Nokia 3310 Recensione: il feature phone che punta tutto sulla nostalgia

La prova del nuovo Nokia 3310 ha mostrato un device basilare e dalla lunga autonomia, proposto a un prezzo più alto della media.

recensione Nokia 3310 Recensione: il feature phone che punta tutto sulla nostalgia
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Utilizzare per qualche giorno questo Nokia 3310 ci ha aperto gli occhi. Come si faceva qualche anno fa senza smartphone, senza WhatsApp, senza mail, senza essere sempre connessi? Sicuramente non tutti hanno esigenze di questo tipo, molto dipende dal lavoro che si svolge, ma bisogna dire che acquistare un feature phone, oggi, appare una scelta quanto mai anacronistica per un utente abituato agli smartphone. Ovviamente se il vostro scopo è solo e soltanto telefonare, questi dispositivi tornano ad essere immediatamente appetibili, visto il loro costo contenuto e soprattutto la batteria di lunga durata. Nokia 3310 prova però a offrire qualcosa in più rispetto ai concorrenti, e quel qualcosa è il suo stesso nome. L'effetto nostalgia è potente in questo device, che si configura come una scelta obbligata per i fan Nokia di vecchia data in cerca di un telefono basilare e dotato di un certo fascino.

Solo quello che serve

Nokia ha scelto un pack di vendita molto colorato per questo 3310, che rispecchia l'animo leggero e spensierato del dispositivo. Nonostante il prezzo, il bundle è completo e comprende, oltre alla guida rapida d'uso, anche il caricabatteria e un auricolare. Ottima la scelta di Nokia di inserire anche le cuffie in bundle, meno bene invece il caricabatteria, che ricorda molto quello incluso negli ultimi terminali Windows Phone usciti con Microsoft: la qualità del cavo, che non può essere sostituito, è molto bassa, con l'utilizzo di una plastica rigida di copertura che non trasmette una grande sensazione di resistenza.
La situazione migliora molto prendendo però in mano il 3310. Piccolo, sottile e leggero, siamo lontani anni luce dalle dimensioni a cui siamo abituati con gli smartphone di oggi. Fattore fondamentale per capire la buona riuscita di questa operazione che guarda al passato è il design: siamo infatti di fronte all'unico dispositivo della lineup Nokia ad essere riuscito a far rivivere lo stile dell'azienda finlandese. Gli altri smartphone mostrati finora infatti hanno preso le distanze dal passato, scegliendo un design più moderno ma anche molto più anonimo e in fondo piuttosto standard. Quando si legge il nome Nokia ci si aspetta un design particolare e ricercato, che non si vede, ad esempio, in Nokia 3 o in Nokia 5. La stessa cosa non si può certo dire per il nuovo 3310. Le linee sono infatti riprese dal vecchio modello ma rese decisamente più moderne ed aggraziate, per un rinnovamento riuscito e che strizza comunque l'occhio al passato. La scocca è in policarbonato lucido e nel nostro sample di colore giallo fa la sua bella figura. Il 3310 non cerca di prendersi troppo sul serio, anzi, grazie ai diversi colori disponibili, dal blu al giallo, passando per il grigio e il rosso, trasmette subito il suo lato più allegro. La parte frontale è quella più ricca di spunti, visto che riprende il tastierino numerico direttamente dal suo illustre predecessore, mentre i tasti funzione sono diversi e più simmetrici.

Nella parte alta trova invece spazio il display da 2.4" QVGA a colori. Nel bordo basso si trova il jack da 3.5 mm, mentre in quello alto una porta di ricarica Micro USB. Sul retro invece è collocata una cam da 2 Megapixel. La scocca si può aprire per accedere alla batteria removibile da 1200 mAh, allo slot per la doppia SIM e a quello della MicroSD. Niente male per un feature phone, che presenta però una connettività molto limitata: questa comprende esclusivamente il 2G per le reti mobili e il Bluetooth 3.0.

