Speciale Bracciali Fitness

Una panoramica sui migliori braccialetti fitness del mercato, per gli sportivi più esigenti e "high tech".

speciale Bracciali Fitness
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di
Davide Leoni Davide Leoni I videogiochi entrano nella sua vita alla fine degli anni ’80, ai tempi del primo incontro con Super Mario Bros, e ancora oggi ne fanno stabilmente parte, dopo più di 20 anni. Pregi e difetti: riesce a terminare Super Mario Bros 3 in meno di otto minuti ma non ha mai finito Final Fight con un credito... ci sta ancora provando. Lo potete seguire su Facebook e su Google Plus

Tra i tanti gadget tecnologici che hanno affollato gli scaffali dei negozi, sono apparsi prepotentemente anche i braccialetti per il fitness, comuni bracciali da polso progettati per registrare il consumo delle calorie bruciate in attività o monitorare il ciclo del sonno. Si tratta a conti fatti dell'evoluzione dei "vecchi" orologi usati dagli sportivi come contapassi o per tenere sotto controllo i battiti del cuore e le pulsazioni. Il mercato offre molti modelli, quasi tutti simili nelle funzionalità: in quest'articolo abbiamo deciso di concentrarci sui principali bracciali in commercio, evitando di citare progetti in fase embrionale, prodotti in via di sviluppo, o prodotti di difficile reperibilità. Prima di continuare, segnaliamo che tutti i bracciali funzionano in simbiosi con applicazioni per smartphone e tablet, che il più delle volte offrono funzionalità aggiuntive come la possibilità di condividere i propri risultati su Facebook, Twitter o community dedicate.

NIKE FUELBAND SE

Si tratta forse del più noto bracciale per il fitness in commercio, lanciato nel gennaio 2012 in America e venduto in Italia solamente online, per un brevissimo periodo nel novembre dello stesso anno. FuelBand purtroppo non è ufficialmente disponibile in Italia: il colosso dell'abbigliamento sportivo ha da poco rilasciato una versione aggiornata del prodotto (denominata SE, acronimo di Second Edition), ma è ancora chiaro se questo modello arriverà ufficialmente nel nostro paese. Se siete interessati ad acquistarlo online, sappiate che FuelBand SE costa 149 dollari ed è disponibile nei colori nero, nero/verde, nero/rosso e nero/arancione, nelle taglie S, M/L e XL. All'interno della confezione sono incluse delle maglie e un pratico strumento per aumentare e diminuire la lunghezza del bracciale secondo le proprie esigenze. Esteticamente è accattivante, un bracciale sportivo che può però essere indossato, senza sfigurare, anche fuori dalla palestra. La superficie nasconde inoltre un display a LED in grado di mostrare fino a venti colori diversi. Lo schermo si rivela utilissimo per mostrare lo stato di carica della batteria e le calorie bruciate in attività, inoltre è possibile visualizzare l'orario, tutto questo grazie alla pressione di un tasto. Il bracciale però non avrebbe alcuna utilità senza l'applicazione gratuita Nike+ FuelBand, disponibile solamente per iOS. Nike non sembra aver intenzione di rilasciare il software su Android o altri sistemi operativi, almeno per il momento.
Una volta acceso il bracciale, dovremo connetterlo al PC (o Mac) per la prima sincronizzazione e impostarlo con i nostri dati personali come altezza, peso e stile di vita. Fatto questo, sarà necessario registrarsi su Nike.com e creare il proprio profilo, adesso siamo abilitati a usare FuelBand per accumulare punti "Fuel", il concetto è semplice: per guadagnare punti è necessario muoversi il più possibile. Al raggiungimento di determinati obiettivi (ad esempio: 50.000 passi, 100.000 passi e così via) sbloccheremo delle particolari medaglie, il tutto è impostato proprio come un vero e proprio gioco, in modo da invogliare l'utente a raggiungere i traguardi più ambiziosi tramite il movimento fisico. L'applicazione mostra l'andamento dei propri progressi su base giornaliera e fornisce pratici grafici settimanali e mensili, in modo da monitare il proprio stato. Tutti i risultati possono essere condivisi sulla community di Nike Plus oppure sui principali social network.
A differenza di altri prodotti simili, FuelBand non riesce a monitorare il sonno, in compenso può funzionare come orologio e cronometro. Il bracciale è resistente all'acqua e agli schizzi ma non può essere usato per i bagni in mare, in piscina o sotto la doccia. Infine, la durata della batteria, con una sola carica è possibile usare il bracciale per 4/5 giorni (continuati), una ricarica completa richiede circa tre ore. NikeFuel Band SE è forse il prodotto più "stiloso" tra quelli presentati e la popolarità del marchio Nike ha aiutato non poco la diffusione di quest'oggetto, un vero e proprio cult negli Stati Uniti, amato non solo dai maniaci del fitness.

