Recensione Nokia Lumia 630

Il nuovo entry level della casa finlandese alla prova dei fatti. É questo l'erede del Lumia 520?

recensione Nokia Lumia 630
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Fino a pochi anni fa, acquistare uno smartphone entry level significava scendere a compromessi in termini di prestazioni e usabilità del dispositivo. Oggi, l’intero settore appare più maturo ma soprattutto meglio segmentato, tanto che parlare di terminali di fascia alta, media o bassa appare ora fin troppo riduttivo. In virtù di questa maggiore disponibilità di prodotti, basta valutare bene le possibili alternative disponibili, prima di effettuare un acquisto, per trovare la soluzione che meglio si adatta alle proprie esigenze, consentendo anche di risparmiare qualche euro.
Nel caso dei terminali a basso costo, il mercato è oggi ben fornito di device in grado di non far rimpiangere troppo i modelli più blasonati e costosi. Tra i brand più prestigiosi, Nokia ha compreso da tempo che per arginare lo strapotere di Samsung e di Apple non basta produrre ottimi smartphone top di gamma, ma bisogna puntare anche su soluzioni a low cost, in grado di attirare un pubblico meno esigente dal punto di vista della potenza bruta, ma comunque attento al rapporto prezzo-prestazioni. Esempio perfetto di questo trend è il Lumia 520, che nel 2013 ha rappresentato una delle migliori alternative possibili nella sua fascia di prezzo. Erede spirituale di questo dispositivo è il nuovo Lumia 630, da poco disponibile nei negozi italiani. A differenza dell’anno scorso però, questo segmento di mercato è cresciuto e si è arricchito di nuove alternative: per i consumatori, la presenza di più modelli tra cui scegliere consente un più ampio ventaglio di alternative, mentre per i produttori questo significa trovarsi davanti una concorrenza sempre più agguerrita. In questo contesto, appare chiaro che l'unico modo di vincere la battaglia delle vendite è quello di distinguersi, e questo Lumia 630 ha tutte le carte in regola per farlo.

Hardware su misura

Una delle caratteristiche migliori del sistema operativo Windows Phone è la sua estrema leggerezza, che gli consente una reattività molto elevata anche in presenza di hardware poco prestante. Nokia, nello sviluppo di questo Lumia 630, non si è limitata a soddisfare le richieste minime del sistema operativo Microsoft, ma ha puntato leggermente più in alto, proponendo un terminale che ne soddisfa ampiamente i requisiti. A muovere l’intero sistema è infatti un SoC Qualcomm Snapdragon 400, con quattro core Cortex A7 da 1.2 Ghz e GPU Adreno 305. Il chip è identico a quello visto su molti dispositivi Android nella stessa fascia di prezzo, con la differenza però che Windows Phone è meno ostico da gestire. La RAM a disposizione è pari a 512 Mb, con 8 Gb di memoria interna per l’archiviazione, espandibile tramite Micro Sd. La scelta adottata da Nokia per quanto riguarda la RAM è certamente corretta dal punto di vista funzionale, vista la leggerezza del sistema operativo, ma pone qualche dubbio, sia in ottica presente che futura. Da un lato, nello store sono già presenti applicazioni che necessitano di almeno di 1 Gb di RAM per funzionare, tagliando fuori questo nuovo terminale già in partenza; dall’altro, bisognerà capire per quanto tempo Microsoft continuerà a supportare device con un ridotto quantitativo di memoria nei futuri aggiornamenti.
Per quanto riguarda il display, la casa finlandese ha deciso di puntare su un pannello con diagonale da 4.5” LCD IPS con tecnologia Clear Black e risoluzione 854x480 pixel, con una densità di pixel pari a 221 PPI. Osservandolo all’opera, la luminosità appare adeguata, anche sotto il sole diretto, anche se l’assenza del sensore di luminosità si fa sentire, costringendoci a impostarne manualmente i valori negli ambienti esterni. Altro lato negativo riguarda la definizione, non certo elevata, che lascia trasparire l’economicità del dispositivo: anche senza avvicinare troppo il viso allo schermo i pixel sono ben visibili, particolare che si nota sia nella home che nella galleria delle immagini. Visto il costo del terminale non si può certo pretendere troppo, questo però non toglie che qualcosa di più poteva essere fatto. Ottimo invece il vetro utilizzato a protezione del display, un modello Gorilla Glass 3, mentre la resa cromatica si attesta su buoni livelli, consentendo inoltre di impostare manualmente la saturazione del pannello.

