Recensione Nacon GM-400L

Il mouse da gioco di Nacon si è rivelato un prodotto versatile e preciso, con molti tasti programmabili, che lo rendono adatto a diversi tipi di situazione, dall'utilizzo desktop al gaming.

recensione Nacon GM-400L
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di
Valerio Frau Valerio Frau É in realtà un'applicazione per iOS e Android. Potete trovarlo su App Store, Play Store ma anche su Twitter e Google+

BigBen interactive è un colosso mondiale della distribuzione di videogiochi e periferiche per PC e console. La multinazionale francese con base a Lesquin, che distribuisce in Europa, tra gli altri, brand prestigiosi come l'americana Turtle Beach, ha presentato alla scorsa GamesCom di Colonia Nacon, un nuovo marchio di accessori dedicati al mondo del gaming PC. La line-up di Nacon prevede Mouse, Gamepad e tastiere espressamente pensate per l'utilizzo in ambito videoludico; un ampio ventaglio di soluzioni che sia capace di adattarsi alle diverse esigenze degli acquirenti, sia in termini di costi che di caratteristiche. Nelle ultime settimane abbiamo provato il dispositivo di punta della gamma gaming mouse, il GM-400L: un mouse ottico dalle specifiche avanzate particolarmente adatto ai giocatori più competitivi.

Unboxing e installazione

La confezione di vendita di questo GM-400L è davvero ricca ed in linea con il livello di qualità generale che questo accessorio vuole proporre. Al suo interno troviamo, oltre al mouse, un DVD contenete i manuali e il software di configurazione (compatibile con tutte le versioni di Windows da XP in avanti), una serie di contrappesi (per un totale di otto; quattro da 3.19 g e quattro da 3,79 g da aggiungere ai 150 g di partenza), dei piedini di ricambio in materiale ceramico ed una pratica sacca in morbido neoprene per il trasporto. Il mouse si presenta in colorazione completamente nera e realizzato, nelle parti a diretto contatto con la mano, in un materiale simil gomma atto a fornire grip e comfort. Viste le dimensioni generose, GM-400L è sicuramente un mouse da utilizzare con una presa avvolgente (in una configurazione palm grip) che comporti diversi punti di contatto ed appoggio. Sull'estesa superficie dello stesso, oltre al logo Nacon retroilluminato troviamo ben dieci tasti (di cui 3 collocati nella rotellina dello scroll, che supporta sia il click destro che quello sinistro otre al centrale) completamente programmabili ed un comodo display LCD ad un riga che riporta la risoluzione in utilizzo (tra le 6 disponibili totali disponibili: 800,1600,2400,3200,5000 e 6000 DPI). Nella parte inferiore, oltre al sensore Avago 9050 troviamo un carrellino a scomparsa per alloggiare fino a quattro diverse zavorre. Il primo utilizzo, grazie anche al software incluso, è piuttosto immediato e un volta installata l'utility la periferica viene riconosciuta all'atto del collegamento ed è pienamente utilizzabile.