JAWBONE UP

UP di Jawbone è uno dei bracciali fitness più popolari, diffuso tra gli sportivi e tra tutti quelli che vogliono avere un quadro completo del proprio ciclo di sonno. Questo prodotto, a differenza del bracciale Nike, permette di tenere sotto controllo anche l'attività notturna, punto di forza notevole di questo device che può risultare decisivo all'acquisto. Il design è curato, anche se non particolarmente elegante, e la superfice zigrinata dona al prodotto un tocco moderno e dinamico. Leggero, poiché progettato per essere indossato giorno e notte, il bracciale è realizzato in materiale ipoallergenico clinicamente testato. Jawbone UP è disponibile nei seguenti colori: nero, grigio, azzurro, rosso, blu scuro, verde scuro, verde menta e giallo ocra, al prezzo di 129 euro.
Anche Jawbone, così come Nike, ha già lanciato la nuova generazione del suo bracciale: UP24 è disponibile per ora solo negli Stati Uniti; le differenze risiedono principalmente nel design, leggermente ritoccato, e nella presenza dello standard Bluetooth per trasferire e sincronizzare i dati in totale libertà. L'applicazione UP è disponibile per iOS e Android, il software dispone di una vasta gamma di funzionalità ed è possibile persino conoscere le calorie del nostro pasto semplicemente scattando una foto al cibo e controllando l'enorme database delle pietanze, in continuo aggiornamento. Prima di usare il bracciale è però necessario creare un profilo personale indicando dati come sesso, età, peso, altezza e stile di vita, necessari per calibrare UP sulla nostra persona. Tramite un apposito pulsante è possibile passare dalla modalità giorno a quella notturna, da attivare non appena decidiamo di andare a letto. Purtroppo l'attivazione manuale è una piccola seccatura e spesso può capitare di dimenticarsi di premere l'apposito tasto per cambiare il modo d'uso.
I dati forniti dall'applicazione sono molto accurati e ci permettono di conoscere il numero di calorie bruciate in attività e a riposo, oltre a scoprire quante ore abbiamo riposato, in quanto tempo ci siamo addormentati e quanto sono durate le fasi di sonno profondo e leggero. Dati utili per migliorare il proprio stile di vita, grazie a dei comodi grafici è possibile capire subito se dobbiamo compensare l'attività fisica e magari dormire qualche ora in meno.
Il bracciale è compatibile con tutta una serie di applicazioni di terze parti, come RunKeeper, MyFitnessPal, Withings, IFTTT, Strava, Sleepio, Lose It e GymPact, solamente per citarne alcune. In questo modo UP si trasforma in un assistente personale a 360 gradi, potendo fornire dati e informazioni non tracciabili con l'app ufficiale del produttore. Punto debole del bracciale è l'assenza del Bluetooth: per sincronizzare i dati è necessario collegare UP al telefono (o al tablet) tramite la presa jack per le cuffie con un connettore è nascosto da un tappo a pressione. L'operazione è generalmente molto rapida, ma è chiaro che l'assenza di un qualsiasi protocollo di comunicazione senza fili rende tutto più macchinoso. Di contro, la mancanza del display e del Bluetooth permette alla batteria di lavorare per 9/10 giorni pieni, il tempo di ricarica è stimato in 5/6 ore. Se l'assenza del protocollo Bluetooth è per voi un enorme fastidio, vi consigliamo di attendere la commercializzazione in Europa del modello UP24, dotato di questo standard.

