Rubrica Hardware Shop - Vol 20

L'arrivo dell'Estate porta molti cambiamenti alle configurazioni

rubrica Hardware Shop - Vol 20
Articolo a cura di

Con AMD ancora in alto mare, Intel non si fa scrupoli ad avanzare inesorabilmente verso il monopolio della situazione in ambito prestazionale ed energetico grazie alla nuova gamma di processori Ivy Bridge, successori degli ancora validissimi Sandy Bridge. Dall'altra parte mentre AMD è intenta a stipulare una collaborazione con ARM per una nuova era di processori ibridi per il settore mobile, la rivale si fa sempre più spazio nel settore desktop ad alte prestazioni, dove tutt'ora risulta imbattuta, a discapito dei prezzi. La nuova serie di processori Ivy Bridge introduce i vantaggi del processo produttivo a 22nm e i transistor 3D, ma non è tutto oro quel che luccica. Questi processori infatti risultano decisamente più caldi rispetto a quelli di seconda generazione per una scelta non proprio condivisibile di Intel nell'utilizzo di pasta termica di scarsa qualità al posto della classica saldatura Fluxless tra il die del processore e l'heat-spreader, che causa elevati aumenti di temperatura soprattutto in overclock. Le prestazioni, nonostante i transistor 3D, non hanno subito un incremento così elevato da giustificarne in ogni caso l'acquisto rispetto alle soluzioni Sandy Bridge e infatti ritroveremo in rubrica alcune soluzioni antecedenti. La questione GPU rimane spinosa, AMD ha già messo in tavola tutte le sue carte mentre la concorrente Nvidia ancora tarda a presentare le soluzioni di fascia media e medio-alta, il che lascia un grosso buco per chi cerca una scheda di nuova generazione nella fascia tra i 100 e i 200 euro visto che non sono presenti nemmeno soluzioni AMD. Parlando invece della rubrica vera e propria, abbiamo apportato leggere modifiche alla condotta generale, elasticizzando ancor più le singole configurazioni per permettere a chi ha più dubbi degli altri di effettuare la propria scelta in modo più corretto.

Everyeye Hardware

Everyeye Hardware nasce in risposta all'esigenza di noi utenti PC di conoscere la tecnologia del momento in ambito gaming, ovvero quali prodotti soddisfano le nostre elevate aspettative di videogiocatori. Un'esigenza che è da sempre connaturata alla piattaforma Personal Computer e troppo spesso trascurata dai siti d'informazione videoludica o relegata ai soli siti tecnici espressamente dedicati all'hardware, che -in generale- magari non si dilungano sugli aspetti legati esclusivamente ai videogame. Grazie a Everyeye Hardware i nostri lettori scopriranno insieme a noi quali sono le periferiche migliori da prendere in considerazione per raggiungere un'esperienza di gioco su PC adatta alle loro esigenze, sulle loro macchine. Leggi subito la Guida alle Valutazioni per imparare a capire il nostro metro di giudizio.

FASCIA BASSA (Prezzo: circa 600 Euro)



ALIMENTATORE: Corsair CX500 V2 (circa 55€)
500 watt - 4x 4pin - 5xSATA
Dato il risparmio rispetto ad alimentatori di tagli superiori e il non eccessivo consumo di corrente della configurazione di questa fascia, il Corsair CX500 è l'ideale per una configurazione gaming entry level; purtroppo dovremmo rinunciare a ovvi vantaggi quali utilizzo di componenti esosi di energia in futuri aggiornamenti e il cablaggio modulare ma in ogni caso rimane il migliore alimentatore consigliabile in questa fascia, grazie anche alla certificazione 80PLUS. Preferiamo affidarci ad un alimentatore Corsair rispetto ai classici Cooler Master o ad altre marche meno conosciute per un fattore di pura bontà e maggiore affidabilità degli stessi, difatti questi alimentatori sono in parte prodotti dalla famosissima Seasonic, leader nella produzione di alimentatori professionali e di alto livello.