Ergonomia e personalizzazione

GM-400L, come ogni periferica HID, andrebbe in linea di principio provato direttamente almeno una volta prima di essere acquistato. Nonostante il rivestimento gommato e la forma asimmetrica facilitino una presa salda e confortevole infatti, date le misure abbondanti, molti utenti (in particolare quelli con mani non eccessivamente grandi) potrebbero avere qualche difficoltà a trovare la giusta impugnatura. Dal punto di vista dinamico Il mouse risulta già molto scorrevole con i supporti in teflon pre-applicati; optando per quelli in ceramica si ottiene un movimento davvero fluido e particolare. A questo bisogna aggiungere l'eventuale utilizzo di contrappesi, che in alcuni casi potrebbero facilitare il raggiungimento di un feeling ancora più appagante. La modulazione di queste tre variabili e i differenti DPI dovrebbe in generale fornire la combinazione più adatta ad ogni situazione di gioco. La posizione dei dieci tasti è centrata e si sposa bene con la sagomature della scocca; cosa che rende quest'ultimi facilmente accessibili. In particolare, oltre ai classici click destro e sinistro, troviamo la scroll wheel (che racchiude, come suddetto, ben tre tasti), tre tasti centrali al disotto delle stessa e due laterali posizionate nell'incavo per il pollice. La configurazione standard prevede l'utilizzo di due dei tre tasti centrali (quelli contrassegnati da un + ed un -) per variare la risoluzione, con il terzo dedicato alle macro. Quelli laterali sono invece adibiti allo scorrimento avanti/indietro delle pagine web del browser, con l'ulteriore possibilità di scroll orizzontale nella pagina garantita dai click laterali della rotellina di scroll. Le impostazione di default dei tasti possono essere cambiate completamente tramite l'utility di configurazione (che si inserisce in esecuzione automatica all'avvio del PC; solo in lingua inglese), indipendentemente dalla funzione di partenza. Questo insieme alla possibilità di creare ben 5 diverse mappature complete e facilmente intercambiabili (tramite la stessa applet di setup) permette di sbizzarrirsi senza limiti nel setting, facilitando il passaggio da un genere di gioco all'altro in pochi secondi. Il programma in dotazione permette di correggere gli input del mouse anche via software, intervenendo sulla velocità del cursore e del doppio click, la sensibilità le linee di scroll orizzontale predefinite. Anche dal punto di vista estetico questo GM-400L risulta particolarmente customizzabile, grazie alla capacità di settare il colore di retroilluminazione del logo su uno dei 32 colori disponibili. La retroilluminazione è modificabile anche in termini di frequenza, con 5 possibili intermittenze (fissa, lenta, media veloce e luce spenta). In definitiva, pur non presentando particolari picchi di eccellenza, ci troviamo davanti ad un dispositivo particolarmente completo e di facile utilizzo.

Esperienza d'uso

L'utilizzo dei profili personalizzabili e la nutrita presenza di tasti facilmente raggiungibili, rende questo prodotto davvero godibile, sia in esperienze di gioco che nell'utilizzo di tutti i giorni. Un dispositivo capace di adattarsi a diversi generi: dagli FPS (in cui grazie alle risoluzioni da 5000 e 6000 DPI e al polling rate sui 100 Hz si riesce ad effettuare un aiming davvero repentino) agli MMO e i MOBA (in virtù dei pulsanti completamente configurabili), l'esperienza di gioco lievita in maniera esponenziale. Le Macro risultano molto utili in ambito lavorativo oltre che ludico, tanto più che visti i numerosi profili salvabili, non risulta particolarmente oneroso dedicarne anche uno o due all'ambito professionale. Il collaudato sensore ottico Avago 9050, seppur non ai livelli delle ultimissime tecnologie proposte (vedi il PMW 3366 di Logitech), rimane sempre affidabile e mantiene un tracciamento fedele anche nelle accelerazioni più spinte. I materiali e le forme già descritti in precedenza poi, consentono un utilizzo prolungato nel tempo senza generare particolare stanchezza o dolori articolari. La veste estetica aggressiva ma poco spigolosa e la retroilluminazione tutto sommato discreta ne consentono la collocazione anche in ambiti più formali, delineando ulteriormente questo GM-400L come un mouse adatto ad un utilizzo quotidiano.

Nacon GM-400L Pur non potendo contare su alcuna caratteristica da “slogan”, questo Nacon GM-400L risulta un prodotto davvero completo, con un design ergonomico e veramente ben fatto. Il prodotto distribuito da BigBen Interactive è particolarmente adatto a chi cerca una periferica idonea ad un utilizzo anche al di fuori dell’ambito videoludico più stretto. Una scelta concorrenziale con altre soluzioni top presenti sul mercato, da prediligere se alla prestazione pura preferite un comfort che possa garantire ore di gameplay continuativo, comunque corredato da una possibilità di personalizzazione davvero soddisfacente e forte di alcune finezze (vedi il display che indica la risoluzione, davvero impagabile) che impreziosiscono il pacchetto.