Recensione Playstation 3D Display

L'offerta stereoscopica di Sony espressamente dedicata al gaming

Articolo a cura di

In occasione dell'E3 del 2011, come ulteriore tassello della strategia di promozione ed espansione del 3D stereoscopico in ambito videoludico ed home video, Sony ha presentato il Playstation 3D Display. Si tratta di un prodotto studiato specificatamente per essere utilizzato in abbinamento a Playstation 3 per poter sfruttare al massimo le capacità della console di riprodurre contenuti video 3D che siano giochi o film in Blu-Ray.
Come si intuisce dalla denominazione scelta da Sony, il Playstation 3D Display non è un classico tv ma un monitor puro senza tuner per il digitale terreste. In compenso una buona dotazione di ingressi video e la presenza di alcune caratteristiche uniche appositamente studiate per l'utilizzo con Playstation 3 lo rendono il compagno ideale per chi cerca un buon display da affiancare alla propria console e non ha a disposizione grandi spazi ma non vuole rinunciare a caratteristiche come il 3D e la qualità video.
Si tratta di un monitor 16:9 di 24 pollici di diagonale, risoluzione 1080p con un basso tempo di risposta dei pixel, risultando perciò ideale per il gaming. Sul retro sono presenti sia ingressi HDMI che Component, oltre naturalmente al classico Videocomposito. Tali caratteristiche lo rendono ideale da utilizzare come ideale terminale videoludico collegando una o due console più un PC ben equipaggiato. Considerando la mancanza di un tuner digitale è ideale per essere collegato anche a un decoder satellitare HD in modo da poter sfruttare al massimo il supporto a contenuti video 3D.
Come indicato in apertura il Playstation 3D Display sfrutta la tecnologia stereoscopica attiva, ed è perciò dotato di una coppia di occhialini active shutter con batteria interna ricaricabile. Per la ricarica è sufficiente collegarli a una presa USB con il cavetto in dotazione e in poco tempo sono pronti all'uso. Anche gli occhialini sono appositamente studiati per questo tv, avendo un design e caratteristiche differenti dagli altri modelli Sony in commercio.
Dal punto di vista tecnico, lo schermo utilizzato è un LED Edge di ultima generazione con un contrasto effettivo di 5.000:1, refresh rate a 240 Hz e 16,7 milioni di colori. Lo schermo è coperto da un vetro simile a quello montato sulla gamma di televisori Sony in commercio, che favorisce un maggior contrasto ma che tende anche riflettere l'ambiente circostante; pertanto bisogna fare attenzione a dove posizionare il tv.

DESIGN E ACCESSORI

Dal punto di vista del design l'utilizzo della tecnologia LED Edge ha permesso di mantenere uno spessore decisamente contenuto. Dove però il monitor Sony si differenzia rispetto alle proposte della concorrenza è nella larghezza, in quanto per dotare il televisore di un apparato audio di qualità ed integrarlo in un design che ricordasse le "rotondità" di Playstation 3, sono presenti alle estremità due ampi altoparlanti integrati che ne aumentano le dimensioni. In compenso la qualità sonora apprezzabile è sicuramente superiore in confronto a quanto propone il mercato, considerando anche la presenza di un piccolo subwoofer integrato nel retro dello schermo.
Il piedistallo fornito in dotazione si monta in un attimo e permette di regolare di alcuni gradi l'inclinazione dello schermo in modo da posizionarlo nel modo migliore durante la visione di materiale stereoscopico. Non è possibile ruotare il tv sul proprio asse, ma si tratta di una caratteristica comune alla maggior parte dei monitor.

"La taratura ha evidenziato una discreta profondità del livello del nero: siamo un gradino sotto al livello dei tv top di gamma Sony ma considerando le differenze di prezzo sono compromessi accettabili"