FITBIT FORCE

Questo modello è l'evoluzione del Fitbit Flex, bracciale capace di monitorare l'attività fisica e il ciclo del sonno. La versione aggiornata di Flex può contare su molte caratteristiche interessanti, come la presenza di un piccolo display OLED capace adesso di visualizzare anche l'ora corrente, insieme ad altre informazioni utili. Mentre scriviamo Fitbit Force è disponibile solamente nel colore nero ma presto il prodotto sarà disponibile in altre tonalità come azzurro, rosa e verde. Il design è minimale (forse troppo) e può essere indossato in qualsiasi situazione senza dare nell'occhio. Il bracciale misura i passi, la distanza percorsa, i minuti di attività, le calorie bruciate e la qualità e quantità del sonno. Un prodotto completo che integra inoltre la funzione di sveglia tramite vibrazione. Prossimamente, tramite un aggiornamento firmware, sarà possibile anche visualizzare sul piccolo schermo eventuali chiamate perse sul cellulare (solo con iOS 7). Così come il FuelBand di Nike, anche Fitbit Force propone un sistema di ricompense basato sul numero di passi, in modo da stimolare i possessori del bracciale a muoversi il più possibile. Ovviamente i propri dati possono essere condivisi sui social network o con gli altri membri della community. Force è resistente ad acqua, pioggia e schizzi, secondo il produttore può essere utilizzato anche per nuotare al mare o in piscina, ma i sensori interni non riescono a registrare dati riguardanti quest'attività. La sincronizzazione dei dati avviene tramite Bluetooth, la batteria interna assicura circa sei giorni di autonomia, a fronte di un tempo di ricarica di circa 4 ore.
Un pregio del bracciale è la compatibilità con un gran numero di applicazioni sviluppate non solo da Fitbit, ma anche da terze parti, tutte disponibili per iOS e Android. La lista completa delle app supportate è disponibile sul sito di Fitbit, tra i software compatibili troviamo myKilos, MyFitLeague, FitTap, MyFitnessPal e Digifit, giusto per citarne alcune, ma l'elenco è in continuo aggiornamento. Fitbit Force arriverà in Italia nelle prossime settimane a un prezzo non ancora annunciato, negli Stati Uniti il costo è fissato a 129 dollari.

MISFIT SHINE

Altro prodotto che merita menzione è Misfit Shine, un sensore che può essere indossato in molteplici modi: al polso (grazie al bracciale incluso nella confezione) oppure agganciato alla cintura, alla tasca dei pantaloni o della camicia, o ancora alle scarpe o sul collo, come una collanina. In commercio sono disponibili molti accessori per utilizzare Shine come si preferisce. Il sensore è in vendita a 119 euro ed è molto leggero, realizzato in alluminio aeronautico, progettato per essere indossato giorno e notte. Basta toccare la superfice del prodotto per vedere accendersi una serie di LED che indicano i progressi della propria attività. Shine è progettato per misurare le calorie bruciate in varie attività sportive come corsa, camminata, arrampicata, bicicletta e nuoto. A differenza di altri prodotti, simili, con questo strumento è possibile nuotare tranquillamente (impermeabile fino a 100 metri), ottenendo dati sempre precisi. Shine inoltre registra l'attività notturna, in maniera però meno accurata rispetto a Jawbone UP e Fitbit Force. Grazie all'applicazione ufficiale, disponibile gratuitamente per iOS e Android, è possibile sincronizzare i dati raccolti dal sensore. Per eseguire quest'operazione basta appoggiare Shine sul telefono o tablet, il trasferimento dei dati partirà in maniera automatica, davvero molto comodo. Purtroppo l'app non è ricchissima di funzionalità e permette solamente di controllare i dati e condividerli su Facebook e Twitter. Poche funzioni quindi, ma tutte veramente chiare e immediatamente comprensibili.
Misfit Shine non ha la batteria ricaricabile, il sensore funziona con una pila a bottone, da sostituire ogni 4 mesi, stando alle indicazioni del produttore.

BASIS B1

Sembra un comune orologio da polso, invece Basis B1 è un sensore capace di tenere traccia di tutte le attività e del ciclo di sonno. Il prodotto è disponibile solo online sul sito ufficiale del produttore, il prezzo è fissato a 199 dollari, la confezione include anche un cinturino di colore nero mentre altri possono essere acquistati separatamente. Il design è effettivamente curato e non sfigura se confrontato a quello di altri prodotti della stessa categoria. Il sensore è altamente performante e può registrare anche i battiti cardiaci e le pulsazioni, per fornire un quadro generale ancora più preciso. L'ampio display (a toni di grigio) permette di visualizzare l'ora e informazioni come le calorie bruciate in attività. Per tutto il resto è necessario utilizzare l'applicazione dedicata Basis Fitness, scaricabile gratuitamente da App Store e Google Play. L'app - totalmente in inglese - è certamente ricca e ben fatta, capace di visualizzare un gran numero d'informazioni, dalle pulsazioni ai battiti del cuore, fino alle calorie bruciate in attività e a riposo, oltre al numero di passi. Il sensore può essere sincronizzato tramite Bluetooth su iOS e Android oppure usando un cavo USB per collegarlo a un PC o Mac.
Il prezzo è sicuramente elevato ma la qualità è alta, di certo ci troviamo di fronte ad un prodotto dedicato principalmente agli atleti che vogliono tenere sotto controllo il proprio quadro generale e migliorare le prestazioni tramite un assistente personale elegante e discreto.

