Cos'è la telemetria nei driver NVIDIA?

Quello telemetrico è un sistema inserito nella nuova versione dei driver NVIDIA, che ha destato numerose preoccupazioni fra gli utenti GeForce

speciale Cos'è la telemetria nei driver NVIDIA?
Articolo a cura di
Daniele Vergara Daniele Vergara viene alla vita con un chip Intel 486 impiantato nel cervello, a mo' di coprocessore. E' più che entusiasta di tutto ciò che riguarda la tecnologia intera e i videogames, con un occhio di riguardo verso l'hardware PC e l'overclocking. D'inverno ama snowboardare, macinando km e km di piste. Lo trovate su Facebook, Twitter e Google+.

Nelle ultime release driver, NVIDIA ha introdotto la cosiddetta telemetria, una funzione che ha di primo acchito spaventato alcuni utenti. Molti di questi hanno accusato l'azienda di Santa Clara di invadere la loro privacy, proprio attraverso i sistemi di telemetria. NVIDIA ha risposto alla questione, negando tutto in maniera categorica, ed in effetti è così. La telemetria non è un metodo per spiare gli utenti, ma un sistema che si rivela addirittura fondamentale per il corretto funzionamento delle schede grafiche GTX - almeno a detta della società. Le accuse degli utenti sono quindi poco fondate, ma in questo articolo vogliamo fare chiarezza sulla vicenda consentendo di comprendere il motivo per cui NVIDIA ha introdotto questa funzione.

Non c'è da preoccuparsi

Tutto è cominciato quando un utente ha scoperto che gli ultimi driver di NVIDIA aggiungono un "NVIDIA Telemetry Monitor", associato ad un processo noto come NvTmMon.exe. Spaventati dalle fattezze di questo task, alcuni giocatori hanno consigliato di disabilitare il processo, ma un monitoring più accurato dimostra che attualmente la telemetria è inattiva e non trasmette alcun dato. In altre parole, il processo in questione dei driver NVIDIA non fa assolutamente nulla, e disabilitarlo non inficia su nessun componente della suite della società. Un aggiornamento futuro dei driver potrebbe renderlo operativo e far sì che la telemetria porti effettivamente a termine qualche compito, oppure l'azienda sta semplicemente aspettando il momento giusto per integrarla nel software GeForce Experience, ma per adesso non c'è nulla da temere.
La questione che ha maggiormente messo in allarme gli utenti è stato un passaggio delle politiche di privacy di NVIDIA, che sintetizziamo come segue: "NVIDIA potrebbe collezionare i vostri nomi, indirizzi, email, numero di telefono e indirizzi IP, per condividere queste informazioni con i suoi business partner, rivenditori, affiliati, fornitori di servizi, partner di consulenza ed altri. Queste informazioni possono essere combinate con la navigazione in Internet e i cookie, e utilizzate da NVIDIA stessa sulla rete di advertising". Un testo non molto rassicurante per i possessori di GPU GeForce, ma la risposta dell'azienda non è tardata ad arrivare: "NVIDIA non condivide nessuna informazione personale collezionata da GeForce Experience al di fuori delle mura di casa. NVIDIA potrebbe condividere alcune informazioni aggregate con partner selezionati, ma nessun dato personale. [...] I dati aggregati si riferiscono alle informazioni circa un gruppo di utenti piuttosto che il singolo individuo. Per esempio è un'informazione di tipo aggregata quella che afferma che ci sono oggi 80 milioni di utenti che utilizzano GeForce Experience".

Quali dati colleziona la società di Santa Clara

L'applicazione GeForce Experience, per come è costruita, ha bisogno di alcuni dati per poter funzionare correttamente. Quando per esempio deve andare alla ricerca di nuovi driver, il sistema deve obbligatoriamente controllare la versione del vostro sistema operativo, e che release driver possedete attualmente.
Per scannerizzare i giochi installati e suggerire i settaggi ottimali, NVIDIA GeForce Experience ha bisogno di conoscere i titoli presenti nel vostro computer e l'hardware che il vostro case ospita. La società di Santa Clara, quindi, colleziona già alcune informazioni riguardanti il vostro computer, ma in merito a ciò NVIDIA ha così precisato: "La natura delle informazioni collezionate è rimasta consistente sin dall'introduzione di GeForce Experience 1.0. I cambiamenti introdotti con GeForce Experience 3.0 impongono l'analisi dei dati in real time, ed è questo che probabilmente ha portato un po' di confusione fra gli utenti".
Alcuni giocatori si sono muniti di Wireshark, un applicativo utilizzato per effettuare lo sniffing dei pacchetti dati che entrano ed escono da una rete. In sostanza essa è in grado di mostrare a schermo tutto ciò che il vostro computer sta inviando su internet e, tramite Wireshark stesso, si è scoperto che NVIDIA condivide solo i seguenti dati: GPU montata nel vostro PC, monitor e risoluzione attualmente utilizzati, settaggi dei driver utilizzati (ad esempio se è attivato il G-Sync, se l'anti-aliasing driver...), i videogiochi installati, le impostazioni grafiche dei vostri titoli, la quantità di RAM, il modello della CPU, la scheda madre e la versione del suo BIOS. Questi sono i dati che GeForce Experience invia alla società di Santa Clara, ed effettivamente sono quelli che ci aspettavamo e che servono al corretto funzionamento della suite software di NVIDIA.

NVIDIA Per quelli più scettici la telemetria si può anche disattivare, ma - come già detto - questa operazione non influisce su nessuna sezione dei driver: non cambia praticamente nulla. Per farlo c’è bisogno di andare sul firewall di Windows ed impedire la connessione a NVIDIA GeForce Experience, ma chiaramente quest’operazione ha dei contro: il software non sarà più in grado di controllare, ad esempio, le nuove versioni dei driver, le ottimizzazioni suggerite per i titoli smetteranno di funzionare e tutto ciò che ha bisogno di una connessione non potrà più essere utilizzato. Per questa motivazione vi suggeriamo di non impedire la connessione a GeForce Experience, in quanto avere sempre gli ultimi driver aggiornati è una pratica decisamente funzionale. Per adesso non c’è nulla di cui preoccuparsi quindi, e tutti i dati collezionati da NVIDIA servono effettivamente per il funzionamento della sua suite software.