Ferrari F1 2017, tra nuovi regolamenti tecnici e speranze di riscatto

La Casa del Cavallino Rampante ha presentato la sua nuova monoposto denominata Ferrari SF70H, in onore dei settant'anni della Scuderia di Maranello.

speciale Ferrari F1 2017, tra nuovi regolamenti tecnici e speranze di riscatto
INFORMAZIONI SCHEDA
Articolo a cura di

Il prossimo campionato di Formula 1 si aprirà con varie novità, sia sul piano tecnico sia nelle griglia di partenza. Tra i piloti non ci sarà, come noto, l'attuale campione del mondo Nico Rosberg, che ha annunciato il suo ritiro al termine della scorsa stagione. Inoltre interessanti novità arrivano dal nuovo regolamento tecnico che ha cambiato in modo significativo l'aspetto delle vetture del 2017. In questo contesto di cambiamento si inserisce la nuova Ferrari SF70H, la monoposto che avrà l'arduo compito di riportare in alto il nome della Casa di Maranello, dopo anni di cocenti delusioni.

Le novità del regolamento 2017

Le Formula 1 del prossimo anno presenteranno una maggiore ampiezza degli pneumatici. All'anteriore le gomme passeranno da 245 a 305 millimetri, mentre al posteriore le dimensioni verranno incrementate da 325 a 405 mm. Aggiornamenti che porteranno una maggior velocità soprattutto in percorrenza di curva, con i tempi sul giro ridotti anche di 4-5 secondi. Modifiche regolamentari sono previste anche per i motori, sempre dotati di tecnologia ibrida. Nel 2017 team e piloti disporranno solamente di 4 unità da utilizzare per tutta la durata del campionato, un propulsore in meno rispetto al 2016. Saranno, inoltre, eliminati i cosiddetti "gettoni di sviluppo". Ogni azienda produttrice di propulsori avrà la possibilità di sviluppare liberamente i propri motori per incrementare l'affidabilità e le performance. Novità anche per la quantità di benzina utilizzabile da ciascuna vettura che passa da 100 a 105 Kg totali. Il nuovo regolamento andrà anche a modificare in modo significativo l'aerodinamica delle monoposto. L'ala anteriore avrà maggiori dimensioni ed un profilo a freccia, mentre quella posteriore sarà anch'essa più larga, ma al contempo più bassa. Cambieranno anche il fondo delle vetture e le misure del diffusore posteriore, che diventerà più ampio, con le monoposto che saranno complessivamente più larghe, passando da 1800 mm a 2000 mm. Infine verrà concessa maggiore libertà di sviluppo aerodinamico nella zona compresa tra la ruota anteriore e l'inizio delle pance.

Ferrari SF70H: tutte le principali novità aerodinamiche

ll nome della SF70H è un omaggio ai 70 anni della Ferrari, con la "H" ad indicare la tecnologia Hybrid del motore. Una monoposto nata seguendo il nuovo regolamento tecnico del 2017 che ha mutato in modo significativo l'aspetto delle vetture. La nuova Ferrari si differenzia dal modello del 2016 già nella livrea che presenta molto meno bianco rispetto alla stagione precedente. Colore utilizzato in particolare sulla grossa pinna posizionata sul cofano motore dove è anche presente una sottile striscia tricolore. Inoltre i più attenti noteranno anche il quadrifoglio verde di Alfa Romeo posizionato sul posteriore della vettura.
Passiamo ora all'analisi delle principali novità aerodinamiche della Ferrari SF70H, vettura che sarà ulteriormente aggiornata nei prossimi test di Barcellona e con l'inizio del campionato, con la prima gara che si svolgerà a Melbourne, in Australia, il prossimo 26 marzo. Partiamo dal muso, elemento molto simile a quello visto sulla SF16-H dello scorso anno. La Ferrari ha mantenuto il muso corto con la particolare protuberanza frontale e i piloni larghi che sorreggono l'ala anteriore, di dimensioni maggiorate, forma a freccia ed aerodinamica similare a quella montata nel 2016. Tra le maggiori novità del frontale, ritorna dopo diversi anni il sistema "S Duct" che incanala l'aria da sotto il naso espellendola al di sopra della vettura, all'altezza delle sospensioni anteriori. Zona dove sono state collocate delle piccole ali subito dietro le camere on board.
Sulla nuova Ferrari F1 2017 è stato, inoltre, rivisto l'alloggiamento delle sospensioni, che mantengono lo schema a puntone (push-rod) davanti e a tirante (pull-rod) sul retrotreno. Passiamo ora alla parte centrale della vettura, probabilmente la più interessante. Già al primo sguardo si notano le nuove prese d'aria del motore sulle fiancate in posizione rialzata e dalla forma diversa, ora più larghe e ovali, con pance molto scavate per incanalare verso il posteriore un maggior flusso d'aria. Presenti anche nuovi deviatori e profili davanti le pance con una diversa forma degli specchietti.

Per quanto riguarda l'airscope (la presa d'aria dietro la testa del pilota), Ferrari ha seguito la stessa filosofia progettuale della vettura dello scorso anno. Infine le fiancate molto rastremate e leggermente più strette rispetto alla monoposto del 2016. Se confrontata con la nuova Mercedes, la SF70H utilizza un passo meno lungo; caratteristica che potrebbe però essere modificata nei prossimi sviluppi della vettura. In conclusione occupiamoci del posteriore dove spicca la grossa pinna (soluzione aerodinamica presente anche in altre vetture) sulla cui sommità è stata posizionata una piccola aletta, utile a migliorare il flusso d'aria verso la coda. Qui troviamo la nuova ala con dimensioni e forme diverse rispetto allo scorso anno a causa dei nuovi regolamenti tecnici. Un alettone che con tutta probabilità presenterà presto degli aggiornamenti. Si può, comunque, notare l'impiego del doppio pilone centrale che sostituisce il singolo elemento impiegato nel 2016. Infine non manca il "monkey seat" (la piccola struttura aerodinamica all'estremità posteriore della vettura) dalla forma completamente rivista.

Ferrari F1 2017 Il nuovo regolamento 2017 ha cambiato notevolmente l’aspetto delle nuove Formula 1, definite ora dei “mostri di aerodinamica” con prestazioni che dovrebbe migliorare in modo sensibile rispetto allo scorso anno, anche di cinque secondi al giro. Dalle prime analisi, la Ferrari SF70H è una vettura più convenzionale rispetto alla nuova Mercedes W08, che adotta ad esempio pance più rastremate. Inoltre secondo gli ultimi rumor, la Ferrari potrebbe essere già al lavoro su una versione “B” della vettura 2017 caratterizzata da un passo più lungo ed un'aerodinamica migliorata.