MSI GL62M 7RDX: un notebook gaming essenziale, sottile e potente

MSI ha realizzato un notebook dalle specifiche dedicate al gioco basilari, ma con tutto quello serve ad una vera gaming machine.

recensione MSI GL62M 7RDX: un notebook gaming essenziale, sottile e potente
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

I notebook da gioco non sono tutte macchine enormi e ingombranti. Oramai, grazie soprattutto alle ultime tecnologie produttive, queste gaming machine riescono a contenere il loro peso e il loro spessore, anche se, per ovvi limiti tecnologici, a tutt'oggi non riescono ancora a fornire un'autonomia di lunga durata, soprattutto durante il gioco. Vedremo cosa accadrà con le prossime generazioni di laptop, nel frattempo però concentriamoci sul presente e sul nuovo MSI GL62M 7RDX, che racchiude al suo interno una componentistica di alto livello unita alla GPU base dell'attuale offerta NVIDIA in campo mobile, ovvero la GTX 1050. Una configurazione basilare, ma che alla prova dei fatti risulta decisamente equilibrata e perfettamente in grado di gestire anche i tripla AAA attuali con qualche compromesso.

Design

Le immagini parlano da sole: siamo di fronte al tipico notebook della casa taiwanese, dal design sobrio e con solo qualche elemento ad enfatizzare il fatto che si tratti di una laptop da gioco. Il colore dominante è il nero, fatta eccezione per lo scudo del dragone sul coperchio e per tre piccoli inserti rossi nella parte posteriore. Inserti collocati appena sopra alle prese d'aria del sistema di dissipazione. La scocca è interamente il policarbonato, del resto stiamo parlando di un prodotto entry level, ma di buona qualità e si distingue per lo spessore ridotto e per le linee semplici e razionali. Sul bordo destro sono collocati una porta USB 2.0 e il lettore di schede di memoria, mentre su quello sinistro trovano spazio tutte le altre connessioni, molto complete. Abbiamo infatti due USB 3.0, una USB Type C 3.1, uscita HDMI e MiniDisplay Port, ingresso per cuffie e microfono, porta di rete Gigabit e aggancio Kensington Lock. Una volta aperta e accesa la macchina si fa subito conoscenza con l'eccellente tastiera firmata SteelSeries, con tasti illuminati singolarmente ma senza possibilità di personalizzare il colori. A nostro avviso si tratta di una mancanza del tutto marginale, ma è certamente una questione di esigenze personali. Il layout è completo di tastierino numerico ma non sono presenti tasti funzione oltre a quello per mandare il sistema di dissipazione al massimo e quello per accedere direttamente al Dragon Center di MSI, software per personalizzare al meglio la propria macchina. Le Shortcut sono comunque disponibili attraverso la pressione contemporanea del tasto funzione e dei pulsanti da F1 a F12, che permettono, ad esempio, di alzare e di abbassare il volume, o di passare attraverso diverse modalità Shift, con cui tarare le prestazioni della macchina a puntino. Le dimensioni sono piuttosto contenute per una gaming machine, con misure di 383 x 260 x 22~29 mm, mentre il peso è di 2.2 Kg.

Caratteristiche tecniche

Le caratteristiche tecniche del notebook MSI GL62M 7RDX sono molto simili a quelle dei modelli superiori, almeno finché non si arriva alla GPU. Il processore è potente Intel i7 7700HQ da 2.8 GHz, con 4 Core e 8 Thread, capace di spingersi fino a 3.8 GHz in modalità Turbo. Il display invece è da 15.6" con risoluzione Full HD, niente opzione per i 120 Hz in questa variante purtroppo. A disposizione ci sono poi 128 GB di storage su supporto NVMe M.2 e 1 TB di disco meccanico, mentre la RAM è di 16 GB di tipo DDR4. La GPU invece è una NVIDIA GTX 1050 con 2 GB di RAM GDDR5 cloccati a 7 GHz, con 640 CUDA Core Pascal e un bus a 128 bit. Come sempre completa la connettività, con il Wi-Fi ac e il Bluetooth 4.2, oltre alla LAN Gigabit, mentre l'audio è gestito da 4 speaker da 2W. Il sistema di dissipazione impiegato in questo caso è il Cooler Boost 4, un sistema dual fan, ognuna dotata di 41 pale Whirlwind Blade, create con un design proprietario per aumentare il volume dell'aria generato. Le due ventole si occupano rispettivamente della zona relativa alla CPU e quella della GPU, mentre 7 Heat Pipes aiutano a dissipare ulteriormente il calore.

