Recensione Logitech G303 Daedalus Apex

Il nuovo mouse Logitech con sensore ottico da 12000 dpi, ideale per i giocatori che desiderano la massima velocità nel controllo della periferica.

recensione Logitech G303 Daedalus Apex
Articolo a cura di

Spesso, nella foga di costruire la propria postazione gioco, ci si concentra su schede video, processori, display, tralasciando una delle periferiche più importanti: il mouse. Il mouse gioca un ruolo fondamentale nell'esperienza di gioco poiché è esso, assieme alla tastiera, a connetterci con il mondo virtuale in cui siamo immersi; è tramite esso che impartiamo comandi e agiamo all'interno del videogioco, per cui è necessario che abbia delle caratteristiche tali da permettere un'interazione veloce e precisa. Oltre alla velocità di risposta e alla precisione vi è un'altra caratteristica estremamente importante: il comfort. Durante le sessioni di gioco si possono passare delle ore impugnando il mouse e ciò può causare problemi alla mano e al polso, se la periferica non è progettata in modo adeguato per ridurre la tensione di questa parte del corpo.
Per questi motivi, sono stati ideati mouse specifici per i videogiocatori, che riescono a garantire prestazioni eccellenti e un'ottima ergonomia. E’ proprio pensando ai gamer che Logitech ha creato il nuovo G303 Daedalus Apex, un mouse da gioco leggero e personalizzabile, che sarà disponibile a partire dal prossimo mese ad un costo di 69,99 euro.

Caratteristiche tecniche

Il design è davvero molto simile a quello di G302 Daedalus Prime, ma la nuova periferica è equipaggiata con un sensore classificabile tra i migliori esistenti sul mercato attuale e già presente sul G502; si tratta del sensore ottico PMW3366, dotato di una sensibilità da 200 a 12.000 DPI e della tecnologia Delta Zero, che permette una precisione davvero elevata. Il sensore può anche essere calibrato in modo da ottenere sempre risultati ottimali, mentre il tutto è gestito da un chip ARM a 32-bit.
In totale questo mouse include sei pulsanti personalizzabili tramite software: oltre ai due tasti principali, ne troviamo due per il pollice sul lato sinistro, uno collocato nella rotella per lo scrolling ed infine uno appena al di sotto della stessa (utilizzato per cambiare DPI).
I pulsanti principali sono stati testati per resistere a 20 milioni di click (ovvero 10 ore di gioco al giorno per 2 anni), in questo modo Logitech assicura una buona resistenza del prodotto nel corso del tempo; i tasti destro e sinistro sono anche dotati di sistema di tensionamento con molla metallica.

Il mouse è davvero leggero, con un peso di 87 grammi (133 grammi se includiamo il cavo USB); le dimensioni sono abbastanza ridotte, soprattutto se le compariamo a quelle di altre periferiche da gioco: esse sono pari a 65x115 millimetri e la profondità è di 37 millimetri.
Dal punto di vista meramente estetico, sono presenti delle luci RGB che illuminano il logo posizionato nella parte superiore del mouse e la scocca posteriore/laterale, tutte personalizzabili tramite software.

Esperienza d’uso

Prima di poter sfruttare tutte le potenzialità di questo mouse è necessario installare il software e aggiornare il firmware del prodotto; per fare quest'ultima operazione basta scollegare e ricollegare il mouse quando viene richiesto e nel giro di una decina di secondi possiamo iniziare ad utilizzare il nostro G303.
Grazie al software scaricabile dal sito ufficiale di Logitech è possibile accedere a diverse impostazioni che permettono di personalizzare la periferica. La personalizzazione più “frivola” è quella dell'illuminazione, che permette di modificare il colore e l'intensità luminosa del logo superiore e della parte laterale; è possibile scegliere di spegnere tutte le luci, oppure di mantenere acceso solo il logo o la parte laterale, se non entrambi. Si possono scegliere ben 16.8 millioni di colori e si può optare per vari effetti di illuminazione (ad esempio colore statico oppure un ciclo di vari colori che si alternano ad una velocità personalizzabile).

Il software permette di creare dei profili personalizzabili per ogni tipo di utilizzo, oppure di scaricarli gratuitamente dalla rete, inoltre è possibile regolare il sensore del mouse sulla base della superficie di utilizzo, in modo da ottenere sempre prestazioni eccellenti. In generale la personalizzazione software di G303 è piuttosto buona e permette all'utente di plasmare la periferica a seconda delle proprie esigenze personali.
Durante il test di questo prodotto sono state utilizzate diverse superfici d'appoggio e il sensore è sempre riuscito a svolgere un ottimo lavoro, senza mai presentare problemi; la precisione è davvero elevata e consente una grande accuratezza nel movimento, mentre la risposta ai comandi è velocissima, regalando all'utente un'eccellente interazione con il PC.
Dal punto di vista ergonomico, il nuovo mouse Logitech è piuttosto comodo da impugnare, e nonostante non sia altamente sagomato per la mano destra (come invece sono molti altri mouse di questa fascia), esso consente un buon posizionamento della mano, in modo che essa non sia in costante tensione. L'ergonomia è però una caratteristica soggettiva, perciò l'unico modo per sapere se questo prodotto vi risulterà confortevole da utilizzare è provarlo. La plastica con la quale è realizzato il G303 è liscia e questo potrebbe non piacere a coloro che preferiscono superfici più “gommate”, che permettono di avere un grip maggiore.

Logitech G303 Daedalus Apex Possiamo affermare che il G303 Daedalus Apex prodotto da Logitech è una periferica da gioco ottima per coloro che cercano un mouse leggero e che garantisca precisione e prestazioni elevate. Il design simmetrico, molto simile a quello del Daedalus Prime G302 MOBA, rende il mouse adatto all’utilizzo anche per i mancini, anche se in questo caso i due tasti laterali diventano difficilmente utilizzabili. A conti fatti, la differenza principale tra i due modelli è data dal sensore ottico, che nel caso del Daedalus Apex offre prestazioni decisamente più elevate. La personalizzazione tramite software è buona e di facile utilizzo, anche se sul mercato esistono mouse maggiormente ricchi di elementi custom, con i prezzi però che salgono di conseguenza.