Recensione MyTV 2GO-M

Hauppauge MyTV 2GO-M è un piccolo accessorio da collegare ai dispositivi Apple, fornendo così la visione dei canali del digitale terrestre e la possibilità di registrarli direttamente da iPad o iPhone.

Articolo a cura di

La televisione è stata per quasi 50 anni la regina incontrastata di saloni e cucine; strumento unico di divertimento ed informazione per la tutta la famiglia.
Oggi le cose sono cambiate enormemente, ed alla crescente domanda di affabulazione delle nuove generazioni hanno risposto altri mezzi e sistemi. Internet, Youtube, la rivoluzione dei torrent, i sistemi di Pay-per-View integrati direttamente con il PC, ma anche le console di gioco.
Eppure, per una grande fetta della popolazione, sopratutto quella meno giovane, la televisione è sempre lì, con il suo decuplicarsi di canali ed offerte, al primo posto tra le cose da fare quando i pomeriggi si fanno troppo oziosi. E qual è allora il sogno di ogni telemaniaco che si rispetti? Non fare mai a meno della propria TV.

Sempre con te

In principio furono i televisori portatili in bianco e nero, con antenne lunghissime e segnali disturbati, poi le Tv portatili sono diventate a colori e sempre più piccole, fino a stare nel palmo di una mano, anche se la ricezione era sempre instabile. Più di recente c'è stata la promessa della trasmissione digitale, prima sui videofonini 3, e poi con il dvb-h: il digitale terrestre "mobile". Risultato? Qualità dell'immagine orrenda nel caso dello streaming 3G, o instabile, nel caso del DVB.
La qualità del segnale (sempre scarso) è l'unica costante invariabile di una lunghissima sfilza di prodotti che negli anni abbiamo potuto provare. Lo scopo sempre lo stesso: avere la televisione ovunque. In macchina, in vacanza, in spiaggia.

MytV 2Go-m di Hauppage prova a rispondere a questa esigenza, sfruttando però l'ondata di tablet e smartphone che ha invaso il mercato come supporto per vedere i propri canali preferiti. E' compatibile, in verità, con i prodotti Apple, quali Nuovo iPad, iPad 2 e iPhone 4S. Tra le possibilità offerte, oltre a quella di vedere i vostri canali preferiti, c'è la vera novità: poterli registrare direttamente sul device, e rivederli in seguito.
Il piccolo add-on (dimensioni 30 x 51 x 12 mm) ha una batteria interna che dovrebbe permettere la visione della tv per circa 2 ore. Quando la batteria si scarica è in teoria possibile alimentare il ricevitore tramite l'iPad. Il manuale parla di circa 9 ore di visione utilizzando questo metodo, combinato però con la modalità "aereo" di iOs. Nel corso delle nostre numerose prove, questa funzione ha dato problemi quando il mytv2go era completamente scarico, non riuscendo a riavviarlo. Con la batteria carica invece, tutto ha sempre funzionato alla perfezione, allungando l'autonomia.

myTv 2GO

Una volta scaricata la giusta applicazione (ne esistono due, una delle quali non permette di registrare i canali, ma solo di vederli: quella giusta la trovate a questo indirizzo), ogni volta che collegherete l'add-on al vostro iDevice, essa partirà in automatico. La prima cosa da fare è scegliere il paese di residenza ed iniziare la scansione dei canali. Questa aggiungerà anche le radio che trasmettono su dvb-T, ma non i canali in alta definizione, che non vengono visualizzati ne elencati. La scansione dei canali è abbastanza veloce, e non necessita di una connessione dati di alcun tipo, se non quella per scaricare l'applicazione la prima volta dall' Apple Store.

