Vernee Thor E Recensione: grande autonomia, piccolo prezzo

Dalla Cina arriva un elegante battery phone low cost con display da 5 pollici e Android 7 in versione stock: ecco il Vernee Thor E.

recensione Vernee Thor E Recensione: grande autonomia, piccolo prezzo
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta di brand cinesi poco conosciuti in Italia e dopo la recensione dell'UMIDIGI C Note vi proponiamo oggi la prova del Thor E di Vernee. Si tratta di un marchio cinese nato nel febbraio 2016 di proprietà del gruppo New-Bund Network Technology Co. Ltd; un OEM/ODM che ha deciso di realizzare una propria linea di prodotti formata attualmente da sei smartphone di vario genere, dal top di gamma Apollo X con SoC deca core e 4 GB di Ram al Thor E oggetto della nostra prova. Scopriamo, quindi tutte le caratteristiche di questo smartphone a partire dal suo design.

Vernee Thor E: battery phone dal design elegante e dalla buona ergonomia

Il Vernee Thor E si presenta con forme eleganti e curate a partire dal frontale con lo schermo da 5 pollici che sembra fondersi con la cornice in un'unica superficie nera. Raffinato anche il posteriore con la scocca in metallo dalla particolare finitura spazzolata, caratterizzato inoltre da una banda orizzontale che sporge leggermente dove è stata inserita la fotocamera ed il flash. In basso troviamo il microfono e la porta MicroUSB con funzione OTG, mentre nella parte superiore è invece presente solo il jack da 3,5 mm per le cuffie. Interessante il lato sinistro dove oltre al carrellino in grado di accogliere due nano Sim (una delle quali sostituibile con una MicroSD fino a 128 GB) è anche presente il pulsante per l'attivazione della funzione E-Ink che vedremo più avanti. A destra sono invece ospitati i tasti per la regolazione del volume e quello di accensione/blocco, mentre lo speaker è posizionato sul lato posteriore. Non dimentichiamo il sensore per le impronte sul retro (veloce e abbastanza affidabile), i pulsanti Android touch sotto lo schermo, non retroilluminati, e l'utile Led di notifica frontale. Nonostante la batteria da ben 5.020 mAh, l'ergonomia generale è buona con dimensioni pari a 144 x 70,1 x 8,2 mm per un peso di 149 grammi. Questo smartphone è disponibile in due varianti colore, nera o grigia.

Caratteristiche tecniche: batteria da 5020 mAh e 3 GB di Ram

Occupiamoci ora delle caratteristiche tecniche del Thor E spinto da un SoC Mediatek MTK6753, un octa core A53 con frequenza fino a 1,5 GHz affiancato da una Gpu Mali-T720. Per quanto riguarda la memoria troviamo 3 GB di Ram e 16 GB di storage (700 MB circa occupati al primo avvio su 10,24 GB effettivamente disponibili), espandibile tramite microSD fino a 128 GB. Passiamo al display, Vernee ha scelto un IPS da 5 pollici con risoluzione HD, mentre il comparto fotografico è formato da un sensore posteriore da 8.0MP con lenti f/2.4 e da uno frontale da 2 megapixel. Camere che salgono rispettivamente a 13 e 5 MP tramite interpolazione software. La batteria è il vero punto di forza di questo smartphone, grazie alla capacità di ben 5.020 mAh. Infine le connessioni con il Bluetooth 4.0, WiFi b/g/n dual band, radio Fm, GPS ed LTE Cat6. Inoltre è anche supportata la tecnologia per le chiamate VoLTE e la banda da 800 MHz. Concludiamo con la confezione che include oltre al cavo USB-Micro USB, un caricabatterie rapido ed una pellicola di bassa qualità già preapplicata sullo schermo.


