Recensione Turtle Beach Ear Force PX24

Turtle Beach PX24 è un headset da gaming compatibile con tantissime piattaforme, da PS4 a Xbox One passando per il PC, dotato di un amplificatore esterno che ne arricchisce il suono.

recensione Turtle Beach Ear Force PX24
Articolo a cura di
Daniele Vergara Daniele Vergara viene alla vita con un chip Intel 486 impiantato nel cervello, a mo' di coprocessore. E' più che entusiasta di tutto ciò che riguarda la tecnologia intera e i videogames, con un occhio di riguardo verso l'hardware PC e l'overclocking. D'inverno ama snowboardare, macinando km e km di piste. Lo trovate su Facebook, Twitter e Google+.

Turtle Beach PX24 è un headset da gaming che fa della versatilità la sua arma principale, essendo compatibile con molteplici piattaforme: PlayStation 4, Xbox One, PC, Mac e qualsiasi dispositivo che abbia un'entrata per jack da 3,5mm. Le cuffie possono essere controllate da una scheda audio esterna chiamata Ear Force SuperAmp, la quale è designata ad amplificare e, in generale, a migliorare il suono prodotto dai driver. Questi ultimi sono abbastanza grandi, con un diametro da 50mm. Tramite l'unità esterna, che si ricarica via USB e offre una durata dichiarata di 30 ore, l'utente può applicare al suono svariati effetti quali il miglioramento dei bassi, il surround virtuale o il Superhuman Hearing, tecnologia di Turtle Beach di cui parleremo in seguito. Con il SuperAmp si può anche regolare il volume in uscita e quello del microfono: le PX24 infatti ne presentano uno esterno, agganciato ad uno dei padiglioni tramite un'asta snodabile. I campi di utilizzo sono molti quindi, vediamo come si sono comportate queste cuffie durante il periodo di prova.

Packaging & Bundle

La confezione esterna delle PX24 è di cartone duro e l'abbiamo trovata senza dubbio curata. Sulla parte frontale si staglia un'immagine editata delle cuffie, viene mostrato l'amplificatore in dotazione e sulla destra troviamo un veloce elenco delle feature principali del prodotto. Sul retro invece è presente una descrizione più accurata dell'headset, che fornisce una spiegazione su alcune delle funzionalità della scheda audio.
Una volta aperta la scatola, le cuffie sono contenute all'interno di un contenitore di plastica - che purtroppo è piuttosto scadente - atto a contenere tutto ciò che ci occorre. Guida veloce, informazioni sulla garanzia e un adesivo Turtle Beach da incollare dove più ci pare e piace costituiscono la dotazione "cartacea" che arriva con le PX24. Un'altra confezione, dello stesso materiale di quella esterna, contiene invece il SuperAmp e il cavo USB che serve per ricaricarlo, mentre sul fondo sono adagiate le cuffie vere e proprie.
Abbiamo trovato la qualità del packaging leggermente sotto la media, mentre il bundle è buono e offre anche qualche piccolo extra, come l'adesivo con il logo della società.

Design & Comfort

Queste cuffie da gioco targate Turtle Beach sono disponibili in un unico colore, il nero. Le plastiche sono di qualità standard, nulla che faccia gridare al miracolo né che dia qualche preoccupazione per la solidità. Il design è un po' piatto e, probabilmente, a differenza di tanti altri modelli dell'azienda, pecca in personalità. Sul padiglione destro spicca il logo del modello, mentre su quello sinistro è ancorato il supporto che sostiene il microfono. Quest'ultimo fruisce alla base di un meccanismo che gli permette di roteare, e per di più l'asta è pieghevole, così che l'utente abbia campo libero sul dove posizionare il microfono. Questo è ricoperto dal classico materiale spugnoso a protezione, di buona fattura. I padiglioni possono essere stretti o allargati semplicemente tirando rispettivamente verso il basso o verso l'alto l'archetto dell'headset. Gli step in altezza sono tanti e sono risultati solidi. La fascia è impreziosita dal logo Turtle Beach sui lati ed è ricoperta da un tessuto nero riempito con della canonica schiuma. La stessa tipologia di materiale lo ritroviamo intorno ai due padiglioni, mentre un altro tessuto di colore bianco protegge i driver. Le cuffie si utilizzano mediante il solito cavo con terminazione da 3,5mm, che parte dal padiglione sinistro.
Il livello di comodità delle PX24 è senza dubbio più che buono, soprattutto in seguito all'utilizzo per più ore. I padiglioni hanno un disegno circumaurale che preme il giusto sulle orecchie, senza il bisogno di effettuare una pausa dopo un paio d'ore di gioco. Anche il peso è ben bilanciato e non infastidisce durante l'uso.

