Speciale Google Inbox per Gmail

Il nuovo client di posta di Google che cambia il modo in cui gestiamo le mail.

speciale Google Inbox per Gmail
Articolo a cura di

Da qualche giorno è arrivata sul Play Store una nuova app per la gestione delle mail, Google Inbox per Gmail. Iniziamo col precisare che Inbox non è un aggiornamento dell'app Gmail, che resterà indipendente. La particolarità è data dal fatto che Inbox è in grado di raggruppare automaticamente le mail appartenenti alla stessa categoria, senza alcun input da parte degli utenti. Le etichette presenti nell'app sono Viaggi, all'interno del quale sono archiviate tutte le mail provenienti da siti che operano nel settore dei viaggi; Acquisti, che raggruppa le offerte ed i volantini delle varie catene di distribuzione (ma anche le conferme d'invio di una spedizione); Finanza, che come suggerisce il nome serve per unire le mail appartenenti al mondo della finanza, come i rapporti della borsa o, ad esempio, le comunicazioni inviate da banche ed istituti finanziari; Social invece è sicuramente tra le più utili, in quanto i social network tendono spesso ad inviare ai propri iscritti un numero sempre maggiore di mail, che potrebbero intasare le caselle di posta, mettendo da parte i messaggi realmente importanti. La categoria Altre include invece Aggiornamenti, Forum, Promozioni, etc.
Inutile dire che nei primi istanti in cui si avvia l'applicazione, la nuova interfaccia grafica Material Design potrebbe spiazzare molti, ma fortunatamente in pochi istanti si prenderà familiarità con l'app, che si candida ad essere una delle più interessanti degli ultimi mesi.
Inbox è in grado di organizzare il lavoro rapidamente: le email possono essere nascoste temporaneamente (tramite uno swipe) per poi riprenderle successivamente oppure per visualizzarle solo quando si raggiunge una determinata posizione, il tutto grazie alla funzione promemoria che si integra perfettamente con Google Calendar e l'assistente vocale Google Now, sempre più al centro dell'ecosistema del gigante del web. Now che sarà in grado di tracciare le spedizioni in base alle mail ricevute, ma potrà anche essere utilizzato per impostare promemoria o compilare liste.

In via di sviluppo

Inbox è ancora un progetto nelle fasi embrionali, e lo si nota sin dai primi istanti. L'interfaccia utente probabilmente ha bisogno di qualche piccola modifica per renderla ancora più intuitiva, ma la strada tracciata da Google, almeno al momento, sembra quella giusta: l'idea di raggruppare in un'unica applicazione tutti i servizi utili per la fruizione e la lettura delle email è positiva. Per ora l'applicazione può essere utilizzata solo tramite invito, e proprio ciò ne limita una diffusione che, nel momento in cui diventerà aperta a tutti, potrebbe superare anche quella dei diretti concorrenti, come Mailbox.
Non capiamo invece la scelta di creare un'app a parte e non aggiornare il client ufficiale, che sembra ormai destinato al pensionamento, nonostante l'interfaccia grafica sia stata rinnovata e sia stato introdotto il Material Design di Android Lollipop.

Google Inbox per Gmail Inbox non è una vera e propria rivoluzione del concetto di client per la posta elettronica, ma pone dei tasselli importanti per il futuro delle app di categoria. La speranza è che con i prossimi aggiornamenti venga data agli utenti la possibilità di creare delle etichette personalizzabili, oltre ovviamente all'integrazione con altri servizi. L'app è disponibile da poco più di una settimana, per cui siamo solo agli inizi, ma da quanto si è potuto vedere fino a questo momento le potenzialità per creare un ottimo client mail alternativo ci sono tutte.