Dalle GPU Vega alle CPU Ryzen Mobile, gli annunci dell'AMD Financial Analyst Day

L'azienda di Sunnyvale ha diffuso importanti informazioni su tutti i prodotti e le tecnologie che vedremo nei prossimi mesi.

speciale Dalle GPU Vega alle CPU Ryzen Mobile, gli annunci dell'AMD Financial Analyst Day
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Il 2016 e il 2017 sono molto importanti per AMD. Dopo un periodo non certo positivo, l'azienda di Sunnyvale è riuscita a tornare competitiva nel mercato delle GPU di fascia media con l'architettura Polaris, mentre nel settore delle CPU l'arrivo di Ryzen ha portato una ventata d'aria fresca in un mercato che per troppo tempo ha visto un solo protagonista. Ieri, durante il Financial Analyst Day, AMD ha diffuso però nuove informazioni su tutti i prodotti e le tecnologie che vedremo nei prossimi mesi, che andranno ad affrontare Intel con nuove CPU e NVIDIA con nuove GPU di fascia alta.

I nuovi processori e le GPU Vega

Le novità saranno corpose nei prossimi mesi, e non tutte riguardano la gamma Ryzen. Prima di parlare degli altri processori annunciati, partiamo con una panoramica delle prossime evoluzioni di questa architettura. Le CPU Zen 2 arriveranno nel corso del 2018 e adotteranno un processo produttivo a 7 nanometri; il 2020 invece sarà quello dei processori Zen 3, realizzati con un processo produttivo a 7 nanometri Plus. Non ci sono dettagli in merito, ma la diminuzione della dimensione dei transistor lascia presupporre un aumento delle frequenze di clock, minori consumi e in generale una maggiore efficienza. L'avanzamento tecnologico inoltre permetterà probabilmente un aumento del core count, che dagli attuali 8 dei modelli Ryzen di punta potrebbero passare anche a 12 o 16.
A proposito di Ryzen, nel 2017-18 arriveranno sul mercato nuove versioni, adatte a diversi tipi di utenza. Partiamo da Ryzen Mobile, fondamentali per recuperare il terreno perso da AMD nel segmento laptop. Le CPU Ryzen Mobile integreranno al massimo 4 Core e una GPU Vega, per prestazioni superiori di circa il 50% rispetto agli attuali modelli. Diverso invece l'approccio con le CPU Ryzen Pro, indirizzate all'ambito business, in arrivo anche queste nello stesso periodo. Saranno dedicate alla realizzazione di PC pre-assemblati aziendali, molto importanti visti gli alti volumi di vendita che sono in grado di generare.
Le novità per Ryzen terminano qui, anche perché AMD non ha diffuso i dati completi sui nuovi prodotti, ma gli annunci nel campo delle CPU non sono finiti. Threadripper è un nuova gamma di processori pensata per dare l'assalto a Intel nella fascia altissima del mercato. In questo caso, abbiamo fino a un massimo di 16 core e 32 thread, nonché un nuovo socket e una nuova piattaforma che prende il nome di Whitehaven, dotata di un numero maggiore di linee PCI Express e del supporto al Quad-Channel per le DDR4. Nessuna informazione è arrivata sulla disponibilità effettiva di questa nuova linea di prodotti, che sarà svelata al Computex 2017. In ambito server AMD è tornata a parlare dei processori Naples, che faranno parte di una linea di prodotti chiamata EPYC, nome ufficiale scelto per identificare queste CPU. Si tratta di modelli con 32 core e 64 thread nelle configurazioni più potenti, in grado di supportare al meglio le 128 linee PCI Express a loro disposizione.

Passando invece alle GPU, la roadmap mostrata da AMD, che ha anche confermato l'arrivo della prima GPU Vega consumer a giugno, evidenzia il nome della prossima architettura che vedremo nel corso del 2018, Navi, il successore di Vega. Navi sarà prodotta con un processo produttivo a 7 nm, mentre nel 2020 arriverà una nuova architettura che sfrutterà invece i 7nm+, il cui nome non è ancora stato deciso. Interessante anche l'annuncio della Radeon Vega Frontier Edition, una scheda per l'utilizzo professionale indirizzata a scienziati, ingegneri e designer. Questa integra una GPU Vega composta da 64 Compute Unit e ben 16 GB di memoria HBM2, capaci di sprigionare 13 teraflops di potenza con calcoli in virgola mobile a singola precisione.

AMD Gli annunci fatti da AMD, per quanto privi di molti dettagli tecnici, mostrano diversi scenari interessanti che vedremo nei prossimi mesi. In ambito professionale, AMD si vuole mettere alla pari con Intel nel settore dei processori, dopo gli ottimi risultati ottenuti dalle CPU Ryzen. In quello delle GPU invece giugno sarà un mese cruciale, con Vega che sarà finalmente messo alla prova nel concreto, dopo mesi di attesa. A nostro avviso, molto importante sarà anche Ryzen Mobile, un processore che potrebbe abbassare di molto il costo di accesso ai notebook gaming di fascia bassa e medio-bassa, integrando al suo interno una GPU Vega. Vedremo se queste saranno abbastanza performanti da garantire un gaming fluido in 1080p al massimo del dettaglio, ma se ci riusciranno, allora AMD potrebbe avere in mano la chiave di volta per penetrare in modo efficace in un settore in forte crescita, quello appunto dei laptop da gioco, che interessa ormai tutti i più grandi produttori di notebook.