Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio: tutti i segreti del primo SUV della Casa del Biscione

L'azienda italiana svela al Salone di Los Angeles il suo primo Sport Utility Vehicle. Un modello ad altissime prestazioni in arrivo entro aprile 2017.

speciale Alfa Romeo Stelvio Quadrifoglio: tutti i segreti del primo SUV della Casa del Biscione
Articolo a cura di

Il mercato dei SUV continua ad arricchirsi con nuovi ed interessanti modelli. Nelle ultime settimane vi abbiamo presentato diversi Sport Utility Vehicle, partendo dal Kia Niro ibrido, passando per il particolare 01 di Lynk&Co, fino ad arrivare al Peugeot 3008, con il suo design decisamente hi-tech.
Dal Salone di Los Angeles arrivano ora nuovi modelli come l'elettrico di Jaguar, l'I-Pace, che analizzeremo in un prossimo articolo, e soprattutto lo Stelvio di Alfa Romeo, nella sua variante più performante Quadrifoglio. Un modello tanto atteso dal mercato, basato sulla stessa piattaforma della Giulia. Scopriamo, quindi, tutte le caratteristiche di questo nuovo SUV partendo dal suo design.

Stelvio: design aggressivo nel tipico stile Alfa Romeo

Le somiglianze della Stelvio con la Giulia sono chiare sin dal primo sguardo; le due vetture, infatti, sono basate sulla medesima piattaforma e realizzate nello stesso stabilimento FCA di Cassino, in provincia di Frosinone. Per quanto riguarda le forme generali, la Stelvio adotta un frontale decisamente aggressivo con sfoghi in fibra di carbonio sul cofano. Assente, invece, lo spoiler inferiore che si abbassa in automatico alle velocità medio-alte presente sulla Giulia. Linee sportive anche sulla fiancata grazie alle minigonne e ai parafanghi allargati, ben riuscita anche la coda con spoiler sul tetto e quattro scarichi cromati. La Stelvio è lunga 4,68 metri, larga 2,16 (inclusi i retrovisori), mentre l'altezza è di 1,68 metri.
Per quanto riguarda gli interni, la plancia di questo SUV è molto simile a quella della Giulia, con la consolle rivolta verso il guidatore e lo stesso sistema di infotainment, denominato Connect 3D Nav, realizzato in collaborazione con Magneti Marelli. Passando all'abitacolo, lo spazio è abbondante anche dietro ed è in grado di ospitare cinque persone. Il bagagliaio, ampio e rifinito, ha una forma regolare, ma la sua capacità non è ancora nota.

Motore realizzato in collaborazione con Ferrari

Dalla Giulia, la Stelvio eredita il potente propulsore V6 2.9 biturbo da ben 510 CV, sviluppato in collaborazione con Ferrari, accoppiato alla trazione integrale Q4 (100% della coppia all'asse posteriore e fino al 60% su quello anteriore in caso di perdita di aderenza) con Torque Vectoring e cambio automatico a otto marce. Un propulsore decisamente performante in grado di garantire una velocità massima dichiarata di 285 km/h, con lo 0-100 km/h in 3,9 secondi. Lo schema sospensivo prevede doppi bracci oscillanti anteriori e multilink a 4 leve e mezzo al posteriore.
Tra le soluzioni tecnologiche presenti a bordo ricordiamo il selettore Dna Pro con modalità di guida Race che consente cambi marcia in soli 150 millisecondi. Lo Chassis Domain Control permette, invece, di coordinare il funzionamento del motore con trasmissione e assetto a controllo elettronico, in base ai dati raccolti dai vari sensori presenti sulla vettura. Oltre al potente motore della Quadrifoglio, ci saranno ovviamente altre motorizzazioni tra cui il 2.0 turbo benzina MultiAir da 280 CV e 400 Nm con cambio automatico a otto marce.

Allestimenti

Per quanto riguarda gli allestimenti, la versione Quadrifoglio si caratterizza per appendici aerodinamiche supplementari in fibra di carbonio, componenti alleggeriti e cerchi dedicati, impianto frenante carboceramico Brembo, sospensioni più rigide, sedili Recaro in fibra di carbonio (offerti come optional) e impianto audio Harman Kardon con una potenza di 900 Watt e 14 altoparlanti.
Negli USA è già stato annunciato anche l'allestimento entry level, semplicemente denominato Stelvio, con sedili in pelle e infotainment dotato di schermo da 6.5 pollici e cerchi in lega da 18". Sarà anche disponibile la versione TI con cerchi da 19", inserti in legno, infotainment con display da 8.8 pollici compatibile con Android Auto e Apple CarPlay. Infine ci saranno pacchetti optional denominati Lusso e Sport. Per quanto riguarda l'Europa, con tutta probabilità il nuovo SUV di Alfa Romeo sarà disponibile in vari allestimenti che ricalcheranno quelli della Giulia, con le versioni denominate Stelvio, Super, Business, Business Sport e Veloce. Ulteriori dettagli sui motori e sugli allestimenti per il nostro Continente saranno annunciati al prossimo Salone di Ginevra. L'Alfa Romeo Stelvio arriverà sulle strade italiane entro aprile 2017.

Alfa Romeo Stelvio Finalmente, anche Alfa Romeo si lancia nell’affollato segmento dei SUV. Questo modello era molto atteso dal mercato sin dal 2003, anno della presentazione al Salone di Ginevra della raffinata concept car Kamal. Il nuovo Stelvio, in versione Quadrifoglio, si andrà a scontrare con temibili avversari come la Porsche Macan, potendo contare su un motore realizzato in collaborazione con Ferrari e su un design decisamente riuscito con linee aggressive e sinuose. Un SUV, in definitiva, dalle prestazioni elevate, con una raffinata trazione integrale, ed equipaggiato con le più moderne tecnologie.