Ear Force SuperAmp

Come preannunciato, l'Ear Force SuperAmp è un dispositivo esterno all'headset che Turtle Beach fornisce in bundle con il prodotto. Per utilizzarlo è necessario collegarlo alla sorgente audio e poi collegare a questo le PX24. L'amplificatore deve però essere ricaricato, poiché integra una batteria per funzionare; questo si fa attaccando l'unità ad una porta USB qualsiasi, e la ricarica avviene in una manciata di ore. Una volta completata, il SuperAmp ha rispettato le specifiche del produttore, e possiamo confermare che può lavorare senza problemi per decine di ore. Il dispositivo presenta sul lato destro il tasto di accensione, mentre su quello sinistro scorgiamo uno slider che deve essere settato a seconda della piattaforma che vogliamo utilizzare (console o computer). Una spia segnala che l'amplificatore è acceso e che sta operando. Tramite un comodo pulsante centrale si seleziona la funzione che si vuole gestire, mentre con una rotellina posizionata lateralmente si decide l'intensità della feature in questione. Non essendoci uno schermo per visualizzare il livello della funzione, due diversi bip avvisano se si è al livello massimo o al livello minimo di enfatizzazione. Sempre da qui si può regolare il surround virtuale: incrementando la l'intensità dell'effetto il suono ottiene spazialità e risulta quindi più avvolgente. Altre due funzioni gestibili tramite questa interfaccia sono il volume del microfono e il livello dei toni bassi.
Notiamo inoltre due bottoni più grandi, dei quali uno serve a spegnere il microfono, l'altro, invece, attiva la tecnologia Superhuman Hearing: questa altro non è che un filtro che amplifica tutte le altre frequenze, enfatizzando il suono prodotto dalle armi da fuoco e dal timbro dei passi dei nemici, per ottenere un discreto vantaggio in-game. Abbiamo trovato che le prestazioni audio hanno giovato non poco dell'Ear Force SuperAmp, e consigliamo di tenerlo sempre collegato.

Prestazioni audio

Dopo svariate ore in compagnia delle PX24 siamo in grado di confermare che le prestazioni audio sono buone, a patto che rimaniate nell'ambito del gaming e che facciate utilizzo del SuperAmp. Con la stragrande maggioranza dei titoli questo headset si comporta bene, e la tecnologia Superhuman Hearing si è rivelata funzionale negli sparattutto. Abbiamo però palesato un brusco aumento del volume delle frequenze alte non appena questa feature viene attivata, che certe volte porta anche a fenomeni di distorsione del suono; per questo è bene non esagerare col livello dell'audio quando la tecnologia è utilizzata. Senza la funzione Bass Boost attiva le frequenze basse sono praticamente assenti, e l'abbiamo dovuta tenere sempre al massimo per ottenere un po' di corposità. Il surround virtuale funziona molto bene, fa il suo lavoro senza sbavature e la direzionalità è sempre corretta.
Abbiamo provato anche le PX24 con dei brani musicali di vario genere ma hanno risposto un po' maluccio, dimostrando di essere adatte solo per i videogames. I medi sono sempre risultati impastati e i bassi non hanno retto la potenza dei generi più esigenti, mentre le frequenze alte hanno fatto meglio, adeguatamente nitide e precise.
L'isolamento acustico è uno dei punti a favore di questo headset. Dall'esterno, ci è stato confermato di sentire a malapena quello che stavamo ascoltando al massimo volume, mentre i suoni non prodotti dalle cuffie non ci hanno per niente disturbato.
Il microfono è di qualità più che buona e il nostro interlocutore ci ha sempre sentito chiaramente, anche impostando il volume di quest'ultimo al suo culmine. Comoda anche la possibilità di spegnerlo premendo un solo tasto.

Turtle Beach Ear Force PX24 Le Turtle Beach PX24 sono delle buone cuffie se rimaniamo nell’ambito gaming. L’enorme parco di dispositivi compatibili è ben accetto, e l’Ear Force SuperAmp è certamente apprezzabile, soprattutto constatando la differenza che viene fuori se non lo si utilizza. La comodità le rende piacevoli da utilizzare, mentre l’estetica poteva essere migliorata. Le caratteristiche extra come il Bass Boost o la Superhuman Hearing funzionano adeguatamente e sono effettivamente a portata di mano. Il microfono è funzionale, si adatta a qualsiasi posizione ed è di buona qualità. Il prezzo di listino delle PX24 è di 99,99€, forse un po’ altino per quello che offrono. Fosse stato di una quindicina d’euro più basso allora le avremmo consigliate senza riserve, ma con qualche offerta potrebbero divenire davvero allettanti per i giocatori.

7.5

Altri contenuti per Turtle Beach Ear Force PX24