LG, Sony e Panasonic: tutti i TV OLED in arrivo in Italia e probabili prezzi

Quest'anno il mercato dei TV OLED offrirà un numero maggiore di alternative, dal TV A1 di Sony all'EZ1000 di Panasonic, passando per tutta la gamma LG.

speciale LG, Sony e Panasonic: tutti i TV OLED in arrivo in Italia e probabili prezzi
Articolo a cura di
Alessio Ferraiuolo Alessio Ferraiuolo è cresciuto a pane, cinema e videogame. Scopre in giovane età la sua passione per la tecnologia, che lo porta a divorare tutto quello che il mercato ha da offrire, dall’hardware per PC agli smartphone, senza mai sentirsi sazio. Nel tempo libero adora suonare la chitarra, andare in palestra e guardare tonnellate di film e serie TV. Lo trovate su Google+ e su Facebook.

Il 2017 vedrà l'arrivo sul mercato italiano di diversi modelli di TV OLED, un mercato caratterizzato in questi anni dalla presenza della sola LG, monopolista assoluta del settore. Questa condizione non cambierà a breve, visto che tutti i modelli previsti monteranno un pannello prodotto dall'azienda coreana, ma di certo le proposte di Sony e Panasonic porteranno maggiori alternative agli utenti italiani. Prima di proseguire con i prodotti in arrivo nel nostro paese però, è bene precisare una cosa: sembra infatti che solo LG proporrà pannelli dal costo più accessibile al grande pubblico, mentre Sony e Panasonic si concentreranno sulla fascia alta del mercato. Purtroppo non ci sono ancora i prezzi ufficiali per l'Italia, ma le caratteristiche dei modelli proposti dalle due aziende giapponesi lasciano davvero poco spazio ai dubbi.

LG: OLED per tutti i gusti

Il prezzo dei TV OLED è più alto di quelli dotati di pannello LCD, tecnologia su cui Samsung punterà molto quest'anno, grazie ai TV QLED, gli unici ad essere riusciti a raggiungere la copertura del 100% dello spazio di colore DCI-P3. Samsung sarà l'unica azienda a non portare sul mercato nemmeno un modello OLED, forse per non avvantaggiare l'eterna rivale LG, a cui avrebbe dovuto affidarsi per la realizzazione dei pannelli. Proprio LG è l'unica realtà a poter proporre TV dal costo relativamente contenuto, almeno rispetto alla concorrenza. Non è questo però il caso del Signature W7, un prodotto di lusso indirizzato agli appassionati. Il top di gamma di casa LG può contare su un design davvero unico, con cornici sottilissime e uno spessore di soli 2.57 mm. Praticamente un quadro da appendere al muro, dotato anche delle migliori tecnologie. La luminosità di picco è di 900 Nits e offre una copertura dello spazio di colore DCI-P3 del 98.5%, grazie anche alla calibrazione operata di fabbrica da Tecnicolor. Ovviamente troviamo tutti gli standard più in voga del momento, visto che il pannello 4K riesce a riprodurre contenuti HDR10 e Dolby Vision, compreso anche l'HLG, che sarà utilizzato per le trasmissioni televisive in HDR. Il W7 Signature offre una diagonale di 65 e 77 pollici, per un prodotto davvero unico ma che si fa pagare, visto che il modello più piccolo costa 7999$, che potrebbero diventare 7999€ in Europa.

Scendendo nella linup di LG troviamo i modelli G7 ed E7. Nella gamma G7 sono presenti varianti da 77 e 65 pollici: il primo ha un prezzo ancora sconosciuto, mentre per il secondo servono 6999$ per portarselo a casa. Per quanto riguarda invece gli E7 troviamo TV da 65 e 55 pollici, prezzate rispettivamente a 5999$ e a 4499$. A chiudere ci sono poi i TV C7 e B7, entrambi nei formati da 65 e 55 pollici. Il C7 parte da un prezzo di 3499$, per salire a 4999$ per il modello più grande, mentre della gamma B7 non sono ancora stati diffusi i prezzi ufficiali per il mercato americano. Anche se le cifre sono alte, bisogna tenere presente che si tratta di prezzi di listino, che subiranno certamente ribassi non appena i TV arriveranno nei negozi. Non è quindi impensabile prevedere che la gamma B7, quella più bassa, potrebbe essere accessibile con una spesa di circa 3000€, che potrebbero diventare 2000 in poco tempo grazie ad offerte e promozioni nei punti vendita.