Il design del frontale è estremamente pulito in quanto è presente unicamente il logo Playstation insieme a quello Sony mentre i tasti per il controllo e la regolazione dello schermo sono nascosti sul retro dello schermo ma facilmente raggiungibili.
La qualità costruttiva è impeccabile. I materiali usati sono di ottima qualità e decisamente robusti; le plastiche utilizzate, come il vetro del pannello frontale, non presentano imperfezioni e risultano perfettamente assemblate nello chassis del televisore.
Le connessioni video disponibili sono essenzialmente 3, due HDM e una Component/Videocomposito, sicuramente una dotazione abbastanza classica per un monitor. Considerando il proliferare di periferiche audio/video non sarebbe guastato qualche ingresso HDMI in più, dato che si corre il rischio di trovarsi presto a corto di connessioni se si comincia a collegare più di una console, un decoder per la tv digitale ed eventualmente un PC.
Sul fronte delle connessioni audio, oltre ai suddetti è presente unicamente un ingresso stereo analogico per le periferiche connesse tramite component. In tal caso non sarebbe stata una cattiva idea aggiungere anche un ingresso digitale ottico.
Di ottimo livello è invece la dotazione di accessori inclusi nella confezione. Oltre a piedistallo e cavo di alimentazione sono presenti due paia di occhiali active shutter in una versione esclusiva marchiata Playstation, ricaricabili con il cavetto usb fornito in dotazione. A concludere la dotazione tecnica c'è anche un cavo HDMI placcato oro da 1,5m.
Trattandosi però di un monitor dedicato al gaming con Playstation 3, Sony ha deciso di includere nella confezione anche i due dei titoli più rappresentativi della line up della console, che permettessero di sfruttare al meglio il 3D stereoscopico. Si tratta delle versioni Platinum di Killzone 3 e Gran Turismo 5 due ottimi benchmark per mettere alla prova le doti tecniche del televisore.
L'unica grave pecca nella dotazione del Playstation Display è la mancanza di un telecomando. La sua utilità sarebbe stata evidentemente ridotta essendo solamente un monitor e quindi mancando completamente l'esigenza di "cambiare canale", però la gestione delle regolazioni video, il passaggio da un ingresso all'altro e la semplice regolazione del volume sarebbero state sicuramente più agevoli e comode. I comandi posti sul retro del televisore svolgono egregiamente il loro compito ma indubbiamente si sente la mancanza di un telecomando dedicato, anche se c'è da rilevare la presenza di un sensore IR sul frontale del tv che ne permette il controllo tramite la nuova versione del telecomando ufficiale per Playstation 3, riconoscibile dalla sigla CECH-ZRC1U.

MENU' E FUNZIONI

Il menù video della Playstation Tv si presenta estremamente essenziale e molto simile a quello di un classico monitor per PC. Quindi niente layout XMB come i tv Sony di un paio di anni fa e nemmeno il menù utilizzato dall'attuale gamma.

Sono 5 le opzioni configurabili:
Picture in cui sono disponibili tutte le regolazioni video:
1. Backlight per regolare l'intesità della retroilluminazione
2. Picture Mode in cui scegliere una impostazione base dell'immagine tra le varie opzioni come "cinema", "dynamic", "standard";
3. Luminosità
4. Contrato
5. Colore
6. Tinta
7. Nitidezza
8. Temperatura Colore;
Screen per gestire l'overscan e il formato video
Sound per le classiche regolazioni dei bassi e degli acuti e il bilanciamento tra i canali destro e sinistro;
3D per l'attivazione della visualizzazione 3D;
Settings per gestire il controllo dell'HDMI, avere informazioni sul segnale in ingresso, gestire l'avvio veloce e la lingua selezionata (manca l'italiano).

In confronto ai menù che possiamo trovare nella stragrande maggioranza dei televisori attualmente in commercio, dalla fascia media sino a quella top, siamo evidentemente di fronte a un numero di opzioni decisamente ridotto. Considerando però che fondamentalmente si tratta di un monitor per PC ad uso prettamente videoludico, l'essenzialità delle opzioni di regolazione video non è da considerarsi un difetto. I risultati che si possono ottenere con un'attenta taratura sono buoni e dopo la prima regolazione di tutti i parametri ci si può tranquillamente dimenticare del menù video. La gestione dell'accensione e dello spegnimento come la selezione dell'ingresso in base al segnale video rilevato sono, infatti, completamente automatici. L'unica "fatica" sarà dover regolare manualmente il volume attraverso i tasti posti sul retro del tv.
Avendo sempre in mente che si tratta di un monitor non stupisce la mancanza di particolari funzionalità come ingressi USB, lettura di file audio e video e la ricezione del segnale tv dal Digitale Terrestre, che fanno invece parte dei televisori Sony della gamma Bravia.