Software, benchmark ed esperienza d'uso

Il corredo software a bordo di questo GL62M 7RDX è lo stesso che troviamo in tutti i laptop di MSI, caratterizzato da poche applicazioni ma funzionali all'utilizzo del portatile. Ma partiamo dalla base, ovvero il sistema operativo, Windows 10 Home a 64 bit. Molto spesso ci si dimentica che i notebook da gioco non permettono solo di giocare, ma rendono anche l'esperienza d'uso di Windows davvero gradevole. Il merito va ai componenti scelti, tra cui spicca certamente il disco M.2 da 128 GB, in grado di rendere l'avvio della macchina fulmineo e il caricamento dei software molto rapido. Photoshop si avvia in pochi istanti, ma in generale è tutto il sistema operativo a funzionare al meglio delle sue possibilità. In tutto questo abbiamo poi la personalizzazione operata da MSI, che si basa per lo più sul software Dragon Center, vero e proprio centro di controllo del PC per quanto riguarda prestazioni, audio, schermo e rete. Da qui si può intervenire sulle modalità Shift, che permettono una regolazione fine delle performance. Durante il gioco la differenza è minima se non completamente trascurabile, ma le modalità a basso consumo consento di aumentare leggermente la durata della batteria, che si ferma a poco più di 3 ore con un utilizzo in ambiente Windows (office, internet, visione di filmati, etc.) e che non supera le 2 ore giocando. Tornado al Dragon Center, da qui si ha accesso ai software di configurazione del PC, come MSI True Color, per la regolazione dello schermo, o come Nahimic 2, per configurare al meglio l'audio.

A tal proposito, il notebook offre delle connessioni placcate oro per cuffie e microfono, oltre a un amplificatore dedicato per le cuffie. A differenza delle casse, penalizzate dalle dimensioni ristrette della scocca, che non forniscono bassi profondi come quelli provati nei notebook di dimensioni maggiori, l'audio in cuffia è davvero ottimo e presenta una ricchezza nei dettagli superiore alla media. Sempre dal Dragon Center si può regolare la velocità delle ventole, che consigliamo però di lasciare in automatico, una modalità che mantiene il rumore generato dal sistema di dissipazione Cooler Boost 4 sempre a livelli più che accettabili.
Passando alle prestazioni in ambito gaming, siamo rimasti sorpresi da quanto offerto da questa configurazione basilare. Rise of the Tomb Raider, con dettagli su Alto e FXAA attivo si è mantenuto sui 40 fps nel benchmark integrato, conservando un ottimo livello di dettaglio e una buona fluidità. Anche Batman: Arkham Knight, con tutti i dettagli al massimo ma con gli effetti NVIDIA GameWorks disattivati, ha ben figurato, raggiungendo i 44 fps medi nel benchmark. Il non più recente ma sempre ostico Metro: Last Light Redux ha fatto segnare invece 37 fps medi, al massimo del dettaglio ma con SSAA disattivato. Anche il recente Ghost Recon Wildlands è perfettamente giocabile con le impostazioni su Alto, che nonostante il livello di dettagli ottimo consentono comunque un frame rate di 31 fps medi nel benchmark integrato.

MSI GL62M 7RDX Il prezzo ufficiale di questo MSI GL62M 7RDX è di 1399€, una cifra che si arrotonderá leggermente verso il basso nello street price. Dal processore i7 Kaby Lake alla GPU NVIDIA GTX 1050 con architettura Pascal, fino al disco NVMe M.2, abbiamo tutte le tecnologie più nuove. Anche se la GPU non è certo il top di gamma NVIDIA si difende comunque molto bene, mentre le dimensioni consentono un trasporto abbastanza agevole, anche se il peso non aiuta in questo senso. Il GL62M 7RDX si configura quindi come una gaming machine piuttosto atipica, indirizzata non solo ai giocatori ma anche a coloro che sono in cerca di un notebook potente per l’utilizzo quotidiano, capace di offrire ottime prestazioni anche con gli applicativi più pesanti. Insomma, anche se le prestazioni nei giochi non sono certo al top, questo notebook si configura come un’offerta interessante per tutti coloro che sono in cerca un laptop da sfruttare sia per il gaming che per lavoro, ovviamente con tutti i limiti imposti dal peso e dall’autonomia non certo elevata.

8