Il programma è intuitivo e piacevole da utilizzare grazie ad un interfaccia minimalista e ben congegnata. La registrazione delle trasmissioni è molto semplice: basta premere sul pulsante "record" ed inizierà immediatamente. Un altro tocco sulla scheda del programma in onda per interrompere la registrazione. E' presente anche una funzione di time shifting; si può quindi mettere in pausa il programma e poi riattivare la visione in seguito. In questo modo, se dovete andare via e non potete più guardare il programma, potrete registrarlo da quel momento in poi, e riprendere successivamente.
Non esiste una funzione per programmare la registrazione dei canali in determinate date/ore del giorno (come con i vecchi videoregistratori): un piccola/grande mancanza che stona un po' data anche la completezza dell'integrazione dell'EPG (la guida elettronica integrata dei vari canali). 

ll database dei video registrati è ben organizzato ed è facile da consultare. Una griglia quadrata mostra tutte le vostre registrazioni, in ciascuna scheda vengono indicate la durata, l'ora di registrazione, il canale, la descrizione del programma ed il nome, a seconda della disponibilità di queste informazioni nella guida elettronica integrata. L'applicazione è infatti compatibile con questo aspetto del digitale terrestre ed è in grado di mostrare una guida completa dei programmi in onda nella giornata, compresi i loghi del canale, e la descrizione di ciascun programma e la durata.
Ogni applicazione su iOs può registrare fino ad un massimo di 4Gbyte di dati. Considerando che per ogni minuto di registrazione dovrebbero servire 20/25 megabyte, 2 ore di registrazione video dovrebbero essere il limite massimo dell'applicazione. 

Ricezione e qualità video

Sarebbe tutto fantastico se non per il solito problema: la qualità della ricezione. Molti di voi durante il passaggio dal sistema analogico a quello digitale avranno sperimentato problemi magari intermittenti di ricezione dei canali. A volte crollava il segnale, a volte il canale spariva dalla lista di quelli disponibili. In alcune zone dell'Italia succede ancora, tutti i giorni.
Il problema in questo caso è lo stesso: a volte la scansione è ottima, vengono trovati tanti canali ed alcuni si vedono perfettamente. A volte invece il flusso video è incostante e molti canali non vengono trovati. Quanto questo dipenda dalla tecnologia integrata dell'add-on o dalla potenza del segnale dvb presente in alcune zone dell'Italia in questo momento, è difficile da capire. Per fare un esempio, non siamo riusciti in nessun modo a sintonizzare i canali del Multiplex Rai. Quindi non è stato possibile vedere i canali dai Rai1 a Rai 3, mentre altri canali come Rai Storia o Rai 4 erano disponibili, forse perché trasmessi da un multiplex o su frequenze diverse.
E' fra l'altro consigliabile ripetere la sincronizzazione dei canali, anche se ci si sposta di pochi chilometri.
La qualità di visione è accettabile, sebbene l'immagine anche quando è stabile, risulti un po' sfuocata per via dell'upscaling effettuato dall'applicazione. Ovviamente su iPad 2 il problema è meno evidente rispetto al nuovo iPad, che scala immagini da 720x576 pixel fino a 2048x1536.

Hauppauge MyTV 2GO-M myTv 2go-M viene venduto al prezzo consigliato di 99 euro, ma in realtà è disponibile, ad esempio presso i Mediaword, sui 70 euro. Il prezzo è adeguato alle prestazioni ed agli obiettivi del device, ma ad una condizione: che possiate provarlo nella vostra zona, per verificare che tutti i canali che vi interessano siano effettivamente disponibili. In effetti questa osservazione può sembrare un controsenso per un apparecchio che dovrebbe garantirvi la visione della Tv in mobilità, ma l'unico vero problema nell'uso del myTv 2go-M è l'impossibilità di agganciare il segnale di alcuni multiplex in certe zone. Che sia un problema del segnale DVB-T attuale in Italia o del ricevitore è difficile da dire (dati i problemi che ancora persistono persino con le antenne dei palazzi, propenderemmo per la seconda ipotesi), ma la situazione al momento è questa. Resta evidentissima la qualità del pacchetto, dall'App a supporto (molto funzionale e ben progettata) e dei materiali, per un acquisto caldeggiato ai patiti della Televisione.