PRESTAZIONI

Dopo aver dedicato la giusta dose di tempo alla taratura delle varie regolazioni video utilizzando i pattern proposti dal THX Optimizer per Blu-Ray, abbiamo sottoposto il monitor Sony a una serie di test utilizzando varie sorgenti video. Partendo dall'impostazione di base Cinema abbiamo effettuato alcune piccole regolazioni per ottenere l'immagine che più ci soddisfaceva.
Naturalmente la valutazione principale è stata effettuata nella configurazione ideale per cui il prodotto è pensato, collegando una Playstation 3 e provando giochi e film in Blu-Ray sia in 2D che 3D. Abbiamo però voluto collegare alla seconda presa HDMI sia un decoder MySky HD che un PC, per valutare come il tv si comporta nelle varie condizioni di utilizzo.
La taratura ha evidenziato una discreta profondità del livello del nero: siamo un gradino sotto al livello dei tv top di gamma Sony ma considerando le differenze di prezzo sono compromessi accettabili. La linearità della scala dei grigi è corretta e grazie all'ottima luminosità del pannello il contrasto che si può ottenere con una attenta regolazione è ottimo e permette di avere una immagine brillante ma ricca di sfumature. Inoltre è da sottolineare come il tv testato sia esente da fenomeni di clouding, di cui spesso soffrono i tv con tecnologia LED Edge, e la luminosità spuria sia estremamente ridotta.
Il primo test è stato effettuato con alcuni dei titoli di punta per Playstation 3 in modalità 2D. Abbiamo iniziato con Uncharted 2 e 3 per analizzare la capacità del monitor di restituire ogni più piccolo dettaglio e sfumatura di colore di due dei principali "masterpiece" grafici per la console Sony. Il display Playstation ha svolto egregiamente il compito per cui è stato pensato. L'immagine è apparsa morbida e pulita, colori saturi e profondi, nessun effetto scia e perfetta resa di ogni dettaglio. Siamo quindi passati a due titoli a 60fps e 1080p per valutare la resa del tv con materiale video a 60hz e FullHD. In particolare abbiamo messo sotto stress il monitor con Gran Turismo 5 e Wipeout HD/Fury, due titoli ideali per evidenziare eventuali problemi di scia da parte del pannello LCD. Anche in questo caso il comportamento del display Playstation è stato esemplare, la qualità dell'immagine ha confermato le caratteristiche espresse precedentemente e non sono sorti problemi di scia. Stessi risultati con due fps come Killzone 3 e Resistance 3 a conferma della bontà del tv proposto da Sony. Una delle migliori qualità dal punto di vista ludico del monitor è sicuramente l'input lag decisamente ridotto. Se da un lato l'essenzialità delle funzioni e delle regolazioni disponibili può essere un difetto, dall'altro permette all'immagine di non subire troppi processi digitali che inevitabilmente determinano un aumento dell'input lag. Non a caso manca la cosiddetta modalità "gaming" presente in quasi tutti i normali tv ma che in questo caso sarebbe assolutamente superflua.
Da sottolineare come tutti i titoli 720p o sub HD testati sono stati scalati ai 1080p della risoluzione del monitor con assoluta disinvoltura da parte dell'elettronica del tv che fa tesoro dell'esperienza acquisita negli anni con le varie evoluzioni del Bravia Engine presente sulla gamma dei televisori Sony.

"Avendo sempre in mente che si tratta di un monitor non stupisce la mancanza di particolari funzionalità come ingressi USB, lettura di file audio e video e la ricezione del segnale tv dal Digitale Terrestre, che fanno invece parte dei televisori Sony della gamma Bravia"

Siamo quindi passati alla valutazione delle prestazioni in modalità 3D concentrandoci sulla prova dei 3 più importanti giochi esponenti di tale tecnologia per Playstation 3: Uncharted 3, Gran Turismo 5 e Killzone 3. Abbiamo scelto questi titoli perchè tra i migliori esponenti del 3D su console e tra i pochi a sfruttare concretamente la stereoscopia renderizzando ad ogni frame due scene complete e distinte, una per l'occhio destro e una per l'occhio sinistro. In altri titoli il 3D è ottenuto spesso artificialmente tramite effetti di post processing che permettono di risparmiare importanti risorse computazionali ma che non danno lo stesso risultato qualitativo.
Uno dei difetti che spesso vengono imputati ai tv lcd dotati di tecnologia 3D attiva è il problema del cross talking per il quali i nostri occhi percepiscono uno sdoppiamento dell'immagine mentre stiamo guardando contenuti stereoscopici. Nel caso del display Playstation bisogna riconoscere l'ottimo lavoro svolto da Sony in quanto il cross talking è praticamente assente e permette di apprezzare la qualità della resa in 3D dei giochi testati in considerazione dell'ottimo equilibrio cromatico e del contrasto esibiti dal pannello. La qualità della resa finale evidenzia però ancora di più come questa generazione di console sia ancora troppo poco potente per proporre al meglio titoli in stereoscopia. I compromessi in fatto di risoluzione di rendering a cui i titoli 3D devono ricorrere rendono l'immagine troppo "sporca" e fanno perdere quel dettaglio che avevamo apprezzato in 2D.
Dove il tv da il massimo sia in 2D che 3D è nella visione di film in Blu-Ray. L'immagine acquista ancor più profondità e compattezza; il dettaglio si fa tagliente e il buon livello del nero unito alle qualità di luminosità e contrasto, permesse dalla tecnologia LED, offrono delle prestazioni che non ci si aspetterebbe da un tv di questa fascia di prezzo, dotato inoltre di tecnologia 3D. La gestione dei 24p da parte dell'elettronica del tv risulta corretta e solo un attento esame può, a volte, far rilevare qualche impercettibile microscatto nei panning laterali.
I Blu-Ray 3D vengono gestiti dal monitor in maniera esemplare, tutte le qualità mostrate in 2D vengono confermate e l'assenza di cross talking unita all'ottima definizione dell'immagine rendono la visione estremamente appagante. Occorre infatti ricordare che nel caso della visione dei un film i tv 3D attivi mandano a video due immagini a piena risoluzione 1920x1080. Merita una menzione la qualità degli occhialini che sono molto leggeri ed hanno una ottima ergonomia.