PROCESSORE: Intel Core i3 2100 (circa 100€)
Socket 1155 - 2 core fisici + HyperThreading - 3.1Ghz - 32nm
Non essendo ancora state presentate le CPU i3 di terza generazione, non è in ogni caso cattiva idea acquistarne una di famiglia Sandy Bridge, che per soli 100€ rimane la scelta più azzeccata per qualsiasi utilizzo andrete a farne. Specialmente in ambito gaming questa "piccola" CPU da il meglio di se e non risulta per niente limitata nemmeno nei giochi più recenti.


SCHEDA MADRE:ASRock Z77 Extreme4 (circa 120€)
Socket 1155 - Chipset Intel Z77 - 4xDIMM DDR3 - 2xPCIe 16x (dual @ 8x/8x) - 4xSATA3 - 4xUSB3
Allo stesso prezzo della precedente Z68 Extreme3 troviamo la Z77 Extreme4, diretta discendente corredata dal nuovo chipset. Asrock detiene ancora il posto di prediletta per la nostra fascia bassa in quanto è stata in grado di proporre una scheda più completa ed efficiente delle concorrenti per il prezzo a cui è proposta. Per quanto riguarda il chipset Z77, non è portatore di grosse novità, ma la gestione del chip Virtu è migliorata e il supporto per i processori Ivy Bridge è nativ. Nel caso vi serva un upgrade ad un processore di ultima generazione quindi non servirà altro se non il rimpiazzo dello stesso.


RAM:Corsair Vengeance 2x4Gb 1600mhz CL9 (circa 40€)
Kit 8Gb - 1600mhz - CL9 - 1.5v
Nonostante sembri strano, ormai si fa quasi fatica a trovare moduli di ram da 2Gb da affiancare su questo tipo di piattaforme; poco male, il prezzo conveniente delle stesse ormai parla da solo perciò per una decina di Euro meglio preferire un kit da 8Gb piuttosto che da 4, come si dice: "melius abundare quam deficere". Ricordiamo che qualora voleste installare un dissipatore aftermarket di generose dimensioni è consigliabile comprare la versione Low Profile delle stesse, che possiedono alette di raffreddamento di dimensioni ridotte -in ogni caso ininfluenti sulle temperature finali- per lasciare spazio a qualsivoglia dissipatore aftermarket vogliate. Ricordiamo sempre, qualora vogliate puntare su un modello di RAM differente, di scegliere esclusivamente memorie con voltaggio di 1.5v, scelta obbligata per l'utilizzo delle stesse sulle schede madri consigliate in questa rubrica; pena la prematura morte della scheda.


GPU:AMD Radeon HD6870 (circa 140€)
Chip Barts XT- 1024Mb GDDR5 - 40nm
La recente commercializzazione delle schede di serie 7 di AMD e l'allungarsi dei tempi d'uscita delle schede di fascia media di Nvidia non ci pone nessuna nuova scelta in questa fascia di prezzo e ci vede costretti a dover optare per una scheda di penultima generazione. Poco male in quanto la HD6870 supporta pienamente le Dx11 e sarà sufficiente per giocare a qualsivoglia titolo in commercio con dettagli massimi a risoluzioni Full-HD; unicamente sui titoli decisamente più pesanti graficamente sarà obbligatorio lesinare sui filtri più gravosi, filtri che spesso in ogni caso risultano superflui ai fini qualitativi. Per ora quindi la HD6870 rimane una scelta quasi obbligata. La concorrente, la GTX 560Ti, può vantare alcune features in più e un supporto dei driver migliore in questo periodo, ma il prezzo rispetto alla scheda di casa rossa lievita di non poco.