La parte fotografica è caratterizzata da un sensore posteriore da 5 mpix, senza flash; anche la camera anteriore è assente, un fattore che può essere deleterio visto il pubblico a cui è rivolto il dispositivo. Gli scatti effettuati con questo Lumia 630 non fanno gridare al miracolo, ma si attestano su livelli piuttosto alti se si considera la sua fascia di prezzo, garantendo foto di buona qualità, a patto di essere in un ambiente ben illuminato. Nella media della categoria invece i video, girati a 720p e 30 FPS.
Sul fronte connettività, Nokia ha puntato sulla semplicità, proponendo il supporto degli standard più diffusi, tra cui Wi-Fi b/g/n, HSDPA+, Bluetooth e GPS, mentre l’LTE non è stato integrato, nell’ottica di mantenimento dei costi. Buona la durata della batteria, che consente di arrivare tranquillamente a fine giornata e anche oltre, grazie ai consumi relativamente bassi del sistema.
La scocca in policarbonato è di qualità sufficiente ed è dotata di un buon grip, grazie alla superfice satinata. Sul bordo superiore si può osservare il jack per le cuffie da 3.5mm, mentre su quello laterale destro sono presenti il tasto di accensione e i controlli per il volume. Manca purtroppo il pulsante per attivare la fotocamera, presente in altri terminali della casa finlandese; il connettore Mini-USB è invece posizionato sul bordo inferiore. Una volta rimossa la cover, all’interno è possibile osservare la batteria da 1830 mA, lo slot micro-SIM e l’alloggiamento per la scheda Micro SD, compatibile con modelli fino a 128 Gb. Tornando per un attimo alla cover, va segnalato che è possibile acquistarne di diversi colori, in modo da personalizzare il proprio device a piacimento. Il telefono misura 129,5 mm in altezza, 66,7 mm in larghezza e 9,2 mm di spessore, per un peso di 134 g.

Un software all’altezza

Per un esame più approfondito di Windows Phone 8.1 e delle sue nuove caratteristiche vi rimandiamo allo speciale dedicato. In questa sede, l’attenzione sarà focalizzata sull’esperienza d’uso del nuovo sistema operativo su questo Nokia 630, equipaggiato per altro con il firmware Lumia Cyan, l’ultima versione attualmente disponibile. Innanzitutto, va precisato fin da subito che la reattività generale appare molto buona, soprattutto se si considera la fascia di prezzo a cui appartiene questo prodotto. Scorrendo le tiles della home o navigando tra i menù del sistema ci si accorge subito dell’ottimizzazione eccellente di questo sistema operativo, che sotto questo punto di vista è uno dei migliori in circolazione. D’altro canto però, il limite imposto dal basso quantitativo di memoria RAM si fa sentire quando andiamo ad aprire le applicazioni, che presentano spesso qualche secondo d’attesa prima di essere utilizzabili. Niente di particolarmente fastidioso, ma rappresenta comunque un limite, soprattutto in ottica futura. Ottimo il nuovo centro notifiche, che consente finalmente una gestione migliore delle comunicazioni, siano esse messaggi, mail o notifiche di vario tipo, come ottima è la presenza di Office, vero valore aggiunto dei sistemi operativi mobile del colosso di Redmond.
Internet Explorer 11, installato di default, si è rivelato un ottimo browser, capace anche di ridurre i consumi del traffico dati. Le pagine, una volta caricate, scorrono veloci e la navigazione è davvero molto buona, con un’ottima fluidità dello zoom e la presenza della modalità lettura, che permette di leggere le pagine web a pieno schermo, ottimizzando il testo per la dimensione del display.
Molto interessanti sono anche le possibilità offerte dai sensori di movimento SensorCore, integrati in questo entry level, che consentono una gestione più precisa delle app dedicate alla salute. Allo stato attuale, l’unica funzione disponibile è quella dedicata al contapassi, integrata per altro nell’app “Salute e benessere”, presente nello store Microsoft. Il kit di sviluppo però è già stato distribuito alle terze parti e le alternative di non mancheranno certo di arrivare a breve, permettendo di sfruttare questo smartphone anche in ambito sportivo.
Sul versante intrattenimento, stupiscono le prestazioni nelle sessioni di gaming, visto che il terminale è risultato all’altezza della situazione, anche con titoli piuttosto pesanti. Assassin’s Creed, Temple Run e Six Guns vengono digeriti senza troppi problemi da questo Lumia 630, anche grazie alla bassa risoluzione dello schermo, che consente di risparmiare preziose risorse.

