Recensione Turtle Beach PLa

Le nuove cuffie del produttore americano per giocare su Playstation 3, PC e MAC.

recensione Turtle Beach PLa
Articolo a cura di
Alessandro Sordelli inizia la sua avventura videoludica ereditando un leggendario Commodore 64 a cassette magnetiche, computer che gli apre le porte ai giochi di ruolo e tutto ciò che è fantascienza. Pur nutrendo da sempre un particolare amore per la piattaforma PC, non disdegna il panorama console. E' in giro su Facebook, su Twitter e su Google Plus.

Il catalogo Turtle Beach si arricchisce di mese in mese con cuffie e auricolari adatti ad ogni utilizzo ed esigenza e noi siamo sempre felici di mettere mano ai prodotti più interessanti per un'accurata prova con mano. Abbiamo avuto l'occasione di testare un prodotto rilasciato sul mercato prima di Natale, delle cuffie di fascia economica indirizzate a tutti quei giocatori che desiderano godere di un'ottima qualità audio in casa propria senza spendere un capitale. Il modello PLa di cui vi parliamo oggi costa poco ma non scende a compromessi in fatto di materiali e potenza sonora.

DESCRIZIONE E MATERIALI

Le PLa di Turtle Beach sono le sorelle gemelle delle XLa per Xbox 360 (già recensite qualche mese fa) e delle NLa per Wii U, cuffie economiche presentate dal costruttore statunitense per l'anno 2012. Si tratta della fascia entry level dell'ormai vastissima gamma di cuffie del catalogo di Turtle Beach, quelle che la stessa casa madre definisce “for Light Gamers” ovvero un prodotto destinato a tutti quei giocatori che non hanno particolari esigenze, che non necessitano di sound multicanale o della perfezione acustica solitamente richiesta nell'ambito dell'e-sport o dal multiplayer gaming intenso. La produzione tuttavia non sacrifica la qualità e i materiali, che seppur più economici rispetto a quelli proposti per le fasce di prezzo superiori, non mancano di offrire robustezza e confort. I padiglioni sono di medie dimensioni, con speaker dal diametro di 40 mm realizzati con l'ausilio dei tipici magneti al neodimio, in grado di generare 20 dB di pressione sonora a 1kHz. I padiglioni sono ricoperti da una soffice imbottitura in gommaspugna soffice di colore nero, una scelta meno confortevole rispetto alla più pregiata finta pelle morbida ma ugualmente comoda. Una piccola fascia imbottita è presente anche sull'archetto che poggia in testa, per garantire sostegno e comodità anche durante le sessioni di gioco più lunghe e intense. Il cavo è lungo la bellezza di 4,5 m, adattandosi alle situazioni più estreme come quando decidiamo di giocare sdraiati sul letto o lontani dalla console. Il cavo termina con uno spinotto USB per alimentazione e microfono, quindi due connettori RCA per la ricezione del segnale audio stereo. I controlli di voce e volume sono situati sul padiglione sinistro, così come lo switch per mettere in muto il microfono.

LA PROVA CON PLAYSTATION 3

Le nuove cuffie di Turtle Beach si pubblicizzano prima di tutto come prodotto destinato all'utilizzo con l'home console di casa giapponese, Playstation 3. Sulla console di Sony abbiamo un cavo USB che serve ad alimentare gli speaker attivi e a veicolare alla console l'input del microfono, quindi due cavi RCA con adattatore a doppio ingresso per raccogliere il segnale stereo e spedirlo ai padiglioni auricolari. Abbiamo testato le cuffie con uno dei più recenti titoli disponibili sulla piattaforma di Sony, il gioco di ruolo Ni No Kuni realizzato da Level 5 con la partecipazione dello Studio Ghibli. Come sapranno quelli che stanno giocando al JRPG più bello degli ultimi anni - o coloro che hanno letto la nostra recensione del gioco - il comparto audio dell'ultima fatica dello studio giapponese vanta un solido comparto audio e soprattutto una colonna sonora d'eccezione, realizzata dal celebre compositore Joe Hisaishi. Alla prova videoludica abbiamo aggiunto un test film, con una serie di recenti produzioni in Blu Ray, come Prometheus o Total Recall. Il suono si dimostra pulito, anche sulle tonalità alte della stupenda soundtrack in stile classico di Ni No Kuni, rivelando grande potenza sonora e degli ottimi bassi, grazie anche al sistema Bass Boost integrato.

FINALMENTE ANCHE SU PC E MAC

Il collegamento con il personal computer è ben più semplice rispetto a quello sulla console di Sony, in quanto ci basta connettere lo spinotto USB ad una qualsiasi delle porte libere sul nostro computer, per alimentare l'output device e al tempo stesso avere lo streaming dati in entrata e in uscita. Il collegamento è quindi rapido e indolore, specialmente se paragonato con altri modelli Turtle Beach o di altri marchi, che richiedono la connessione di più spinotti o l'uso di scomodi adattatori. L'apparecchio è plug&play e non richiede quindi l'installazione di driver appositi, ma viene automaticamente riconosciuto dal sistema che, in pochi secondi, disabilita gli altoparlanti di sistema e dirotta il flusso audio ai padiglioni auricolari. La prova su PC ha dato risultati ugualmente soddisfacenti, regalando una buona qualità audio sia sul fronte degli shooter, che per MMO e online gaming. Compatibilità anche con la piattaforma MAC.

Turtle Beach PLa Con la prova delle Pla di Turtle Beach confermiamo le impressioni avute la volta scorsa con la sorella per la console Microsoft, quindi un prodotto economico e alla portata di tutte le tasche, che non sacrifica però qualità e materiali, per delle cuffie in pieno stile Turtle Beach. Questa volta il prezzo è un po' superiore - 45 € rispetto ai 35 della XLa - ma la compatibilità è doppia, o meglio tripla se consideriamo che si possono utilizzare anche sotto Mac OS. Se siete alla ricerca di un buon prodotto per giocare online ai vostri giochi preferiti su Playstation 3 e PC, ma non volete spendere un capitale, allora avete trovato quello che fa per voi.

8.0