CES 2017: i dieci dispositivi che cambieranno in meglio il prossimo futuro

Di anno in anno, non c'è vetrina migliore per sbirciare la “tecnologia che sarà” del CES di Las Vegas: ecco i nostri 10 dispositivi del cuore.

speciale CES 2017: i dieci dispositivi che cambieranno in meglio il prossimo futuro
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Il settore tecnologico è sicuramente il più attivo e dinamico dei nostri tempi, non c'è praticamente altro che corra alla medesima velocità. Un autentico oceano fatto di idee funzionali, strambe, futuristiche, all'interno del quale si anima ciò che avverrà nei prossimi anni, cosa lasceremo entrare nelle nostre case, ciò che farà giocare i nostri figli. Di anno in anno, non c'è vetrina migliore per sbirciare la "tecnologia che sarà" del CES (Consumer Electronic Show) di Las Vegas, letteralmente uno spettacolo Hi Tech attraverso cui ammirare le novità in arrivo nel corso dell'anno appena iniziato, dallo smartphone avanzato alla concept car che sembra arrivare dal set di Blade Runner, il capolavoro di Ridley Scott. Terminata l'8 gennaio scorso, l'ultima edizione ha saputo - come tradizione - regalarci preziose perle tecnologiche, dispositivi che ogni appassionato sogna di avere fra le mani il prima possibile; abbiamo selezionato i dieci più accattivanti e promettenti, se avete adocchiato qualche altra folle idea non mancate di segnalarla nei commenti.

Sleep Number 360 Smart Bed

Di oggetti strambi ad ogni edizione del CES se ne vedono davvero molti, pochi di questi però risultano poi davvero utili e indispensabili. Probabilmente lo Sleep Number 360 Smart Bed rappresenta un'ottima eccezione, poiché potrebbe davvero trattarsi del letto del prossimo futuro. Ogni casa, fra 10-15 anni, potrebbe averne uno simile, capace di "ascoltare" e analizzare il nostro sonno, muovendosi e seguendo i movimenti del nostro corpo per farci dormire sempre nella posizione corretta. Ci sposta leggermente se iniziamo a russare, ci riscalda i piedi nei giorni di freddo estremo, ci indica la strada quando ci alziamo in piena notte per andare in bagno, grazie a dei LED montati nella parte inferiore. Tutti i dati che riesce a raccogliere inoltre si possono tranquillamente visualizzare sullo schermo del nostro smartphone.

Lego Boost

Da piccoli, al sicuro nei nostri cari anni '80 e '90, ricevere un galeone LEGO a Natale significava raggiungere vette di felicità estrema e inarrivabile. I bambini di oggi però potrebbero non accontentarsi, soprattutto alla vista della nuova serie di giocattoli LEGO Boost: piccoli e complessi robot, da costruire e animare grazie a una companion app su smartphone e tablet. Stazioni spaziali, gatti, androidi, fatti di mattoncini fuori, sensori e motori dentro. Tutto è allo stesso tempo semplice, creativo e flessibile, praticamente tutto ciò che un bimbo 3.0 possa desiderare.

Aira

Il progetto Google Glass è definitivamente crollato, Big G non è riuscita a raggiungere risultati soddisfacenti entro i limiti di tempo prestabiliti, eppure esiste un'applicazione che cambia completamente il modo di utilizzare gli occhiali del futuro. Aira funziona sia sui prototipi di Google Glass che sui Vuzix Glass ed è un assistente eccezionale per tutte quelle persone che soffrono di problemi alla vista, i suoi creatori lo definiscono infatti un "interprete visivo". Il software fornisce dei video in real time dell'ambiente che ci circonda, sfruttando a pieno i dati di Google Maps e guidandoci attraverso incroci, negozi, strade e quant'altro. In caso di necessità, degli agenti possono intervenire in remoto 12 ore al giorno, un servizio che costa soltanto 40 centesimi al minuto. Un software dunque rivoluzionario che potrebbe cambiare la vita di molte persone in futuro, al momento in fase di test.

Honda Riding Assist

In ambito tecnologico si parla continuamente di auto dalla guida autonoma, negli Stati Uniti esistono già molti modelli attivi sulle strade e ce ne saranno sempre di più in tutto il Mondo. Honda però ha pensato anche alle moto, sviluppando insieme a UniCub e Asimo Robot una tecnologia chiamata Riding Assist: una moto dotata di questo sistema è in grado di rimanere in equilibrio da sola, senza alcun aiuto umano, il che si traduce in sicurezza estrema in fase di guida. Si evitano errori e cadute, scivolate e slittamenti, magari togliendo un po' di divertimento al pilota, ma diminuendo esponenzialmente la possibilità di avere incidenti.

