Ozone Echo H80 Origen: headset gaming economico con audio 7.1 virtuale Recensione

Ozone propone un headset economico ma di buona qualità, con un design molto particolare e dotato di audio 7.1 virtuale.

recensione Ozone Echo H80 Origen: headset gaming economico con audio 7.1 virtuale
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

L'offerta di cuffie gaming è oggi quanto mai piena di alternative, al punto da risultare piuttosto satura. Ci sono modelli di tutti i tipi e per tutte le tasche, da soluzioni costose come le Sennheiser PC 373D fino a prodotti più economici ma molto particolari, come le Turtle Beach Stealth 350VR. In questo settore Ozone Gaming ha un'offerta molto ampia e nel suo listino sono presenti prodotti molto interessanti, come le Rage Z90 che abbiamo provato qualche tempo fa. Questa volta, il marchio spagnolo ha cercato una strada diversa, proponendo un prodotto più standard rispetto alle Z90, le Echo H80 Origen 7.1. Si tratta di un modello realizzato con la collaborazione del team spagnolo di League of Legends Origen, da cui le cuffie hanno preso il nome. Vediamo come sono e come si comportano nell'utilizzo quotidiano.

Design e caratteristiche tecniche

Le Echo H80 Origen 7.1 sono cuffie dal design piuttosto particolare, che si discosta dalla massa per un archetto di dimensioni decisamente superiori alla media, in particolar modo nella zona vicino ai padiglioni auricolari. La scelta non ci è sembrata particolarmente azzeccata, appesantendo molto le linee del prodotto, questione di gusti ad ogni modo. Tutta la struttura delle cuffie è in plastica nera, la qualità del policarbonato è buona ma abbiamo visto di meglio in altri prodotti Ozone, come ad esempio le Rage Z90, il cui costo però è superiore. I due padiglioni auricolari sono di dimensioni generose, con il logo Origen illuminato di azzurro tramite dei led, che ritroviamo anche sulla punta del microfono retrattile. Sul versante materiali la situazione migliora molto con la simil-pelle che ricopre i padiglioni auricolari e l'archetto. Nel primo caso, il comfort è davvero ottimo, riuscendo per altro ad offrire un buon isolamento acustico dai rumori esterni. Per quanto riguarda l'archetto invece, questo è interamente ricoperto di simil-pelle, con la parte bassa, quella a contatto con il capo, in cui sono installati cuscinetti di supporto per alleviare la pressione sulla testa. Pur essendo un headset relativamente economico, l'archetto presenta un'anima in metallo, che dovrebbe garantire una buona longevità a questo prodotto. Il cavo di collegamento è lungo 2 metri ed è realizzato in gomma, senza nessuna copertura telata. Troviamo però un comodo telecomando che permette di gestire il volume e offre un tasto mute e uno per spegnere il microfono. Anche il piccolo controller è illuminato con un led azzurro che riprende i colori dell'headset, mostrando il logo Ozone. Le specifiche mostrano un'impedenza di 32 oHm e una risposta in frequenza da 10 Hz a 20 KHz, mentre il peso è di 380 g.

Software ed esperienza d'uso

Come indicato anche dal nome commerciale dell'headset, le Echo H80 Origen offrono di serie un audio a 7.1 canali virtuali, ottenuto tramite il software disponibile sul sito del produttore. Purtroppo Ozone non ha ancora creato un'unica suite software in grado di abbracciare tutta la famiglia di prodotti oggi disponibili, con il risultato che ogni periferica dell'azienda necessita del suo programma specifico. Questo potrebbe diventare fastidioso nel caso in cui si utilizzino più dispositivi, come ad esempio cuffie, tastiera e mouse, che devono essere configurati in modo indipendente. Ad ogni modo, le opzioni offerte sono molte e permettono di personalizzare al massimo l'esperienza d'uso, niente male per un headset con un prezzo ufficiale di 89€ ma che si trova online anche a 69€.
Il menù di configurazione è piuttosto spiazzante di primo acchito, visto che la schermata principale permette solo di gestire il volume di cuffie e microfono. Per accedere ai controlli avanzati bisogna cliccare con il tasto destro sull'icona dello speaker, non certo un passaggio chiaro da capire. Ad ogni modo, qui le possibilità offerte sono tante, dall'equalizzatore per personalizzare l'esperienza audio agli effetti ambientali, che simulano determinati ambienti d'ascolto (sala concerti, foresta, etc.), come nelle vecchie EAX di Creative.

Sempre da questo menù si può attivare l'audio surround a 7.1 canali simulato, oppure enfatizzare la spazialità del suono attraverso l'opzione Surround Max. Parco opzioni ricco dunque per le Echo H80 Origen, ma come si comportano nella pratica? Il primo approccio alle cuffie non è stato dei migliori, complice un sound molto compresso e chiuso, causato da una impostazioni di default che non mette in luce le qualità dell'headset. Una volta entrati nel menù di configurazione tuttavia, apportando i dovuti cambiamenti il suono torna ad essere più naturale e adatto all'utilizzo gaming. In questo campo, la spazialità offerta dal 7.1 simulato è buona ma non eccezionale, capace di trasmettere suoni che sembrano provenire da un raggio di circa 180°. I canali surround non vengono rappresentati al meglio, ma del resto si tratta di un limite intrinseco di questi sistemi di simulazione posizionale dei suoni. I bassi sono sufficientemente profondi, con una scena sonora concentrata principalmente proprio sulle frequenze basse e alte. Quelle medie vengono quasi annullate attivando il 7.1 virtuale, per l'ascolto musicale molto meglio spegnere la funzione e affidarsi all'equalizzatore, con cui la situazione migliora molto in questo ambito.

Ozone Echo H80 Origen Le Ozone Echo H80 Origen sono delle cuffie gaming economiche ma di buona fattura, con alcuni dei difetti tipici degli headset gaming in questa fascia di prezzo ma con una qualità generale discreta rispetto al costo d’acquisto. La presenza del metallo nell’archetto è certamente positiva, aumentando la longevità del prodotto, anche se il design, almeno per i nostri gusti, non convince appieno. Le scelte stilistiche spinte rendono le Echo H80 Origen adatte quasi esclusivamente ad un pubblico giovane, complice anche la strana forma della scocca intorno ai padiglioni auricolari. Nonostante questo, il comfort di utilizzo è elevato e permette di giocare per molto tempo senza fastidi, sia in single player sia in multiplayer grazie al microfono integrato di buona qualità. In definitiva, se il vostro budget è limitato le Echo H80 Origen sono da prendere in considerazione, nonostante la presenza di qualche elemento meno riuscito.

7.5