HARD DISK:Western Digital Caviar Blue 500GB (circa 65€)
500GB - 7200 RPM
Visto il costo purtroppo ancora esagerato degli hard disk tradizionali, ma l'inevitabile necessità di possederne uno, il nostro consiglio ricade su un disco di medio taglio e dalle prestazioni nella media; fortunatamente il costo per l'affidabilità degli hard disk Western Digital non è del tutto proibitivo e con circa 65€ potremo avere comunque una discreta quantità di spazio su cui tenere sistema operativo e dati senza preoccupazioni.


MOUSE & TASTIERA:Kit Logitech Desktop MK120 (circa 20€)
Non avendo a disposizione un sostanzioso budget non ha senso consigliare mouse e tastiera di livello professionale. Per questa fascia ci affideremo dunque a un classico kit base della Logitech in grado di fare il suo dovere e nulla più, senza particolari features questo kit "da battaglia" sarà la nostra scelta; d'altronde la periferica non fa il giocatore. O si?

Cosa Migliorare?

Questa configurazione predispone un PC da gioco entry level ma non abbiamo lesinato sulla qualità e sulla affidabilità di nessun componente. Dunque non ci resta che migliorarla dal punto di vista prestazionale o espanderne la funzionalità e la praticità. Per aumentare le prestazioni generali potremmo quindi optare al posto di un i3 2100, per un i5 Sandy o Ivy Bridge e sul lato GPU per una HD 7850 o superiore. Se volessimo invece decidere di dotare la nostra macchina da gioco di un case più elegante e completo, funzionalmente parlando, possiamo affidarci al prediletto CM 690 II o se preferite a un Corsair Carbide 400R o 500R. Non dimenticate inoltre la possibilità di comprare delle periferiche più adatte ad un gamer che si rispetti!

FASCIA MEDIA (Prezzo: circa 1000 Euro)

CASE: Cooler Master CM 690 II Advanced (circa 100€)
Mid-Tower - 214,5(W) x 511,8(H) x 528,8(D) mm
Ormai in commercio da parecchio tempo è ancora difficile trovare una valida alternativa al CM 690 II nella sua fascia di prezzo. Decisamente spazioso e qualitativamente molto valido, questo case ospita 6 slot da 3.5", 4 da 5.25" e 3 ventole stock, tutte dotate di filtri anti polvere. Da segnalare l'utilizzo di soluzioni tool-less (ovvero che evitano l'utilizzo di utensili per la disposizione dell'hardware) e un bay per la connessione rapida di un hard disk (di cui la versione Lite è sprovvista).Le linee semplici ed eleganti, la qualità dei materiali e la praticità di utilizzo lo hanno reso popolare tra i gamers ma anche tra gli amanti del sobrio e dell'essenziale e fanno di questo case un acquisto obbligatorio, in questa fascia, per il prezzo a cui viene proposto.


ALIMENTATORE: Corsair AX750 (circa 145€)
750 watt - 8x 4pin - 12xSATA - Cablaggio modulare
La serie AX di Corsair spopola nelle configurazioni di fascia media e di fascia alta; un successo più che meritato visto il livello di qualità di questi gioiellini. Gli alimentatori di serie AX sono tutti certificati 80Plus Gold (efficienza superiore al 90% con un carico del 50% della capacità totale), sono completamente modulari, il che garantisce un ordine impeccabile e una perfetta gestione dei cavi all'interno del case, e godono di una garanzia di ben 7 anni, decisamente superiore alle aspettative di vita di un qualsiasi pc; ciò vi permetterà di farne uso anche per configurazioni future e negli anni a venire. Sono sicuramente soldi ben spesi.