Zera Food Recycler

La maggior parte delle metropoli del mondo è afflitta da un grande problema, i rifiuti. Nel nostro Paese soprattutto si fa una grande fatica a smaltire tutto ciò che si butta via, anche perché abbiamo pessimi voti nel settore riciclo. Se in campagna si può almeno gettar via l'umido nella propria terra, creando dell'ottimo compost, in città ci si può affidare allo Zera Food Recycler, creato dagli ingegneri 2.0 di Whirlpool. Quella che sembra una semplice pattumiera, trasforma tutti gli scarti umidi in ottimo fertilizzante nel giro di una settimana, riducendo così il carico di spazzatura da portare all'esterno. Il fertilizzante può poi essere usato per alimentare le piante all'interno e all'esterno dell'abitazione, oppure per un orto fai da te direttamente nella vostra terrazza, del resto è l'ultimo trend nelle metropoli più affollate.

Kingston DataTraveler Ultimate GT

Se all'alba dell'informatica un hard disk da 5 MB richiedeva 4-5 persone per essere spostato da un luogo all'altro, poiché grande quanto due lavatrici sovrapposte, nel futuro di Kingston c'è la pen drive dei nostri sogni: in appena 72x27x21 millimetri di spazio, la DataTraveler Ultimate GT è capace di conservare 2 TB di dati, letti e scritti su PC a grande velocità grazie all'USB 3.0. Un capiente hard disk da portare nel taschino, pronto a conservare tutti i nostri documenti, film in 4K e le fotografie ad alta risoluzione più preziose (certo, viste le dimensioni, meglio avere comunque un backup sulla scrivania).

Tanvas Touchscreen

Il 9 gennaio 2017 l'iPhone di Apple ha compiuto dieci anni, dal quel primo e storico pannello multi-touch ad uso consumer sono cambiate molte cose, siamo arrivati a perfezionare all'estremo sia la tecnologia IPS che - soprattutto - la OLED, destinata a dominare il futuro. Con l'uscita dell'iPhone 6s, Apple ha inoltre spinto ancora oltre il concetto di touchscreen, presentando il 3D Touch, al CES 2017 però si è visto qualcosa di ancora più estremo. Pensiamo al Tanvas Touchscreen, un pannello in grado di far percepire al nostro tatto la rigidità dei tessuti e delle superfici. Una rivoluzione che potrebbe aprire a infinite possibilità nei prossimi decenni, soprattutto in campo tessile e nel settore abbigliamento, per non parlare dell'intrattenimento.

Kuri

Se siete cresciuti con il mito di R2-D2 di Star Wars, ravvivato lo scorso anno dallo splendido BB-8, preparate a far spazio nel vostro cuore al piccolo Kuri. Il nuovo robottino di Mayfield Robotics riempirà la vostra casa come nessun cucciolo abbia ancora fatto, anche perché nessun animale possiede due fotocamere al posto degli occhi ed emette suoni adorabili come fossimo sulla superficie di Tatooine. Kuri si muove in autonomia fra le mura domestiche grazie al laser, monitora tutto ciò che accade e vi avvisa sullo smartphone se sta succedendo qualcosa di insolito. Grazie ai microfoni incorporati capisce perfettamente ciò che dite, può tenere compagnia ai più piccoli e metterli al letto leggendogli le storie della buonanotte. Del resto somiglia molto ad un assistente vocale disegnato dalla Pixar, un piccolo Wall-E realmente funzionante che reagisce al tocco ed esprime emozioni tramite le fessure degli occhi meccaniche. Bastano 700 dollari per vivere immediatamente in una galassia molto lontana.

Sevenhugs Smart Remote

Se dovessimo scegliere una parola che meglio interpreta i nostri tempi, probabilmente opteremmo per "connesso". Siamo ormai circondati da dispositivi connessi, dallo smartphone siamo arrivati agli elettrodomestici casalinghi, passando per gli orologi, i termostati e le tapparelle di casa, e prossimamente andrà sempre "peggio". Molti di questi oggetti richiedono un'app per funzionare, oppure hanno un telecomando dedicato, motivo per cui abbiamo una vera e propria collezione di controller remoti sul tavolino da caffè. Il comando wireless di Sevenhugs ci semplifica la vita, riuscendo a controllare da solo 25.000 oggetti connessi disponibili sul mercato. Dalla lampada arcobaleno LED al TV 4K, un solo oggetto per domarli tutti, il sogno di ogni maniaco della tecnologia che si rispetti.

Energous WattUp

Samsung, così come altri produttori del settore smartphone, ha da tempo presentato una soluzione di ricarica senza fili per i suoi dispositivi. Persino Apple ha adottato un modulo di ricarica "al tocco" per il suo Apple Watch, finora però si è sempre trattato di tecnologie ancora troppo legate ad un cavo. WattUp di Energous potrebbe finalmente portare nelle nostre case la vera, autentica ricarica wireless, grazie ad un sistema in grado di ricaricare diversi dispositivi in un ampio raggio (qualche metro). Un singolo modulo installato in una stanza può ricaricare tutti i dispositivi al suo interno, lo smartphone poggiato sulla scrivania come il mouse, lo smartwatch, la tastiera, le cuffie bluetooth. In pratica si annullano finalmente, e per davvero, i noiosi cavi. La parte più interessante di questa "storia" è che Energous ha già stretto diversi accordi con numerosi produttori, segno che il 2017 potrebbe essere davvero l'anno in cui i dispositivi che utilizziamo di più riusciranno a ricaricarsi da soli, senza alcun filo, prolunga, adattatore e quant'altro.