LARKLIFE BAND

Iniziamo a dire che, purtroppo, Larklife Band non è disponibile in Italia. Il bracciale può essere acquistato sul sito ufficiale del produttore oppure presso un qualsiasi Apple Store sparso negli Stati Uniti, al prezzo di 149 dollari. Il prodotto viene venduto in tre diversi colori: azzurro, grigio e rosa, ed è compatibile solamente con iOS, grazie all'applicazione scaricabile liberamente da App Store. Il design è sobrio e minimale: al centro trovano posto otto LED capaci di indicare lo stato della batteria (ricaricabile) e dei propri progressi. Il bracciale può misurare i passi e tenere conto delle calorie bruciate in attività e a riposo, inoltre l'applicazione include un ricco database di alimenti, in questo modo sarà possibile controllare anche la quantità di calorie introdotte nell'organismo. Come tutti gli altri prodotti citati in quest'articolo (ad eccezione del Nike FuelBand SE), Larklife Band monitora anche l'attività notturna, svegliando l'utente con una discreta vibrazione in caso di sonno troppo prolungato. Larklife non dispone di molte funzionalità aggiuntive, il bracciale svolge alla perfezione il suo compito, l'applicazione è ben fatta, i menu sono intuitivi e di semplice comprensione, i dati raccolti però sono analizzati in maniera molto basica e non approfondita, purtroppo. La sincronizzazione avviene tramite Bluetooth, la batteria interna garantisce circa 5 giorni di autonomia e la ricarica completa richiede fino a 8 ore. In definitiva si tratta di un prodotto discreto, ma sicuramente limitato rispetto ad altre soluzioni simili, il tutto ad un prezzo non propriamente economico.

Bracciali fitness Quello dei bracciali per il fitness è un mercato interessante, in continua evoluzione, con progetti che nascono e muoiono nel giro di pochi mesi. In questo speciale abbiamo analizzato alcune soluzioni collaudate, adatte sia ai professionisti sia a chi vuole semplicemente analizzare e migliorare il proprio stile di vita. Tra i bracciali proposti, Nike FuelBand SE è forse quello più interessante per la maggior parte delle persone, sebbene non sia compatibile con Android e non riesca a tenere traccia del sonno. Altri prodotti come Jawbone UP e Fitbit Force si rivelano adatti a chi cerca un assistente personale completo. Si tratta di bracciali esteticamente gradevoli e ricchi di funzionalità, perfetti per tenere sotto controllo la propria attività fisica, divertendosi. La scelta, come avrete intuito, è notevole, in commercio ci sono moltissimi modelli, quasi tutti equivalenti a livello di funzionalità. La vera differenza la fanno le applicazioni e in questo senso UP e Force si dimostrano in netto vantaggio rispetto alla concorrenza. Altro fattore da non sottovalutare è la durata della batteria: in questo senso i modelli senza display e Bluetooth assicurano un’autonomia maggiore, pur essendo magari meno pratici, poiché è necessario connetterli al PC o al dispositivo portatile per vedere i dati tracciati. Nella scelta del proprio bracciale non si può trascurare l’estetica, ma in questo caso ovviamente si tratta di gusti puramente personali; difficile dare un consiglio in questo senso, mentre per quanto riguarda i prezzi, questi sono abbastanza allineati tra loro, e per dotarsi di un buon bracciale è necessario spendere più di 100 euro. In definitiva non si tratta di accessori indispensabili, ma un sensore di movimento può risultare utile in moltissime situazioni, anche per i più pigri, che saranno motivati e stimolati grazie ai sistemi di medaglie e ricompense. Un valido aiuto per combattere lo stile di vita sedentario, spesso causa di patologie importanti come l’obesità.