PROCESSORE: Intel Core i5 2500K (circa 180€) oppure Intel Core i5 3570K (circa 200€)
Socket 1155 - 4 core fisici - 32nm/22nm
L'uscita dei nuovi processori Ivy Bridge ha portato non pochi grattacapi a chi vuole un i5 e deve scegliere tra il "vecchio" 2500K e il nuovo 3570K. Prestazionalmente parlando, la CPU di nuova generazione è un piccolo passo avanti a quella antecedente e il discorso non cambia in termini di consumi, il processo produttivo a 22nm difatti li diminuisce ulteriormente, tuttavia, come anticipato nell'introduzione, questi nuovi modelli soffrono di problemi di temperature decisamente molto elevate in caso di overclock spinti, il che favorisce ancora l'acquisto del 2500K a chi è propenso a queste pratiche. Di fatto, spingendo quest'ultimo a circa 200Mhz in più rispetto al processore Ivy Bridge, il Sandy offre prestazioni identiche. Riassumendo consigliamo dunque la soluzione Sandy Bridge a chi cerca soprattutto la massima velocità in overclock e soddisfazioni in questa pratica, mentre se si preferiscono overclock minori meglio puntare direttamente alla nuova soluzione Ivy Bridge. Ricordiamo che esistono anche processori NON K, ovvero con moltiplicatore bloccato, che inibiscono l'overclock ad un prezzo inferiore delle controparti sbloccate, consigliabili a chi non necessita di questa funzionalità.


SCHEDA MADRE:Asus P8Z77-V Pro (circa 180€)
Socket 1155 - Chipset Intel Z77- 4xDIMM DDR3 - 2xPCIe 16x (dual @ 8x/8x) - 4xSATA2 - 2xSATA3 - 4xUSB3
Anche per la scheda madre troviamo un semplice aggiornamento ad un modello più recente già pronto per Ivy Bridge. La V-PRO è dotata di 12 fasi di alimentazione per la CPU più 4 per la GPU, dunque un'ottima scelta per chi vuole cimentarsi in overclock anche molto spinti. Ovviamente non mancherà una lista di features ormai indispensabili per gli utenti più esigenti e non, e un buon numero di porte USB e SATA, sia nelle versioni 2.0 che 3.0. A differenza delle dirette concorrenti, Asus in questo caso è da preferirsi per la qualità dei materiali, l'affidabilità e il miglior supporto software. Da segnalare inoltre l'esclusività del modulo WiFi, che nelle concorrenti non è presente. Per questi motivi risulta ancora la nostra preferita per questa fascia.


RAM:Corsair Vengeance 2x4Gb Kit 1600mhz CL9 (circa 40€)
Kit 8Gb - 1600mhz - CL9 - 1.5v
Già consigliate nella fascia bassa, le Corsair Vengeance saranno perfette anche per questa configurazione, sempre nel kit da 8Gb -magari nella versione azzurra, visto la scelta della scheda madre per questa configurazione.


GPU: AMD Radeon HD 7850 (circa 200€)
Chip Pitcairn - 3072Mb GDDR5 - 28nm
La Radeon HD 7850 si è ormai assestata ad un prezzo medio di circa 200€. Per questa cifra possiamo andare a rimpiazzare la vecchia GTX 570 presente in questo posto della nostra rubrica e risparmiare anche qualcosa, ovviamente non lesinando sulle prestazioni. La 7850 in aggiunta possiede ben 3Gb di memoria RAM video dedicata, utile soprattutto ad alte risoluzioni, che vi farà guadagnare qualcosa nei giochi più pesanti. Ovviamente parlando dell'ultima serie di schede AMD non possiamo non menzionare l'efficienza, ormai a livelli straordinari. Queste schede infatti possono arrivare a dei consumi praticamente pari a zero in idle e mantenere consumi decisamente contenuti anche sotto carico rispetto alle schede di vecchia generazione, grazie al processo produttivo a 28nm. Per quanto riguarda le prestazioni invece non temete, una 7850 vi garantirà parecchi anni di soddisfazioni.