Il feature phone più bello sul mercato

La prima cosa che si nota accendendo il nuovo 3310 è la qualità del display: non eravamo più abituati a vedere i pixel, dobbiamo ammetterlo. Niente di grave sia chiaro, rientra appieno negli standard qualitativi dei cellulari economici, ma fa strano nel 2017 utilizzare uno schermo simile. Sempre a proposito dello schermo, questo presenta angoli di visione ridotti (basta osservarlo da un'angolazione non ottimale per vedere lo schermo diventare praticamente nero), tutto nella norma per un feature phone. Anche se un sensore di luminosità è impossibile da ritrovare in un dispositivo simile, la sua assenza costringe ad entrare nel menù di configurazione per adattare manualmente la luce emessa dallo schermo negli ambienti più luminosi, non certo il massimo in quanto a praticità. Utile invece la schermata Glance, con cui osservare le notifiche mentre il device è in stand-by. Discrete le prestazioni telefoniche, con una buona ricezione, un audio leggermente gracchiante ma comunque non fastidioso e un livello dello speaker posteriore più che adeguato a far sentire subito le chiamate e gli SMS in arrivo. Si, avete letto bene, SMS: purtroppo non troverete mai WhatsApp o altri client di messaggistica su questo telefono, nonostante la presenza di un "App Store" proprietario, che non contiene però nulla di interessante ed è anche molto lento da esplorare. Almeno la presenza del T9 consente di scrivere messaggi in modo abbastanza rapido, una volta ripresa la mano. Nokia 3310 è a tutti gli effetti un feature phone, non aspettatevi funzioni avanzate o qualsivoglia attività che riguardi la rete. La connessione 2G rende qualsiasi approccio ad internet altamente sconsigliabile, per cui meglio limitarsi alle funzioni telefoniche, vera ragione d'essere di questo 3310.
Il software permette comunque qualche funzione in più rispetto al modello passato. Al menù si ha accesso premendo il tasto centrale, contorniato da una sorta di "croce direzionale" per navigare al suo interno. Un sistema di controllo non proprio comodissimo, con cui si rischia spesso di entrare in sezioni dell'interfaccia non desiderate, a causa della sensibilità del tasto centrale. Ad ogni modo, da segnalare abbiamo il browser Opera Mini, come anticipato incredibilmente lento nella navigazione, una sezione dedicata ai giochi, un riproduttore musicale, un'app meteo, radio FM, un'agenda, la calcolatrice e un gestore file per la Micro SD. A questi si aggiungono una semplice app per la fotocamera e un ospite dal grande passato, Snake, in una versione riveduta e corretta da Gameloft. Per quanto riguarda la prima, il problema non è nell'app, ma nel sensore da 2 Megapixel, che genera scatti di qualità molto bassa. Snake invece è rimasto lo stesso di un tempo, a colori e con un paio di modalità di gioco in più, ma riesce ancora a divertire.

Ottima la batteria, vero punto di forza del 3310 passato come per quello moderno. Erano secoli che non utilizzavamo un telefono che dalla sera al mattino non consuma praticamente energia in stand-by. Va detto che l'utilizzo è molto limitato, di fatto solo chiamate ed SMS, ma si riesce a fare tranquillamente una settimana con un uso intenso e molte chiamate; utilizzandolo saltuariamente è molto probabile che questo valore aumenti non poco. Chiudiamo con uno dei difetti più gravi, almeno a nostro avviso: l'impossibilità di importare i contatti. Scordatevi di inserire il vostro account Google e di ritrovare tutti i numeri pronti in rubrica. Per essere importati questi devono risiedere fisicamente sulla SIM, altrimenti le alternative sono il trasferimento via Bluetooth da un altro smartphone o l'inserimento manuale. Insomma, cose davvero d'altri tempi.

Nokia 3310 Nokia 3310 non va paragonato agli smartphone moderni, nemmeno a quelli di fascia bassa. La loro versatilità non permette confronti, meglio dunque rifarsi al settore di appartenenza di questo dispositivo, quello dei feature phone. In questo caso, il 3310 fa bene praticamente in ogni campo, dalle chiamate ai messaggi, fino alla batteria, dalla durata davvero ottima. Peccato che il tutto sia proposto a un prezzo di 60€, pochi, ma non quanto altri feature phone. La questione è molto semplice: se si è in cerca di un device per chiamare e mandare SMS esistono alternative che fanno la stessa cosa e costano anche 20€ in meno. Va anche detto però che il 3310 offre dei valori aggiunti che gli altri feature phone non possiedono, a partire da un design allegro e riuscito per finire con il sicuro effetto nostalgia. Questo più di tutto sta facendo le fortune di questo cellulare, per un’operazione commerciale sicuramente riuscita e destinata a ripetersi nel tempo.

7.3