Intel prepara l'Intel Core i7-7740K e l'i5-7640K per fare lo sgambetto a Ryzen

Per prepararsi all'arrivo dei processori AMD Ryzen, Intel starebbe progettando l'i7-7740K e l'i5-7640K, CPU della piattaforma Kaby Lake X.

speciale Intel prepara l'Intel Core i7-7740K e l'i5-7640K per fare lo sgambetto a Ryzen
Articolo a cura di
Daniele Vergara Daniele Vergara viene alla vita con un chip Intel 486 impiantato nel cervello, a mo' di coprocessore. E' più che entusiasta di tutto ciò che riguarda la tecnologia intera e i videogames, con un occhio di riguardo verso l'hardware PC e l'overclocking. D'inverno ama snowboardare, macinando km e km di piste. Lo trovate su Facebook, Twitter e Google+.

L'architettura Ryzen di AMD si fa sempre più vicina. Con l'avvicinarsi della presentazione le informazioni si fanno sempre più corpose, informazioni che descrivono processori davvero interessanti dal punto di vista prestazionale. Mai come quest'anno, Intel è piuttosto preoccupata della rivale, date le ottime premesse di Ryzen. Per questo motivo l'azienda americana si è subito portata alla controffensiva progettando dei modelli che potessero competere al meglio con le performance attese dei processori AMD di punta. Intel sembra infatti avere in cantiere due CPU totalmente nuove, che si chiameranno Core i7-7740K e Core i5-7640K. Questi due modelli avranno delle frequenze operative più elevate rispetto ai processori corrispettivi i7-7700K e i5-7600K, ma saranno basati sulla stessa architettura. Date le frequenze di clock più alte, e di conseguenza le tensioni d'ingresso più sostenute, il TDP dovrebbe subire quindi un lieve rialzo.

Due nuovi processori in cantiere

I Core i7-7740K e Core i5-7640K sembrano proprio essere una contromisura alla nuova architettura di AMD, come ha confermato il CEO di Intel, Brian Krzanich, secondo il quale l'architettura Kaby Lake può competere senza troppi problemi con Ryzen. Intel è cosciente del fatto che le nuove edizioni delle CPU AMD saranno estremamente più competitive rispetto gli scorsi anni, durante i quali l'azienda di Sunnyvale si è dedicata esclusivamente a poche rifiniture. Intel starebbe di conseguenza preparandosi all'arrivo sia del top di gamma R7 1800X sia degli altri modelli di fascia più bassa, che però dovrebbero offrire delle prestazioni abbastanza consistenti per il prezzo a cui saranno venduti.
Intel Core i7-7740K e Intel Core i5-7640K, come il nome commerciale lascia intendere, saranno quindi basati sul design di settima generazione, senza grossi stravolgimenti sul fronte architetturale. Alcune voci provenienti dal sito Benchlife hanno confermato che i due modelli fanno parte della famiglia Kaby Lake X, che sarà lanciata ad agosto di quest'anno.

I7-7740K e i5-7640K

l'Intel Core i7-7740K sarà il processore più veloce dell'intera line-up Kaby Lake, rimpiazzando l'Intel Core i7-7700K con delle specifiche leggermente migliorate. Il numero di core rimarrà sempre ancorato a quattro, con la possibilità di sfruttarne otto thread grazie all'Hyper-Threading. Anche il processo produttivo sarà identico, ovvero avremo dei transistor a 14 nm+, un piccolo miglioramento dei già esistenti 14 nm FinFET. Il dato più interessante per l'i7-7740K è sicuramente relativo ai clock, che dovrebbero essere fissati a 4,3 GHz e a 4,5 GHz rispettivamente per la frequenza di base e col turbo boost, alzando leggermente l'asticella delle prestazioni rispetto all'i7-7700K. Il processore raggruppa una cache L3 condivisa fra tutti i core da 8 MB, ed ha un TDP di 112 W.
L'Intel Core i5-7640K, invece, sarà il primo processore della famiglia i5 ad andare sulla piattaforma high-end desktop di Intel. Come da tradizione, questo modello avrà quattro core con quattro thread, senza la possibilità di utilizzare l'Hyper-Threading. Il processo produttivo impiegato continua ad essere legato ai 14 nm+, perfettamente identico a quello sfruttato per l'i7-7740K. Le velocità di clock sono fissate a 4 GHz, sia per la frequenza base che per quella boost. È chiaro che quest'ultima potrà essere aumentata durante l'overclocking per ottenere più prestazioni. Il TDP è a 112 W, con una cache L3 che scende a 6 MB rispetto agli 8 del suddetto i7. Un aggiornamento importante, e che sarà per la prima volta a bordo di un i5, è la possibilità di sfruttare la tecnologia quad channel per le RAM, grazie alla nuova piattaforma (che ipoteticamente si chiamerà Intel X299), e che fornirà anche più linee PCIe dalla CPU e dal PCH.

Intel Kaby Lake è un’architettura che ha portato principalmente un incremento dei clock operativi rispetto Skylake. Anche Kaby Lake X si concentrerà su questo aspetto; ciò che ci spaventa è il TDP elevato, che potrebbe portare qualche limite durante l’overclocking, ma chiaramente è ancora tutto da vedere. Altra domanda, che deriva sempre dal TDP, è relativa alle temperature, e speriamo che gli utenti non debbano essere forzati ad utilizzare una soluzione di raffreddamento di fascia più elevata per spingere le frequenze. Non abbiamo informazioni circa il prezzo finale di vendita dell’i7-7740K, ma è chiaro che esso sarà più alto della variante che lo precede. Intel potrebbe anche offrirlo ad un costo pari al processore di fascia più alta Ryzen, nel caso volesse adottare una strategia aggressiva, anche se - guardando alla storia di Intel - questo non dovrebbe accadere. È possibile però che la casa statunitense apporti un abbassamento di prezzo ai modelli della piattaforma high-end desktop, che come da tradizione hanno un costo superiore alla norma.