Asus Zenfone AR in Italia: realtà aumentata e virtuale in un top di gamma unico

Zenfone AR è uno smartphone che integra le tecnologie Tango e Daydream di Google, in Italia al prezzo di 899 euro.

speciale Asus Zenfone AR in Italia: realtà aumentata e virtuale in un top di gamma unico
Articolo a cura di
Andrea Zanettin Andrea Zanettin segue da sempre con passione tutto ciò che riguarda la tecnologia: qualsiasi cosa abbia un chip stuzzica la sua curiosità. Sviluppa anche applicazioni per vari sistemi operativi (sia su ambiente desktop che mobile). Potete seguirlo su Twitter, Instagram, Facebook e Google+.

ASUS ha annunciato la disponibilità sul mercato italiano di Zenfone AR, smartphone che integra le piattaforme dedicate alla realtà aumentata/virtuale Tango e Daydream di Google. Tango è un insieme di sensori e software che consente di usufruire della realtà aumentata su smartphone mentre Daydream è la piattaforma dedicata alla realtà virtuale di BigG, alla quale si accede solitamente utilizzando il visore View e un apposito controller. L'azienda con sede a Taipei ha dichiarato di voler puntare sempre di più sul campo AR/VR e questo è solamente il primo passo verso questa direzione. "La realtà aumentata è un settore in rapida crescita nel mondo delle tecnologie mobili e suscita un interesse costantemente in crescita negli utenti. ASUS e Google hanno collaborato e stanno ulteriormente sviluppando collaborazioni con aziende terze e realtà di spicco per offrire ai propri utenti esperienze evolute di realtà aumentata su smartphone", si legge nel relativo comunicato stampa. Lo smartphone in questione presenta, però, anche delle caratteristiche tecniche di tutto rispetto, a fronte di un prezzo di 899 euro.

Caratteristiche tecniche

A livello di caratteristiche tecniche, Zenfone AR monta un display Super AMOLED WQHD (2560x1440 pixel) da 5.7 pollici, un SoC octa-core Qualcomm Snapdragon 821 operante alla frequenza di 2.4GHz, una GPU Adreno 530, 6GB di RAM e 128GB (UFS 2.0) di memoria interna. Specifiche quasi da top di gamma quindi, e comunque in grado di regalare un'esperienza d'uso potenzialmente fluida e reattiva. Particolare il comparto fotografico, del resto le funzionalità legate alla realtà aumentata necessitano di un hardware dedicato. Troviamo una fotocamera posteriore Sony IMX318 da 23MP, in coppia con due fotocamere ausiliarie per tracciare il movimento e rilevare la profondità nello spazio; abbiamo poi una fotocamera anteriore da 8MP e una batteria da 3300 mAh. Sul fronte connettività, non mancano il supporto a 4G LTE, Wi-Fi 802.11ac dual-band, Bluetooth 4.2, NFC e USB Type-C. Il sistema operativo è Android 7.0 Nougat con ASUS ZenUI 3.0.

Funzionalità avanzate relative alla fotocamera

ASUS ha deciso di puntare molto sulla fotocamera con Zenfone AR e ha reso disponibili delle funzionalità progettate appositamente per essa. Tra queste, troviamo la tecnologia di messa a fuoco automatica TriTech con Phase Detection Auto-Focus (PDAF), pensata per una rilevazione istantanea dei soggetti. A questa si aggiungono la modalità Super Resolution, che permette di ottenere immagini dalla risoluzione di ben 92MP "combinando" quattro scatti nativi da 23 MP, e il supporto ai file RAW, per ottenere risultati ancora più di qualità e "non compressi". Immancabili la stabilizzazione ottica (OIS) ed elettronica dell'immagine (EIS) e la modalità manuale professionale, pensata per gli utenti più esperti.

Prezzo ed "esclusiva 3 Italia"

Zenfone AR può essere prenotato già da ora esclusivamente online sul sito di 3 Italia, con la quale ASUS ha stretto un accordo per commercializzare lo smartphone in questione nel mercato nostrano, e in abbinamento ad un'opzione ALL-IN scelta dall'acquirente. Il prezzo richiesto è di 899 euro e le spedizioni inizieranno a metà luglio. Ovviamente, il costo elevato è giustificato dalle particolari tecnologie inserite nel device, che lo rendono un prodotto più per gli sviluppatori che per il pubblico finale. La realtà aumentata del resto è ancora alle prime fasi del suo sviluppo e come nel caso del Lenovo Phab 2 Pro le funzionalità ad esse legate possono essere utilizzate al meglio, per ora, solo da coloro creano applicazioni di questo tipo.