SCHEDA AUDIO:Asus Xonar DX (circa 60€)
DSP Asus AV100 - Rapporto segnale/rumore 116db - 7.1 - PCIe 1x
Spesso in un pc la parte audio è quella che viene più ignorata, la maggior parte delle volte perché non si ha un impianto audio adeguato per poter sfruttare a pieno i vantaggi di una scheda audio dedicata. Se siete tra coloro che dispongono di un impianto audio di buona qualità, utilizzando questa scheda sarà come passare dal semplice rumore a qualcosa di ben definito. Questa scheda permette di emulare il sistema di posizionamento virtuale nei giochi e migliora significativamente la qualità audio di musica, film e qualsiasi suono vogliate riprodurre; dimenticatevi pure i chip integrati dopo questa.


HARD DISK:Western Digital Caviar Blue 500GB (circa 65€)
500GB - 7200 RPM
Anche per questa fascia ci troviamo costretti a "risparmiare" dal lato storage, ciò non toglie in ogni caso che sarà possibile aggiornare il sistema con un ben più performante SSD in futuro per avere un sistema di memorizzazione all'altezza del resto del PC; per ora comunque meglio rimanere con i piedi per terra con un semplice Caviar Blue da 500GB.


MOUSE:Sharkoon Fireglider (circa 25€)
3200 DPI - 6 Tasti programmabili - Peso Regolabile
Lo Sharkoon Fireglider è un mouse robusto, affidabile e dalle generose dimensioni; per un prezzo particolarmente vantaggioso rispetto a ciò che offre è la perfetta combinazione tra praticità e rendimento in-game. Questo mouse non avrà di certo funzioni complesse come gestione di macro o di profili, o altresì una personalizzazione di alto livello, ma per chi non pretende troppo sarà sicuramente un affare da non lasciarsi sfuggire.


TASTIERA:Microsoft Wired Keyboard 600 (circa 15€)
Una tastiera senza se e senza ma, senza particolari caratteristiche ne distinti pregi: insomma una normale tastiera da battaglia, comoda grazie ai tasti bassi, con i comuni tasti multimediali che risultano sempre funzionali e robusta quanto basta per consigliarla nella nostra rubrica. Tra le tante scelte nell'immensa fascia di prezzo in cui si trova, questa è quella che preferiamo e che vi consigliamo.

Cosa Migliorare?

Questa configurazione è quasi il top che si possa ottenere in modo equilibrato su tutti i fronti. Le migliorie possono venire applicate sul lato prestazionale grafico andando a montare una GPU più potente come una GTX 670 o una HD 7950, o ancora una delle due fiammanti GTX 680 o HD 7970. Aggiornamento più sensato però sarebbe innanzitutto un SSD, praticamente d'obbligo dato l'ormai abbordabile prezzo e l'immancabilità dello stesso in una configurazione come questa. Anche in questo caso potrete sbizzarrirvi scegliendo delle periferiche più consone al livello del PC che andrete ad acquistare.

FASCIA ALTA (Prezzo: circa 2000 Euro)

CASE: Corsair Graphite 600T Black/White (circa 150€/170€)
Mid Tower - 507mm x 592mm x 265mm - 3x Stock Fan
Non tutti possono permettersi o possiedono abbastanza spazio da scegliere un full-tower come case per il proprio pc, anche se di fascia enthusiast; ragion per cui consigliamo l'ennesimo prodotto Corsair, che ultimamente si sta accaparrando fette sempre più grosse di mercato, meritatissime a nostro avviso. Il Corsair Graphite 600T è un case mid-tower fuori e oseremmo dire full-tower dentro: la gestione dello spazio all'interno è perfetta, è capace di contenere qualsiasi cosa come configurazioni multi-gpu o impianti a liquido completi, la qualità costruttiva è ad altissimi livelli ovviamente per un prodotto di questa fascia, e la praticità d'uso ancor di più. All'interno troviamo dei fori completi di guarnizioni sulla piastra per l'alloggio della scheda madre per ottimizzare il passaggio dei cavi, in aggiunta alla classica finestra per sistemare il dissipatore della cpu senza smontare per intero il pc; nella parte dei bay ritroviamo l'utilizzo di soluzioni tool-free e la meno nota disposizione a cestelli rimovibili dei bay inferiori per guadagnare maggiore spazio nel caso ve ne fosse bisogno. Sempre all'interno, per il raffreddamento non avremo problemi, il case dispone di 3 ventole stock sul lato anteriore, superiore e posteriore, rispettivamente di 200, 200 e 120 mm, che potranno essere regolate da una manopola posta nella parte frontale del case. Da ultimo ma non per importanza, il design, decisamente troppo soggettivo per dare un parere, a noi pare un discreto accoppiamento tra aggressività ed eleganza che esprime solidità e qualità generale del prodotto; resta solo da scegliere: bianco o nero? A voi l'ardua sentenza.


