, nonostante quella dichiarata sia solo di 3 W, con un suono senza distorsioni, anche ad alto volume. Questo può essere controllato sia dal nostro smartphone, sia direttamente dalla cassa. Con una risposta in frequenza che parte da 180 Hz, i bassi non sono certo eccezionali. In generale la qualità audio è comunque buona con una discreta riproduzione delle frequenze medie ed alte. Il suono percepito è sempre abbastanza caldo e dettagliato senza mai affaticare l'ascoltatore, anche dopo diverse ore di ascolto. Ovviamente utilizzando una cassa mono non aspettiamoci una grande separazione nella riproduzione dei canali stereo. Abbiamo, inoltre, notato che la qualità dell'audio, tramite il collegamento via cavo e utilizzando una buona sorgente sonora (nel nostro caso un amplificatore top di gamma Yamaha) è stata superiore rispetto alla connessione via Bluetooth. In particolare il suono risulta leggermente più aperto e dettagliato.
Deludenti sono state, invece, le prestazioni del JBL GO come vivavoce. L'audio del nostro interlocutore è spesso ovattato ed il microfono integrato non si è mostrato molto sensibile, con un raggio d'azione di un metro circa. Ottime notizie, invece, dalla batteria integrata, che raggiunge un'autonomia molto vicina a quella dichiarata di circa 5 ore con un tempo di ricarica di un'ora e mezza. Infine ricordiamo che per preservare l'autonomia, è presente un sistema di auto-spegnimento che disattiverà il JBL GO dopo qualche minuto di inutilizzo.

JBL GO Difficile chiedere di più da uno speaker cosi piccolo ed economico. Le prestazioni complessive sono buone e rendono questo prodotto adatto ad essere usato in casa, anche in stanze di medie dimensioni. Può essere utilizzato non solo per riprodurre musica, ma anche, ad esempio, per l’audio dei film, in alternativa alle casse, di solito di bassa qualità, di PC portatili e monitor. Può essere anche trasportato molto facilmente in una borsa o nella giacca e riprodurre i nostri brani all’aperto. Siamo rimasti molto soddisfatti dall’autonomia di questo speaker, considerando la capacita della batteria di soli 600 mAh. Abbiamo, inoltre, trovato molto utile la presenza della porta MicroUSB che permette di utilizzare lo stesso alimentatore del nostro smartphone. In definitiva, soprattutto considerando il prezzo di questo prodotto, il nostro giudizio è più che positivo.

7.5