Software: Android 7 stock e modalità E-ink

A livello software, il Vernee Thor E viene fornito con Android Nougat 7.0 (con patch di sicurezza del 5 giugno) in una versione praticamente stock denominata VOS (Vernee OS). Un sistema operativo leggero e attento ai consumi che si caratterizza per l'assenza di app di terze parti ad eccezione della tastiera Touchpal e di un File Manager. Software interamente in italiano con alcune piccole aggiunte nel menù Impostazioni del sistema operativo di Google come la funzione DuraSpeed per la gestione delle app in background. Presente inoltre la voce denominata "Assistente intelligente" per l'attivazione di varie funzioni come i tasti Android a schermo ed il doppio tocco per il risveglio dallo standby. Tra le impostazioni segnaliamo anche la modalità notturna, l'utility Miravision per il settaggio del display e la possibilità di programmare l'accensione e lo spegnimento dello smartphone ad orari programmati dall'utente. Infine occupiamoci della modalità "inchiostro elettronico" denominazione ovviamente ispirata agli schermi presenti sui vari ebook. Si tratta di una funzione, attivabile tramite il pulsante dedicato, pensata per allungare al massimo l'autonomia dello smartphone riducendo la luminosità dello schermo che diventa in bianco e nero; inoltre viene anche abbassata la frequenza del SoC, ottimizzata la gestione delle app in background e infine vengono anche disabilitate le notifiche.


Esperienza d'uso

Nell'uso quotidiano il Vernee Thor E si è dimostrato fluido e reattivo con prestazioni generali più che soddisfacenti nonostante i bassi valori registrati nei benchmark, merito anche di un sistema operativo stock, leggero e ben ottimizzato. In particolare, su AnTuTu questo smartphone totalizza 36157 punti, mentre su Geekbench fa registrare 662 punti in single core e 2679 in multi core. Buone le performance su Chrome e nei giochi più pesanti come Asphalt Xtreme. Passando al display, si tratta di uno schermo di buona qualità per quanto riguarda luminosità e angoli di visione con una temperatura colore un po' calda. Il comparto fotografico produce scatti alla luce del Sole di qualità solo sufficiente con colori a volte poco naturali ed una messa a fuoco automatica poco precisa. Con una luminosità ridotta la qualità scende ulteriormente con un eccessivo rumore di fondo. Buone, invece, le macro, e accettabili i selfie con una camera da soli 2 Mp reali. Non male la resa dei video anche con HDR e risoluzione massima di 1080p a 30 fps. Il software per la gestione del comparto fotografico è il classico Mediatek già visto in altri device di origine cinese. Non manca l'HDR, filtri in tempo reale, la modalità panoramica e la possibilità di intervenire su vari parametri come ISO e bilanciamento del bianco. Non dimentichiamo il comparto telefonico con una buona performance dello speaker anche quando lo smartphone viene appoggiato su una superficie, con un volume però non elevatissimo; poco potente anche la capsula auricolare. Segnaliamo, inoltre, un comportamento anomalo del sensore di prossimità non in grado, in molto casi, di disattivare il display durante una chiamata. Infine la batteria che consente due giorni di autonomia con un uso molto intenso dello smartphone, con circa 9 ore di schermo acceso. Con un utilizzo un po' più attento è possibile arrivare anche a 3 giorni. Accumulatore ricaricabile tramite caricatore rapido (9V/2A) in poco più di due ore e dotato di funzione power bank con la possibilità, quindi, di ricaricare un altro device. Il Vernee Thor E è acquistabile anche su Amazon o sui vari store specializzati in prodotti cinesi come Gearbest, ad un prezzo di circa 100 euro.

Vernee Thor E Da Vernee arriva un elegante battery phone dalla buona ergonomia; uno smartphone decisamente economico, acquistabile per circa 100 euro, che si distingue inoltre per la presenza di Android 7 in una versione praticamente stock. Ottima la gestione degli update software con frequenti aggiornamenti e patch di sicurezza del 5 giugno. Tra gli aspetti che meno ci hanno convinto il comparto fotografico di bassa qualità, i tasti non retroilluminati, l’assenza della USB type-C e la capsula auricolare poco potente.

7.6