Non bastassero le novità introdotte con l’ultima versione del sistema operativo Microsoft, le applicazioni Nokia installate sul dispositivo consentono di ampliare ulteriormente le possibilità per gli utenti. Here+, il software di navigazione GPS prima esclusiva dei top gamma della casa finlandese, è finalmente disponibile per tutti i dispositivi dotati della versione 8.1 del S.O., rappresentando un valore aggiunto non da poco, viste le possibilità offerte, come quella di scaricare le mappe direttamente sul terminale. Presente anche Here Transit, che consente di avere tutte le informazioni sui trasporti pubblici di diverse città, italiane e del resto del mondo. Sotto il profilo fotografico, le applicazioni Nokia consentono di gestire in maniera ottimale questi aspetti, grazie all'ottimo lavoro svolto. Nokia Camera consente di scattare le immagini, agendo su parametri come il bilanciamento del bianco, la messa a fuoco, la luminosità e la velocità dell’otturatore. Cinematograph permette invece di creare delle foto in movimento, toccando semplicemente il punto dell’immagine che si intende animare. Creative Studio mette a disposizione degli utenti una serie di filtri ed effetti per personalizzare i propri scatti. Insomma, anche se lo store non è ancora al livello della concorrenza, bisogna ammettere che le applicazioni create da Nokia sono di ottima qualità e non fanno rimpiangere troppo l’assenza di app di terze parti.

Accessori

Insieme al sample inviatoci da Nokia per questa prova erano presenti anche due accessori, che abbiamo avuto modo di provare in maniera approfondita. Il primo di questi è Nokia Treasure Tag, un oggetto simile ad un portachiavi che consente di localizzare i propri oggetti personali. Per il suo utilizzo è disponibile un’applicazione dedicata scaricabile dallo store Microsoft, con cui è possibile associare il dispositivo a qualsiasi Windows Phone, fino ad un massimo di quattro tag. Una volta fatto, il sistema è pronto per funzionare: ad esempio, applicando il tag alle chiavi di casa, il telefono ci segnala con un avviso sonoro (disattivabile) che ci stiamo allontanando senza prenderle. Oltre a questo, è possibile trovare il Treasure Tag anche sulla mappa, permettendo di scovare senza problemi gli oggetti perduti. La batteria promette sei mesi di autonomia, consentendo di caricarlo solo due volte l’anno. L’accessorio è disponibile al prezzo di 24,90€ in quattro colori e misura solo 30 mm in larghezza, 30 mm in altezza e 10 mm di spessore, per 13 g di peso.
Interessante è anche Nokia MD 12, un altoparlante bluetooth dal design semplice ma funzionale. Il pairing tra la cassa e lo smartphone avviene in pochi istanti, dopodiché si è subito pronti per inviare la propria musica al dispositivo. Dotato di una batteria da 1020 mA, l’MD 12 ha un’autonomia dichiarata di 15h e una potenza massima in uscita di 95 dB. Durante l’ascolto, la qualità audio non è elevatissima, ma non si può pretendere molto da un cassa di queste dimensioni che riesce comunque a difendersi bene, creando un buon sottofondo musicale, anche se molto dipende dalla superfice su cui lo si posiziona. L’accessorio è anche dotato di un microfono, che consente di utilizzarlo come un comune vivavoce. È doveroso inoltre puntualizzare che l’intero dispositivo è riciclabile al 100%, come altri prodotti Nokia, confermando l’impegno dell’azienda nelle tematiche ambientali. Da poco disponibile alla vendita, è possibile acquistarlo a 39€ in quattro diversi colori.

Nokia Lumia 630 Il prezzo di vendita ufficiale di questo Lumia 630 è di 149€, anche se in rete è possibile trovarlo a una ventina di euro in meno. Questo lo pone in diretta concorrenza con gli smartphone Android di Motorola, un brutto cliente da affrontare in questo particolare segmento del mercato. Concorrenza a parte, il Lumia 630 si è dimostrato un valido smartphone, confermando come i terminali della fascia bassa abbiano ormai raggiunto livelli qualitativi davvero buoni se rapportati al prezzo. Forse, il limite più grosso di questo nuovo arrivato di casa Nokia, uno degli ultimi con questo marchio vista l’acquisizione da parte di Microsoft, è rappresentato dal ridotto quantitativo di RAM, che non pone particolari problemi di utilizzo quotidiano ma che va a minare la longevità del prodotto. Anche lo schermo non ha colpito favorevolmente ma, per il resto, il Lumia 630 riesce a fare tutto quello che ci si aspetta da una smartphone da 149€ e anche molto di più. A questo punto, non c’è dubbio sul fatto che questo terminale sia il degno erede del Lumia 520. Se state cercando un dispositivo Windows Phone a basso costo e in grado di svolgere senza problemi la stragrande maggioranza dei compiti, il Lumia 630 farà al caso vostro, a patto però di fare i conti con dei limiti tecnici, necessari al contenimento del prezzo.