Intel Core i7-6700K e i7-7700K: i primi confronti mostrano prestazioni simili

Il debutto dell'architettura Kaby Lake si fa sempre più vicino, con i primi dati sul flasghip Core i7-7700K già trapelati online.

speciale Intel Core i7-6700K e i7-7700K: i primi confronti mostrano prestazioni simili
Articolo a cura di
Daniele Vergara Daniele Vergara viene alla vita con un chip Intel 486 impiantato nel cervello, a mo' di coprocessore. E' più che entusiasta di tutto ciò che riguarda la tecnologia intera e i videogames, con un occhio di riguardo verso l'hardware PC e l'overclocking. D'inverno ama snowboardare, macinando km e km di piste. Lo trovate su Facebook, Twitter e Google+.

Kaby Lake è il nome in codice della prossima architettura di Intel, la cui presentazione è prevista il 5 gennaio prossimo. Il lancio sarebbe quindi fra meno di un mese, ma sul web stanno cominciando ad emergere i primi test indipendenti. La CPU più veloce della famiglia Kaby Lake sarà il Core i7-7700K, un componente basato sul processo produttivo a 14 nm (lo stesso di Skylake) che però dovrebbe tirare fuori più prestazioni e più efficienza da questo nodo produttivo. Intel chiama 14 nm+ l'ottimizzazione dei 14 nm, e la sua principale caratteristica sarà quella di consentire ai modelli di prossima generazione di sostenere clock più elevati senza però andare ad impattare direttamente sul TDP. La società americana non ha comunque toccato le istruzioni per ciclo di clock, anche perché l'architettura Kaby Lake è molto vicina a quella Skylake.
I colleghi di Expreview hanno avuto modo di testare proprio il Core i7-7700K e di compararlo al suo diretto predecessore, ovvero il Core i7-6700K, il flagship di scorsa generazione. I test sono molto interessanti e offrono una spaccato di cosa vedremo nella prossima generazione di CPU Intel.

Ecco il flagship di Kaby Lake

Secondo Expreview, l'Intel Core i7-7700K avrà quattro core con Hyperthreading, il che si tradurrà in otto core logici. Le velocità di clock base e turbo dovrebbero essere impostata rispettivamente a 4,2 GHz e a 4,5 GHz, il tutto affiancato da 8 MB di cache L3 e un TDP di 91 W. Il prezzo di vendita dovrebbe allinearsi a quello del Core i7-6700K nel momento in cui arrivò sul mercato, ovvero intorno ai € 400.

Ricordiamo che l'architettura Kaby Lake quest'anno si fregia anche di un Core i3 con moltiplicatore sbloccato, chiamato i3-7350K, modello che potrebbe far gola a molti appassionati di overclocking, e anzitutto a coloro che non vogliono spendere tantissimo. Non mancherà inoltre un processore i5 della serie K, che a tale iterazione si chiamerà i5-7600K: da quest'ultimo ci aspettiamo un 10% di prestazioni in più rispetto al processore direttamente precedente, cioè l'i5-6600K.
Oltre a questi tre processori, Kaby Lake offrirà chiaramente tanti altri modelli, comprese nuove CPU appartenenti alla serie Pentium, che andranno ad occupare la fascia bassa del mercato.

Core i7-7700K versus core i7-6700K

I test condotti da Expreview sono stati effettuati su una motherboard Intel Z270, su cui è stata inserita una scheda grafica NVIDIA GeForce GTX 1070, 8 GB di RAM DDR4 a 2133 MHz, un SSD da 240 GB e un cooler di Prolimatech. Il sito non ha rivelato quale scheda madre ha utilizzato per non violare gli accordi di non divulgazione e, trattandosi probabilmente di una board non ancora ultimata, è possibile che il firmware ed il BIOS siano ancora in fase di testing. I primi numeri venuti fuori dai test cercano di capire le performance pure della nuova architettura, attraverso 11 benchmark differenti. I risultati mostrano che il Core i7-7700K è circa il 7,40% più veloce nelle applicazioni single thread e l'8,8% più performante quando si parla di scenari multi thread rispetto al Core i7-6700K. Da notare come il boost clock del processore Kaby Lake è proprio il 7% più elevato rispetto a quello del modello precedente, per cui possiamo facilmente dedurre che l'incremento di velocità è quasi pienamente derivante dall'innalzamento delle frequenze operative massime. Il secondo test, più breve, è stato effettuato con alcuni videogiochi, fra cui Civilization Beyond Earth e GTA 5, con i quali la differenza è stata molto piccola, pari a circa l'1% in favore dell'i7-7700K.
Il terzo e ultimo giro di prove è stato effettuato clock-to-clock, ovvero settando entrambi i processori alla stessa frequenza, in questo caso di 4 GHz. In tale situazione i risultati sono stati un po' sorprendenti, in quanto il Core i7-7700K è risultato essere addirittura più lento di circa lo 0,86% e dello 0,02% rispettivamente con app single thread e multi thread. Questo dato testimonia che i cambiamenti architetturali sono stati assenti o perlomeno minimi, almeno se questi dati saranno confermati una volta che le nuove CPU saranno arrivate sul mercato.

Intel Dai primi test, il Core i7-7700K e il Core i7-6700K appaiono molto simili a livello di design, e l’incremento prestazionale sembra essere stato ottenuto semplicemente dall’aumento delle frequenze. Tale innalzamento dovrebbe essere più consistente in overclocking, in quanto qualche utente ha raggiunto un clock di 5 GHz con dissipatore ad aria, il che potrebbe dare all’architettura Kaby Lake un vantaggio prestazionale più elevato. Attenzione però al consumo, in quanto l’i7-7700K sembra consumare generalmente 10 W in più dell’i7-6700K, e le temperature di esercizio sembrano essere di conseguenza più alte. La piattaforma Intel Z270 e l’architettura Kaby Lake sono vicine, ma quest’anno Intel avrà concorrenza serrata di AMD, che con i suoi processori Zen promette molto bene e dovrebbe tra l’altro arrivare nello stesso periodo della rivale.