ALIMENTATORE:Corsair AX1200 (circa 230€)
1200 watt - Cablaggio modulare
Ancora una volta ci affidiamo alla serie AX di Corsair, in questo caso però meglio puntare sul top di gamma se avete intenzione di aumentare le performance del vostro pc con una seconda scheda grafica in futuro, o perché no, anche una terza, e overclockare qualsiasi componente di cui disponiate senza avere alcun timore sui consumi del vostro sistema (magari solo per la bolletta, ma quello è un altro paio di maniche).


PROCESSORE:
Intel Core i7 2600K/2700K (circa 260/280€) oppure Intel Core i7 3770K (circa 310€)
Socket 1155 - 4 core fisici + 4 logici - 32nm/22nm
Superati in prestazioni solo dagli stessi esacore di Intel per socket 2011, gli i7 su socket 1155 sono ancora la miglior scelta che un utente possa fare se vuole il meglio in fatto di prestazioni a un prezzo umano. Scartiamo per principio la nuova fascia alta di Intel per via dei prezzi a dir poco fuori misura che la casa leader del momento propone -dai 500€ in su- a causa della mancata concorrenza di AMD. Le caratteristiche ovviamente sono sempre al top: per quanto riguarda il 2600K possiamo elencare una frequenza di clock di 3.4Ghz, 4 core supportati dalla tecnologia HyperThreading che permette l'esecuzione di 8 thread simultanei, e il moltiplicatore CPU sbloccato per chi vuole misurarsi in pratiche di overclock. Il 2700K differisce unicamente per la frequenza di base di 3.5Ghz, mentre per il 3770K vale lo stesso discorso fatto in precedenza con gli i5 in fascia media: se optate principalmente per l'overclock puntate ad un Sandy Bridge, se puntate alla novità e ai minor consumi buttatevi sul nuovo Ivy Bridge.


SCHEDA MADRE:Asus Maximus IV Extreme Z (circa 300€)
Socket 1155 - Chipset Intel Z68 - 4xDIMM DDR3 - 2xPCIe 16x + 2XPCIe 8x - 4xSATA2 - 2xSATA3 - 8xUSB2 - 10xUSB3
In attesa della nuova versione con chipset Z77, non c'è dubbio che la scelta per i veri appassionati in questa fascia rimane ancora la Maximus IV Extreme Z. Questa scheda è sicuramente la più ambita e desiderata dagli appassionati di gaming e di overclocking per via delle innumerevoli features uniche, le prestazioni superiori a qualsiasi altra scheda, la precisione infinitesimale e l'assoluta linearità con cui vengono gestiti i voltaggi e il look più accattivante di tutti. Questo fantastico pezzo di architettura tecnologica, tra l'infinita lista di features, possiede il chip nVidia nForce 200 che garantisce l'utilizzo di 2 slot PCIe funzionanti a 16x/16x o di 4 slot a 8x/8x/8x/8x; inoltre troviamo, come di consueto sulle schede della serie Maximus, il chip audio Asus Supreme FX, che è sicuramente un passo avanti rispetto ai soliti chip integrati delle schede più comuni se non volete comprare una scheda audio dedicata. Per chi ha qualche euro in più del normale da spendere, questa scheda è sicuramente una grossa soddisfazione e ne rimarrete soddisfatti al 100%.


