iPhone 8 a oltre 1000$? Il 79% degli utenti americani rimarrebbe fedele ad Apple

Un'indagine condotta negli USA mostra come il 79% degli utenti non passerebbe mai alla concorrenza, ma se il prezzo di iPhone 8 superasse i 1000$?

speciale iPhone 8 a oltre 1000$? Il 79% degli utenti americani rimarrebbe fedele ad Apple
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

I sondaggi, soprattutto su campioni relativamente piccoli, non possono certo essere precisi al 100%, ma quello svolto da Fluent, a prescindere dal risultato finale, apre un tema che nelle prossime settimane sarà certamente molto dibattuto. Anche se non c'è ancora conferma ufficiale infatti, il prossimo 12 settembre potrebbe essere il momento dei nuovi iPhone, che quest'anno si presenteranno con una gamma più ricca del normale. Non solo iPhone 7s e 7s Plus, ma anche iPhone 8, il top di gamma borderless che potrebbe finalmente ridare la spinta necessaria per innovare in casa Apple, dopo un 2017 in chiaroscuro, che ha visto ottimi introiti ma un calo nel market share globale, almeno secondo gli ultimi dati. E così, tra apparizioni nelle tasche di Tim Cook e i rumor più disparati, iPhone 8 si sta preparando al debutto, che potrebbe segnare anche l'inizio di una nuova politica di prezzi per Apple, che non sembra però spaventare gli utenti.

Fedeltà sì, ma a che prezzo?

L'indagine condotta da Fluent è stata svolta su un campione di 2000 consumatori USA, non un numero enorme ma comunque un campione rappresentativo. Questi hanno risposto a varie domande, sia sulla fedeltà al brand Apple e sia sul possibile passaggio a Samsung come alternativa. Ebbene, i dati sono piuttosto curiosi. Innanzitutto, Fluent ha scoperto che solo il 5% degli intervistati possessori di iPhone comprerebbe Samsung come prossimo smartphone. Il 79% invece comprerebbe un altro iPhone, segno che la fedeltà di marca, in casa Apple, è molto marcata, certamente più del 31% registrato con i brand Android, in cui il passaggio da un produttore all'altro è molto più frequente. Ottime notizie quindi per Apple, ma un sondaggio promosso da Mark Moskowitz Barclays mostra anche un altro punto di vista: solo il 18% degli utenti interessati ad iPhone spenderebbe più di 1000$ per averne uno.
Si tratta di un dato interessante e che va collegato ai rumor sul prezzo del prossimo iPhone 8, che supererebbe la cifra di 1000$ una volta arrivato sul mercato. Una soglia psicologica che molti utenti non sembrano disposti a superare, almeno nel campione analizzato negli Stati Uniti. In questo senso Samsung è stata furba, con un prezzo ufficiale di 929$ per la versione da 64 GB per il sui Note 8. Analizzando anche i prezzi proposti dagli operatori americani, si scopre che il nuovo Note è venduto tra i 930$ di Verizon e i 960$ di T-Mobile, per cui anche senza passare dallo store ufficiale Samsung i prezzi rimangono circa gli stessi. Il sondaggio condotto da Barclays però non tiene conto di un fattore: la predisposizione degli americani all'acquisto del telefono a rate o comunque attraverso la sottoscrizione di un abbonamento. Proseguendo con l'esempio del Note 8, gli operatori americani lo propongono a cifre tra i 20 e i 40 dollari mensili, in base alla tipologia di sottoscrizione.

Quanto potrà influire un eventuale prezzo di vendita di iPhone 8 superiore ai 1000$ sulle cifre richieste per averlo in abbonamento/rate? Molto poco, e di certo si tratterebbe della modalità di acquisto prediletta dagli americani. Ecco perché iPhone 8, a dispetto di un costo più elevato, a nostro avviso non avrà problemi nelle vendite, almeno in territorio americano. Da noi il discorso cambia ma, per quanto importante, il mercato italiano rimane marginale rispetto agli Stati Uniti o alla Cina (come mostrano anche gli ultimi dati di Gartner) e di certo influirà solo parzialmente sul successo di un dispositivo che promette molto bene a livello commerciale, anche a cifre maggiorate.