Abbiamo poi testato il tv anche collegandolo a un decoder MySky HD che ha nuovamente confermato quanto emerso nella visione di film in Blu-Ray. Da segnalare anche che il pannello ha saputo gestire con disinvoltura la visione di eventi sportivi come partite di calcio, tennis, pallacanestro e sport motoristici deinterlacciando il 1080i sorgente senza particolari problemi.
Considerando che dietro l'importante denominazione di "Playstation Display" si cela un ottimo monitor, abbiamo collegato al tv anche un normale PC con uscita HDMI. I risultati hanno evidenziato un'ottima luminosità, colori saturi e profondi e un ottimo dettaglio. La navigazione di pagine internet e l'utilizzo di programmi di fotoritocco o video editing lo è altrettanto, grazie alle qualità cromatiche del monitor ed alla sua definizione. Chi può contare su PC particolarmente prestanti potrà sicuramente ottenere risultati spettacolari con i giochi 3D, potendo sfruttare la piena risoluzione del pannello ed eliminando i difetti evidenziati dall'utilizzo con le console.
Per quanto riguarda l'aspetto audio occorre sottolineare come la resa del Playstation Display sia da considerarsi superiore alla totalità dei monitor per PC ed anche alla maggior parte dei tv in commercio, che spesso latitano da questo punto di vista. La scelta di dotare il tv di due ampi altoparlanti stereo laterali e di un piccolo subwoofer integrato nel retro potrà aver appesantito il design ma ha sicuramente fornito un motivo in più per scegliere il monitor Sony invece di altre proposte simili. In un piccolo ambiente come la cameretta di un ragazzo, la resa sonora non fa rimpiangere economici sistemi 2.1, permettendo di dedicare i soldi risparmiati all'acquisto di un ottimo paio di cuffie per poter godere della qualità del Playstation TV anche quando l'ora è tarda.

Playstation 3D Display Per i possessori di Playstation 3 che cercano un buon monitor Full HD dotato di tecnologia 3D il Playstation Tv è un'ottima scelta, l'ideale per la cameretta di un figlio o per una piccola game room. Design e materiali sono di ottima qualità e riprendono lo stile della console, la resa audio-video è ai vertici nella sua fascia di prezzo e la presenza di due ingressi HDMI permette di collegare una seconda console o un decoder satellitare HD oppure un buon PC preparato per il 3D gaming. La dotazione è molto buona considerando che all'interno della confezione troviamo due giochi di punta della line up Playstation 3, 2 occhialini 3D attivi ricaricabili e un cavo HDMI placcato oro. Gli unici difetti tecnici, che però non incidono sul valore del prodotto, sono la mancanza di un terzo ingresso HDMI considerando il proliferare di periferiche HD (console, decoder, hdd recorder ecc.) e la mancanza di un telecomando (sarebbe stata un'ottima mossa per Sony inserire nella confezione il telecomando per Playstation 3 compatibile con il tv). A parer problema principale del Playstation 3D Display che ne ha decretato lo scarso successo è un prezzo un po' troppo elevato rispetto a proposte simili della concorrenza. Il prezzo di listino di 499,99€ è un po' fuori mercato al giorno d'oggi in rapporto alla dotazione e a quanto si può trovare a cifre inferiori. Quantitativamente e qualitativamente il pacchetto proposto da Sony è indubbiamente superiore ma è un surplus che il consumatore non ha valutato, sino ad oggi, determinante nella scelta del tv Playstation.