RAM:Corsair Vengeance 4x4Gb Kit 1600mhz CL9 (circa 70€)
Kit 16Gb - 1600Mhz - CL9 - 1.5v
In questa fascia, dato il prezzo relativamente irrisorio rispetto al resto della configurazione, è preferibile abbondare con 16Gb di ram; chi può dire che non verrà mai usata o che un ramdisk non sia utile?


GPU:Nvidia GTX 680 (circa 520€) oppure AMD Radeon HD7970 (circa 450€)
Chip AMD Tahiti - 3078MB GDDR5 - 28nm / Chip GK104 - 2048MB GDDR5 - 28nm
Non c'è nulla da fare, il confronto è inutile, siamo davanti a due mostri di prestazioni. La GTX 680 è la regina delle schede video e viene proposta a un prezzo medio di circa 520€ cercando tra le proposte con dissipatori custom, mentre la rivale HD 7970 ha un costo decisamente inferiore, in alcuni casi anche di un centinaio di euro. Le prestazioni sono praticamente alla pari: AMD la vince per poco ad alte risoluzioni per via del quantitativo maggiore di memoria, mentre la scheda di casa verde la spunta a risoluzioni a cui siamo più abituati e sulle features proprietarie come Physx e CUDA. Volete queste features aggiuntive anche a costo di pagare di più? Optate per Nvidia, non vi interessano o volete giocare in configurazione multi-monitor? Optate per AMD.


HARD DISK:Crucial M4 128Gb (circa 120€)
Sequential Read: Up to 500 MB/s - Sequential Write: Up to 175 MB/s - 4KB Random Read: Up to 45,000 IOPS - 4KB Random Write: Up to 35,000 IOPS
L'abbassamento di prezzo notevole che il Crucial M4 ha subito gli permette di tornare a essere la scelta preferita di chi vuole un SSD. Non lasciatevi ingannare dai valori prestazionali dichiarati inferiori alla media degli SSD di fascia alta in circolazione, spesso difatti risultano gonfiati e calano esponenzialmente al riempimento degli stessi. Questa situazione al contrario non si verifica nell'M4 per l'utilizzo di un controller di memoria differente da quelli più comuni afflitti da questo problema e che permette di gestire meglio i dati all'interno dell'SSD, evitando l'enorme calo di prestazioni quando rimane poco spazio libero disponibile. Nonostante l'età superiore a quella dei concorrenti dunque, l'M4 ritorna a essere la scelta migliore per un PC performante in ogni situazione.


SCHEDA AUDIO:Asus Xonar D2X (circa 130€)
DSP Asus AV200 - Rapporto segnale/rumore 118db - 7.1 - PCIe 1x
Per quanto riguarda le schede audio abbiamo scelto la ASUS Xonar D2X, sorella maggiore della DX già consigliata in fascia media. Oggettivamente, a discapito dei comunissimi chip X-Fi montati su Creative e altre schede audio più commerciali, i DSP di Asus surclassano completamente la concorrenza in fatto di qualità audio. Rispetto alla Essence, la D2X possiede direttamente i collegamenti analogici 7.1 per non creare problemi a chi non dovesse possedere un collegamento digitale sull'amplificatore, necessario per veicolare segnali multicanale sulla Essence. Senza dubbio questa è una delle schede audio che più meritano in campo PC e vi darà grandi soddisfazioni accoppiata ad un impianto sonoro di gran valore.