Sony A1 per la fascia alta

Sony debutterà quest'anno con il suo primo TV OLED, l'A1. Abbiamo avuto modo di osservarlo all'opera qualche settimana fa, una prova che ha messo in evidenza la bontà della proposta della casa giapponese. Del resto stiamo parlando di un televisore di fascia alta, dotato di caratteristiche uniche, a partire dal design. Il Sony A1 infatti offre una scocca priva di qualsivoglia elemento che possa distrarre lo spettatore dalle immagini, con il pannello tenuto in piedi da un supporto posteriore. Supporto che integra tutte le connessioni e un subwoofer, che da manforte sui bassi al sistema audio Acoustic Surface. Questo sfrutta quattro trasduttori posti nella parte posteriore del pannello, per farlo vibrare ed emettere così i suoni. Durante la nostra prova di ascolto il sistema ha ben figurato, riuscendo a riprodurre l'audio in modo più credibile rispetto ai comuni televisori, grazie alla generazione dei suoni direttamente dalla parte frontale dello schermo, non da quella inferiore o posteriore, come accade normalmente. Ovviamente anche dal punto di vista della qualità video non sembra mancare davvero nulla all'A1, che arriverà nelle versioni da 55, 65 e 77 pollici, tutti con processore video X1 Extreme, tecnologia TRILUMINOS, 4K X-Reality Pro e piena compatibilità con HDR10 e Dolby Vision. Buona le resa del Super Bit Mapping 4K HDR, che converte il segnale a 8 e 10 bit in uno a 14 bit, rendendo più uniforme la resa del colore. Questo modello dovrebbe arrivare in Italia a giugno a una cifra non ancora confermata, ma che difficilmente sarà inferiore ai 3500€ per la variante da 55".

Panasonic EZ1000 ed EZ950

Dopo l'ottimo ma costoso CZ950, Panasonic ritorna nel mercato OLED con due modelli che saranno lanciati in quattro versioni. Si parte dal modello top EZ1000, che racchiude al suo interno le migliori tecnologie della casa giapponese e sarà disponibile nei prossimi mesi nelle varianti da 65 e 77 pollici. Anche qui troviamo la piena compatibilità con tutti gli standard del momento, 4K, HDR10 e HLG, il tutto con certificazione THX e Ultra HD Premium. Il look è una evoluzione del progetto Art&Interior visto di recente nei modelli top di Panasonic, con cornici sottilissime e una soundbar integrata con ben 14 speaker, chiamata Dynamic Blade, prodotta da Technics. La luminosità è aumentata rispetto al CZ950, come anche lo spazio di colore, che copre ora quasi per intero lo spazio di colore DCI-P3. Molta attenzione è stata riposta nella resa dei neri, che sfruttano il filtro Absolute Black, che assorbe i riflessi e la luce in eccesso presente nell'ambiente.

All'interno troviamo il processore d'immagine Studio Colour HCX2, che sfrutta delle tabelle di look-up tridimensionali che trasformano l'EZ1000 in prodotto quasi professionale, tanto che è possibile caricarne di personalizzate tramite la porta USB. Troviamo poi una calibrazione effettuata dalla Imaging Science Foundation e la piena compatibilità con il sistema di calibrazione Portrait Displays CalMAN. In questo caso non ci sono ancora indicazioni sui prezzi, ma la cosa certa è che non saranno a buon mercato, e sicuramente più alti della gamma EZ950. Questa arriverà nelle versioni da 55 e 65 pollici, senza soundbar frontale e senza filtro Absolute Black, ad un prezzo purtroppo ancora sconosciuto.