MOUSE: Saitech Cyborg R.A.T. 7 (circa 75€)
5600 DPI - Completamente Programmabile - Doppia rotella - Peso Regolabile
Il non plus ultra in fatto di mouse da gioco. Il R.A.T. 7 può vantare il maggior grado di personalizzazione mai visto in una periferica: è possibile variare ogni centimetro del mouse per adattarlo alle proprie esigenze e alle proprie abitudini da gamer spostando le varie parti che lo compongono, rimuovendole o sostituendole con altre in dotazione. Oltre a ciò, il R.A.T. 7 dispone di ben due rotelle, una classica e una a scorrimento orizzontale, perfette per la navigazione o per utilizzarle come meglio preferite in-game, un pulsante "precision-aim" per la riduzione istantanea dei DPI e altri due tasti per scorrere tra i profili degli stessi; oltre ad altri quattro tasti laterali disposti in coppia su entrambi i lati. Ovviamente non può mancare un sistema di pesi per regolarne lo stesso e un software per la gestione dei profili, dei livelli di DPI e per la programmazione dei tasti.


TASTIERA: Razer Blackwidow (circa 80€)
Tastiera completamente meccanica - 5 tasti macro - Gestione profili e macro
La Razer Blackwidow è una tastiera diversa a quelle a cui probabilmente siete abituati, si tratta infatti di una tastiera meccanica. Rispetto alle tastiere convenzionali, che utilizzano una membrana sotto ai tasti, le tastiere meccaniche dispongono di piccoli switch metallici che si attivano alla pressione. Quindi in sostanza, "cosa cambia?" vi starete chiedendo. Cambia tutto. Il feeling che trasmette una tastiera meccanica è tutt'altra cosa rispetto a ciò a cui siete abituati. Ad ogni pressione di un tasto, il "click" dello switch presente sotto al tasto stesso vi da quasi la conferma che il tasto è stato effettivamente premuto, la leggerissima pressione necessaria per attivarlo vi faciliterà non poco in tutto ciò che dovrete fare, risparmiandovi enormi dosi di stress e di pazienza, e infine la durabilità, una tastiera meccanica di qualità è quasi eterna. Questi tipi di tastiere sono però spesso pensati esclusivamente per chi scrive, non per chi gioca. La Razer ha messo insieme questi due target, sfornando una tastiera meccanica ma con molte funzioni da gaming. La Blackwidow si avvale quindi di cinque pulsanti macro dedicati sul margine sinistro della stessa, e di un tasto funzione con cui utilizzare le classiche scorciatoie multimediali. Oltre a questo, il software per la gestione della tastiera è essenziale, vi permette infatti di gestire i profili (con possibilità di switch automatico in base all'applicazione) e le macro, da posizionare su qualsiasi pulsante della tastiera oltre che ai cinque dedicati. L'unica nota dolente è che il layout italiano non è previsto nemmeno dal sito ufficiale, ma per noi appassionati di pc utilizzare un layout tedesco, che è quello che più si avvicina al nostro, non dovrebbe essere un problema. In aggiunta, sono disponibili diverse versioni di questa fantastica periferica: la versione "Stealth" è costruita con switch meccanici più silenziosi di quelli montati sulla versione standard, che risultano effettivamente abbastanza rumorosi, mentre la versione "Ultimate" dispone di retroilluminazione. Esiste infine la versione "Ultimate Stealth" che accorpa entrambe le migliorie, ma ovviamente il prezzo ne risente.

Cosa Migliorare?

Si può migliorare anche la fascia alta? Ma certo! Sarebbe bene arrivati a questo punto di dotarsi di un sistema audio e di un monitor adeguati al livello del vostro PC e, in aggiunta, non dimenticatevi di inserire un hard disk in più tra le vostre righe, ma se l'avete già fatto ecco cosa potete aggiungere o migliorare alla vostra configurazione. Innanzitutto dotatevi di un impianto di raffreddamento ai livelli della vostra macchina, un impianto a liquido All-In-One come la serie Hydro di Corsair è di facile montaggio e non ha bisogno di manutenzione, ma vi garantirà eccellenti risultati e vi permetterà di sfruttare le sensazionali capacità in overclock di un PC di questo tipo. Se le prestazioni ancora non vi bastano, perché non inserire una seconda scheda video se il portafogli ve lo permette? Questa configurazione è in grado di supportare ben quattro schede video in parallelo se ve lo potete permettere.